Dalì e Dante per l’asta di libri antichi e d’artista de Il Ponte

Si apre da giovedì 20 gennaio e fino al 22 a Palazzo Crivelli l’esposizione dedicata da Il Ponte ai Libri antichi e d’artista, la cui asta si terrà il prossimo 25 gennaio 2022

Willem Blaeu, Joan Blaeu e Johannes Janssonius, Theatrum Orbis Terrarumsive Novus Atlas, Amsterdam Blaeu (vols. 1 3) e Janssonius (vol. 4), 1644 1646. Courtesy Il Ponte Casa d’Aste
Willem Blaeu, Joan Blaeu e Johannes Janssonius, Theatrum Orbis Terrarumsive Novus Atlas, Amsterdam Blaeu (vols. 1 3) e Janssonius (vol. 4), 1644 1646. Courtesy Il Ponte Casa d’Aste

Ripresa delle attività all’insegna dei collectibles e in particolare dei libri antichi e d’artista per Il Ponte a Milano. Chiuso l’anno con un record di fatturato di oltre € 1,5 milioni, il Dipartimento di libri e manoscritti apre il calendario delle aste con una proposta incentrata sulla ricercatezza e la rarità delle opere in catalogo, dalla Commedia di Dante alle rappresentazioni cartografiche del 1600 e fino a Salvador Dalì.

Dante Alighieri, Commedia, Venezia Vindelino da Spira, 1477. Courtesy Il Ponte Casa d’Aste
Dante Alighieri, Commedia, Venezia Vindelino da Spira, 1477. Courtesy Il Ponte Casa d’Aste

I LOTTI PIÙ ATTESI, DANTE, VITRUVIO E GLI ATLANTI DEL MONDO

Tra gli highlight di questa prima sessione del nuovo anno spicca un’edizione incunabula della Divina Commedia di Dante Alighieri (stima € 40.000 – 60.000), stampata nel 1477 e contenente la prima pubblicazione della Vita di Dante di Boccaccio. Tra i libri illustrati poi la traduzione italiana del De Architectura di Vitruvio (stima € 18.000 – 25.000) stampata a Como nel 1521 e due atlanti a cura di Blaeu e Janssonius stampati ad Amsterdam tra il 1640 e il 1646, preziosi il primo, Theatrum Orbis Terrarum sive Novus Atlas, atlante simbolo della cartografia olandese del XVII secolo che racchiude tutto il mondo allora conosciuto (stima € 30.000 – 50.000) e l’altro, Atlantis majoris quinta pars, Orbem maritimum (stima € 12.000 – 18.000), perché è il primo “atlante marittimo (nel vero senso della parola) stampato nei Paesi Bassi” (Koeman).

Johannes Janssonius, Atlantis majorisquinta pars, Orbemmaritimum, Amsterdam Janssonius, 1650. Courtesy Il Ponte Casa d’Aste
Johannes Janssonius, Atlantis majorisquinta pars, Orbemmaritimum, Amsterdam Janssonius, 1650. Courtesy Il Ponte Casa d’Aste

ROMEO E GIULIETTA DI DALÌ TRA I LIBRI D’ARTISTA

Tra i libri d’artista compare nel catalogo una speciale versione di Romeo e Giulietta di William Shakespeare di Salvador Dalì (stima € 25.000 – 35.000). Pubblicato da Rizzoli nel 1975, il volume è uno dei 35 esemplari ad personam stampato per Carlo Sironi su carta fatta a mano. L’edizione si arricchisce inoltre di una gouache originale dell’artista, che, come segnalato in catalogo, “riproduce la terza litografia contenuta nel libro che ha come didascalia ‘Grande è la virtù che risiede nelle erbe, nelle piante, nelle pietre e nelle loro facoltà più segrete’, (Atto II, scena III). L’episodio, carico di pathos e magistralmente eseguito dall’artista surrealista, rappresenta infatti il momento in cui Frate Lorenzo porge a Giulietta la fiala che l’avrebbe fatta cadere in una morte apparente per poi ritornare in vita”. Il resto della storia è noto, ma per sapere come andrà a finire invece questa sessione l’appuntamento è il 25 gennaio, ai telefoni e online con Palazzo Crivelli, per le due tornate, una al mattino e una al pomeriggio, e la prima ripartenza delle passioni collezionistiche e dei cataloghi di rarità.

– Cristina Masturzo

https://www.ponteonline.com/

[mostreincitta id="milano" n="5"]
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Cristina Masturzo
Cristina Masturzo è storica e critica d’arte, esperta di mercato dell’arte contemporanea, art writer e docente. Dal 2017 insegna Economia e Mercato dell'Arte e Comunicazione e Valorizzazione delle Collezioni al Master in Contemporary Art Markets di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti a Milano. È responsabile e contributor dell’area di mercato dell’arte di Artribune Magazine. Nel 2020 è stata tra i coordinatori del Forum dell'arte contemporanea italiana. Collabora con il Dipartimento di Arti Visive di NABA (Milano, Roma) e con FM Centro per l’Arte Contemporanea (Milano) e segue come freelance progetti di ricerca sul sistema dell’arte e progetti editoriali indipendenti. Suoi testi sono stati pubblicati in magazine e cataloghi.