Musei chiusi ma accessibili. 11 proposte di didattica online

Ci sono musei che si danno per vinti e altri che decidono di resistere, proponendo attività e incontri online. Qui ve ne proponiamo una decina.

Contro la chiusura dei luoghi di cultura ‒ che peraltro avevano trovato una comprovata modalità di distanziamento, rendendosi con impegno e lungimiranza luoghi sicuri ‒, e la loro identificazione con il comparto ozio e turismo da parte di chi decreta le restrizioni in tempo di pandemia, si sono levate voci autorevoli.
Il bailamme delle feste natalizie, il susseguirsi dei decreti, le ansie date dai numeri dei contagi hanno prontamente distolto le attenzioni dall’importanza di pensare ai musei come spazio educativo, luogo di presidio della cultura e dell’identità, di storie, di sviluppo del pensiero critico e divergente, come luogo attivo per l’inclusione delle differenze, per la rottura dello stereotipo, a difesa del territorio, avamposto e rifugio.
Abbiamo raccolto qui alcuni dei modi che hanno trovato i musei per restare aperti e restare “comunità”. Anche se i cancelli sono chiusi, le opere sono barricate dentro, gran parte del personale precario non vede rinnovarsi i contratti, sono tanti i progetti per continuare a guardare avanti e a seminare speranza e futuro. On air e on web molti musei accorciano le distanze.

Mercedes Auteri

1. GAMEC – BERGAMO

GAMeC, Bergamo. Aula Magna

La Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo organizza un ciclo di incontri online per studenti delle classi superiori e adulti dedicati al rapporto tra arte, cittadinanza e Costituzione. Con la chiusura dei musei a causa del nuovo lockdown e la conseguente interruzione del programma di lezioni in presenza, l’Aula Magna è stata reinterpretata al fine di non perdere il suo ruolo centrale di luogo dedicato all’educazione ed è diventata così spazio non fisico ma digitale da cui esplorare, con la guida di relatori esperti, i temi dell’educazione civica attraverso alcuni dei lavori esposti nelle sale del museo. Le lezioni, di circa 40 minuti ciascuna, si svolgono sulla piattaforma Zoom e sono aperte alle scuole e a un numero limitato di iscritti, su prenotazione. Gli incontri sono registrati e diffusi successivamente attraverso i canali digitali della GAMeC.

https://www.gamec.it/aula-magna-2/

2. PIRELLI HANGABICOCCA – MILANO

Pirelli HangarBicocca, Milano. Cortocircuiti

Il Dipartimento Educativo di Pirelli HangarBicocca presenta, insieme a Fondazione ISMU – Iniziative e Studi sulla Multietnicità, un corso dal titolo Cortocircuiti. Educare a una cittadinanza plurale attraverso l’arte contemporanea. Dedicato a una esplorazione dell’educazione al patrimonio in chiave interculturale, intesa come pratica trasformativa che incoraggia l’interazione, lo scambio, la messa in discussione dei propri saperi e delle proprie certezze culturali, lo sviluppo di diverse chiavi di lettura della realtà che ci circonda, il riconoscimento delle identità molteplici di cui ognuno di noi è portatore. A partire dalla mostra Short-circuits dell’artista Chen Zhen, al cui cuore vi è il concetto di transesperienze: nelle parole dello stesso artista, una condizione dell’esistenza vissuta “quando si lascia la terra dove si è nati e ci si sposta da un luogo all’altro”, ma anche, più in generale, “il fatto di immergersi nella vita, di fondersi e di identificarsi con gli altri”.

https://pirellihangarbicocca.org/

3. GASC ‒ GALLERIA D’ARTE SACRA DEI CONTEMPORANEI – MILANO

GASC ‒ Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei, Villa Clerici, Milano. Interpreti della diversità

Interpreti della diversità è il progetto di GASC ‒ Galleria d’Arte Sacra dei Contemporanei di Villa Clerici a Milano con ABCittà e il contributo di Fondazione di Comunità. Un percorso di coinvolgimento di gruppi di adulti con diverso background migratorio e due classi scolastiche in PCTO (liceo Cesare Beccaria e liceo Bertrand Russell di Milano). I partecipanti dei workshop sono chiamati a interpretare una selezione di opere del museo a partire dalla propria ricerca individuale, “spirituale” in senso lato a prescindere dalla propria identificazione in un credo religioso o meno. I risultati convergono in una guida di sala e una app polifonica, che raccoglie le diverse interpretazioni e dà conto della ricchezza di sguardi attraverso cui si può leggere un’opera nelle diverse stagioni della vita e partendo dalle domande più urgenti per la propria crescita.

https://www.villaclerici.it/galleria-darte-sacra-dei-contemporanei/

4. MADRE – NAPOLI

MADRE, Napoli. Museo Futuro

La Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee della Regione Campania presenta Museo Futuro, la nuova piattaforma performativa attraverso cui il Museo Madre propone un inedito percorso online per la sperimentazione di una originale rilettura del concetto di museo. Un percorso digitale inedito, totalmente gratuito, curato da Jeffrey Schnapp, membro del nuovo Comitato Scientifico del museo Madre. Storico statunitense, è la figura di riferimento nel campo delle digital humanities, ovvero di come il digitale impatti sui modelli di produzione e trasmissione della cultura. A partire da dicembre, venti partecipanti selezionati attraverso questo bando potranno seguire online l’iter di alta formazione, in cui saranno affrontate tematiche quali la musealizzazione nel futuro, l’identità istituzionale di un museo e il suo impatto nel mondo fisico e virtuale, l’interazione e la multisensorialità, la reinterpretazione degli spazi, la progettualità e la ricerca, e che si concluderà con una nuova pubblicazione dinamica in 4D.

https://www.madrenapoli.it/calendario/museo-futuro-aperto-il-bando-di-selezione/

5. CENTRO PECCI – PRATO

Centro Pecci, Prato. Pecci ON

 

Pecci ON è il nuovo palinsesto di appuntamenti ONline e di conversazioni ONair. Un ciclo di incontri che mette in dialogo figure di spicco del panorama internazionale – direttori di musei, curatori, operatori e professionisti in ambito museale – per interrogarsi sul ruolo delle istituzioni culturali in un momento di forte cambiamento come quello che stiamo vivendo. Qual è il ruolo di un museo oggi, soprattutto un museo d’arte contemporanea? Come sta cambiando? Come deve essere il museo di domani, per rispondere alle esigenze del suo territorio e delle sue comunità di riferimento? Domande di questo tipo saranno il punto di partenza per riflessioni che troveranno spazio in una piattaforma aperta di confronto, pensata con l’obiettivo non tanto di trovare facili risposte, quanto piuttosto di attivare un processo di ascolto e di analisi dei nuovi bisogni di un mondo in rapida trasformazione.

https://www.centropecci.it/it/eventi/pecci-on

6. MUSEO TATTILE OMERO – ANCONA

Museo Tattile Omero, Ancona. Toccare l’arte alla Radio

Il Museo Tattile Omero di Ancona crea una pagina web con gli audio della rassegna Toccare l’arte alla Radio realizzata in collaborazione con Slash Radio Web e disponibile sul sito dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Lezioni di arte e interviste ad artisti di quaranta minuti a cura dello staff del Museo Omero e dedicate a tutti, con particolare attenzione alle descrizioni delle opere per rendere la comunicazione pienamente accessibile. Le video conferenze Uno zoom sull’arte con Cyrille Gouyette (Musée du Louvre), James Bradburne (Pinacoteca di Brera) Christian Greco, (Museo Egizio) Tiziana Maffei (Reggia di Caserta) per raccontare l’arte e l’archeologia con massimi esperti. E uno spazio speciale è riservato alle letture animate e ai laboratori per bambini.

https://www.museoomero.it/

7. PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI – ROMA

Palazzo delle Esposizioni, Roma. Dance Well

Il Palazzo delle Esposizioni di Roma organizza Dance Well, perché, a maggior ragione con le restrizioni, durante le feste mangeremo di più e un poco di moto aiuta il corpo e l’anima. Torna l’appuntamento con la danza inclusiva in mostra, in collaborazione con Parkinzone, una lezione aperta su Zoom della ballerina Carlotta Bortesi tra le sale della mostra Fuori ‒Quadriennale d’arte 2020. E poi insieme al Laboratorio d’arte arte contemporanea tra scuola e realtà. Suggerimenti, spunti e idee per introdurre i temi dell’arte attraverso una nuova modalità a distanza con la consueta attitudine a guardare alle opere degli artisti del presente come agli albi illustrati e con uno sguardo alla tecnologia attingendo dalle risorse digitali di app dedicate all’istruzione, videogiochi ed editoria digitale di qualità. Un approccio divertente e originale per affrontare la programmazione scolastica e la didattica a distanza.

https://www.palazzoesposizioni.it/

8. MAMBO – BOLOGNA

Lorenzo Balbi, direttore artistico MAMbo Museo d’Arte Moderna di Bologna. Photo Caterina Marcelli © MAMbo

Il museo è chiuso e tu hai una voglia irrefrenabile di arte? Il Dipartimento educativo del MAMbo di Bologna è anche da asporto. Direttamente a casa tua, un laboratorio per progettare spazi ed esperienze da vivere in un possibile nuovo museo. Dal 14 dicembre si può andare al MAMbo e ritirare il kit, anche per regalarlo ad altri. Dentro la confezione c’è l’invito a partecipare a una attività online. Durante le feste e le vacanze scolastiche tornano gli attesi laboratori dedicati a bambini di 5-11 anni sulla collezione permanente e le mostre temporanee, che saranno lo spunto per nuove e divertenti attività di laboratorio da svolgere online. Esistono diversi tipi di collezioni: a volte si tratta di oggetti scelti con cura sulla base della loro particolarità o perché rappresentano il ricordo di persone importanti, di momenti speciali, di esperienze vissute, di storie straordinarie per creare una personale “collezione di cose” che racconti storie, interessi, emozioni.

http://www.mambo-bologna.org/

9. MUSEO NAZIONALE DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA ‒ MILANO

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, Milano. Tuta spaziale

Sul sito del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, possiamo organizzare viaggi diretti di solo andata verso l’infinito e oltre. Dall’osservazione degli astri all’esplorazione dello Spazio, alcune delle più belle storie di astronomia e spazio partendo dalle esposizioni del museo per arrivare nelle profondità dell’Universo, passando da globi e telescopi, lanciatori e satelliti, le missioni Apollo sulla Luna… e anche i marziani. Ogni sabato una nuova puntata.

https://www.museoscienza.org/it

10. PAV – TORINO

Parco Arte Vivente, Torino

Per venire incontro alle richieste di apprendimento a distanza, il Parco Arte Vivente di Torino propone un format dei percorsi in versione digitale e con collegamento online con le scuole.
Il format comprende: materiali informativi e di approfondimento, presentazioni di immagini, materiali di laboratorio, tutti scaricabili e stampabili; la presenza online di una educatrice museale per la conduzione/facilitazione dei laboratori. I progetti che il PAV segue, in esterno e in collaborazione con altre realtà istituzionali e associative del territorio, si inseriscono nel solco dello sviluppo sostenibile, abbracciando comunità e toccando spazi e tematiche che eccedono quelli specifici del sistema dell’arte. Lo scopo è creare azioni innovative e generative di pratiche sociali per una lettura alternativa del contesto in cui si abita, nonché per un senso dell’abitare inteso come partecipazione civile. E dove gli spazi dell’arte diventano luoghi di scambio, incontro e confronto. ArtEduFOLK! è l’eMagazine trimestrale che vi aggiorna sulle novità dei programmi del PAV. Folk con riferimento alla persona, all’oggetto, al fenomeno che esprime l’anima più autenticamente popolare di una cultura, e specialmente la sua componente di protesta contro le ingiustizie sociali o le convenzioni, per imparare tutti la “lingua madre della Terra”.

http://parcoartevivente.it/

11. VILLA FARNESINA – ROMA

Raffaello Sanzio, Trionfo di Galatea, 1512, affresco, 295×225 cm. Villa Farnesina, Roma

Anche Villa Farnesina apre le porte alla DAD, offrendo agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado e delle università visite online condotte in diretta da guide turistiche o da docenti nell’ambito della iniziativa promossa dalla Accademia Nazionale dei Lincei, di cui Villa Farnesina è sede di rappresentanza. Nonostante la distanza fisica, è possibile ammirare i tesori della istituzione capitolina e la mostra Raffaello in Villa Farnesina: Galatea e Psiche, rivolgendo anche una serie di domande via web ai curatori e ai ricercatori che ne hanno curato l’allestimento.

http://www.villafarnesina.it/