Covid e fiere: TEFAF Maastricht slitta al 2022 e si svolge con un’edizione totalmente online

Nonostante il già annunciato slittamento da marzo a settembre 2021, TEFAF fa un passo indietro e rimanda la manifestazione al prossimo anno. Si farà comunque l’edizione online, la quale riunirà virtualmente lavori che coprono sette mila anni di storia dell’arte.

TEFAF Maastricht 2018
TEFAF Maastricht 2018

Pur in un momento di generale ripresa di manifestazioni e eventi in presenza – scriviamo proprio ora dalla Biennale di Architettura a Venezia – non si arrestano le notizie di slittamenti e cancellazioni nel mondo della cultura. L’ultima viene da TEFAF – The European Fine Art Foundation di Maastricht, che ha deciso di rinviare l’edizione di settembre 2021(a sua volta già posposta) a marzo del prossimo anno, coincidendo con le celebrazioni del 35esimo anniversario della fiera. Una scelta piuttosto inaspettata – dato che il procedere della campagna vaccinale in tutti i Paesi sta permettendo il graduale ritorno alla normalità – ma comprensibile, considerando l’ampiezza della fiera, il grande numero di espositori e la voglia di accogliere il pubblico internazionale in un clima di serenità per quanto riguarda scambi, relazioni e mobilità.

TEFAF MAASTRICHT 2021: RESTA L’EDIZIONE ONLINE

Per il 2021 ci si dovrà dunque accontentare della versione digitale, in programma dal 9 al 13 settembre 2021. TEFAF Maastricht Online avrà come tema The Art of Collecting, “L’arte del collezionismo” e tenterà di abbracciare e promuovere anche sulla sua vetrina digitale i sette mila anni di storia dell’arte che la fiera rappresenta. Per raggiungere questo obiettivo l’edizione online ha messo a disposizioni diversi tipi di navigazione: si potranno visitare gli spazi virtuali dei singoli espositori – ai quali è stato chiesto di portare un massimo di tre opere per ciascuno che siano collegate tra loro, costituendo una narrazione – oppure accedere alle TEFAF Collection Pages, una grande catalogazione di lavori disposti in ordine cronologico che potranno essere consultati per periodo, sezione e tecnica, attraverso gli appositi filtri di ricerca. Una fiera che, “insieme a un percorso culturalmente ricco, favorisce un’esperienza intima ed educativa per collezionisti esperti e nuovi buyer”, spiegano gli organizzatori.

TEFAF MAASTRICHT, IL COMMENTO DEL PRESIDENTE DELLA FIERA

In questo momento, TEFAF sta lavorando per organizzare il prossimo evento in presenza in modo da riunire espositori e collezionisti per non appena le circostanze lo consentiranno“, ha dichiarato Hidde van Seggelen, Presidente di TEFAF. “Nel frattempo, siamo entusiasti di presentare una nuova e migliorata edizione di TEFAF online questo settembre, e non vediamo l’ora di riunirci a Maastricht per il 35º anniversario della fiera il prossimo marzo”.

-Giulia Ronchi

www.tefaf.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.