Il Centre Pompidou aprirà negli USA: una nuova sede a Jersey City nel 2024

Il primo avamposto nordamericano del museo francese sorgerà al “Pathside Building”, un edificio industriale della città che verrà riqualificato dallo studio OMA Architecture assieme al suo associato newyorchese, Jason Long.

Renzo Piano & Richard Rogers, Centre Pompidou, Parigi
Renzo Piano & Richard Rogers, Centre Pompidou, Parigi

Dopo MetzMalaga, Bruxelles e Shanghai, Il Centre Pompidou ufficializza l’apertura di una nuova sede straniera, la quarta fuori dal territorio francese, prevista nel 2024 a Jersey City nel New Jersey, Stati Uniti non lontanissimo da New York. A dare l’annuncio, nella conferenza stampa della mattinata del 4 giugno, Steven M. Fulop, sindaco della città di New Jersey e Serge Lasvignes, Presidente del Centre Pompidou, che hanno rivelato in esclusiva il progetto di co-creazione della nuova istituzione culturale.

IL POMPIDOU A JERSEY CITY

“Sono felice di annunciare questa iniziativa ambiziosa per il Centre Pompidou, con dei partner cosi promettenti”, ha dichiarato Serge Lasvignes. “Le nostre esperienze in corso a Metz, Malaga, Bruxelles e Shangai hanno mostrato la forza e la pertinenza del nostro modello, che consiste a puntare, al di là dei nostri confini, a dei nuovi orizzonti, per intrecciare dei partenariati innovativi. Sono molto felice che il Centre Pompidou apra questo dialogo inedito con gli Stati Uniti attraverso Jersey City, una comunità ricca di dinamismo e di diversità”. Il primo partenariato con il Nord-America si concretizzerà anche grazie anche allo studio d’architettura OMA Architecture e al suo associato newyorchese, Jason Long, che permetterà di reinventare e di rinnovare l’iconico “Pathside Building” situato nel cuore della storica piazza di Journal Square a Jersey City, una delle città più fiorenti della metropoli di New York.

IL POMPIDOU A JERSEY CITY IN LINEA CON LE SINERGIE LOCALI

Pensato in diretta collaborazione con gli abitanti e gli artisti locali, il futuro programma del Centre Pompidou × Jersey City inviterà dei professionisti e dei talenti emergenti provenienti da tutti gli orizzonti culturali. L’istituzione consentirà anche di dinamizzare la vita culturale regionale e locale già estremamente variegata, avendo anche come vocazione quella di accogliere un pubblico vasto e diversificato, rispecchiando le evoluzioni culturali contemporanee che investono la società. “Raccogliendo la più grande collezione d’arte moderna e contemporanea d’Europa, il Centre Pompidou è il partner ideale per dare vita alla nostra visione di trasformare Jounal Square in un punto di riferimento culturale regionale. Il rifacimento del Pathside Building costituisce l’occasione straordinaria di offrirgli una seconda vita e di creare un museo e un centro d’arte e di cultura aperto a tutte le comunità, per meglio servire la città. Tra i nostri progetti di rivitalizzazione, questa nuova fase sfrutta tutto il potenziale della nostra città per fare di Journal Square una destinazione imperdibile per le generazioni a venire”, ha concluso Steven Fulop, sindaco della città di Jersey City.

– Arianna Piccolo

https://www.centrepompidou.fr/en/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Piccolo
Storico dell’arte e giornalista, vive tra Parigi, Napoli e Roma seguendo il ritmo dei vari impegni lavorativi e di studio. Dopo la laurea Magistrale in Storia dell’arte, intraprende il percorso giornalistico, attraverso TV, web e carta stampata, curando l’ufficio stampa e l’organizzazione di eventi culturali di rilevanza locale e nazionale. A seguito di numerose esperienze in ambito museale si specializza nel settore del marketing e della valorizzazione dei Beni Culturali. Si reca, poi, a Parigi dove consegue un Master 2 all’università Sorbonne in Museologia e Mediazione Culturale svolgendo, in quest’ambito, un’importante esperienza come assistente alla conservazione del Dipartimento degli Oggetti d’Arte del museo del Louvre.