Chi dirigerà il MAMbo e gli altri 4 musei Bologna? Ecco i 10 finalisti del bando

In corsa Lorenzo Balbi, Maria Chiara Bertola, Cecilia Braschi, Fabio Cavallucci, Valerio Deho’, Stefano Raimondi, Beatrice Avanzi, Claudio Cravero, Alessandra Laitempergher, Davide Quadrio

Museo MAMbo

10 nomi per il futuro della Bologna artistica. Come annunciavamo a fine gennaio, si è conclusa la prima parte della selezione per la ricerca di un curatore responsabile della linea culturale dei musei felsinei, in primis il MAMbo, ma anche Museo Morandi, Casa Morandi, Museo per la Memoria di Ustica, Villa delle Rose e residenza per artisti Sandra Natali. Sui 120 curriculum giunti sono stati dunque scelti i 10 candidati che il 12 aprile sosterranno i colloqui individuali davanti a una commissione e formata da due dirigenti comunali, Maria Grazia Bonzagni e Francesca Bruni – attuale direttrice ad interim del Mambo – e da Letizia Ragaglia, direttrice del Museion di Bolzano.

4 DONNE E SEI UOMINI

Chi sono i 10 rimasti in corsa? In rigoroso ordine alfabetico si parte da Lorenzo Balbi, curatore alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, per poi passare a Maria Chiara Bertola, curatrice alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia, Cecilia Braschi, responsabile mostre per Hotel Decaumont centre d’art a Parigi ed Aix-en-Provence, Fabio Cavallucci, direttore del Pecci di Prato, Valerio Deho’, ex direttore del Kunst Merano, Stefano Raimondi, curatore alla GAMeC a Bergamo e anima di The Blank Contemporary Art. E poi Beatrice Avanzi, conservatrice al Musée d’Orsay di Parigi, Claudio Cravero, curatore in Arabia Saudita al Center for World Culture di Dhahran, Alessandra Laitempergher, Head of presentations and education al Museum Beelden aan Zee di Amsterdam, Davide Quadrio, fondatore a Shanghai della piattaforma ArtHub Asia.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.