Architettura e innovazione: il caso Katy Marks

La storia di Katy Marks, architetto di eccezionale talento che, in poco più di un decennio, ha saputo conquistarsi un ruolo di tutto rispetto nel panorama internazionale.

Katy Marks
Katy Marks

Cosa sareste disposti ad affrontare pur di seguire la vostra strada? Rischi, rinunce e scommesse, risponderebbe l’architetto Katy Marks, la cui breve ma intensa carriera è un susseguirsi di coraggiosi salti nel vuoto. Come nel 2003 quando, neolaureata in Environmental Design, investe tutti i suoi risparmi per fondare a Londra The Hub, uno dei primi spazi di coworking al mondo. O quando, due anni dopo, alla pionieristica impresa, trasformatasi in un network globale, preferisce una lunga e difficile gavetta presso Haworth Tompkins. O ancora nel 2012, in attesa del suo secondogenito, lascia la prestigiosa posizione di project architect dell’Everyman Theatre di Liverpool per sperimentare “una forma di practice più flessibile, che coniughi le esigenze di madre con quelle di professionista”. Un percorso fuori dagli schemi, ma dagli esiti sorprendenti.

Citizens Design Bureau, Hackney Downs Studios, 2015
Citizens Design Bureau, Hackney Downs Studios, 2015

UN CURRICULUM D’ECCEZIONE

Grazie alla complicità di Steve Tompkins, Katy Marks torna infatti con il suo neonato studio Citizens Design Bureau a far parte del team di progetto del teatro che nel 2014 vincerà l’ambitissimo Stirling Prize. Un esordio senza uguali per la practice londinese, che a soli tre anni dalla nascita vanta oggi un curriculum d’eccezione. Ai più tradizionali progetti del caffè del Royal Court Theatre e degli interni del Sondheim Theatre a Londra si aggiungono interventi strategici ed esperimenti partecipativi. Come Hackney Downs Studios, in cui CDB, chiamato a convertire in uffici un ex complesso industriale nell’East London, inserisce, oltre a cento atelier e uffici, anche piccoli esercizi commerciali, un doposcuola e un teatro di quartiere, creando una comunità attorno all’ambiente lavorativo. Un approccio che vede l’architetto progettare non solo spazi ma anche processi, valso a Katy Marks la candidatura all’Emerging Woman Architect of the Year 2015.

Lyndon Goode Architects with Citizens Design Bureau, Undercroft Bar at The Royal Court Theatre, 2015
Lyndon Goode Architects with Citizens Design Bureau, Undercroft Bar at The Royal Court Theatre, 2015

L’ESPERIENZA DEL MUSEO

Con il concorso per il restauro e l’ampliamento del Museo ebraico di Manchester vinto nell’aprile 2016, CDB applica il suo innovativo metodo a uno spazio espositivo. Elaborata attraverso workshop con le diverse comunità locali, la proposta dello studio londinese prevede un programma di attività ed eventi che coinvolge ogni singolo elemento architettonico. Con i parapetti che diventano timeline e il caffè, una scuola di cucina kosher, il nuovo museo “sarà un luogo in cui, anziché passivamente guardare oggetti, vivere un’esperienza”. In attesa del permesso di costruire a Manchester, CDB sta ora elaborando un business plan per la biblioteca del villaggio olimpico di Londra. Un incarico per il quale lo studio intende pensare “un nuovo modello che permetta al municipio di garantire un servizio per la comunità e al contempo rafforzi l’economia locale”. Una nuova affascinante sfida, nella quale l’imprevedibile Marks non mancherà di stupire. C’è da scommetterci.

Marta Atzeni

www.citizensdesignbureau.net

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #35

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Marta Atzeni
Interessata alle intersezioni fra l'architettura e le arti, si è laureata in Architettura presso l’Università degli Studi Roma Tre con una tesi teorica sui contemporanei sviluppi delle collaborazioni fra artisti e architetti. Collabora con l’AIAC nell’organizzazione di eventi, mostre e workshop; è parte del network di GVultaggio Architecure & Design.