FUORI!!! Il libro che festeggia i 50 anni del movimento di liberazione omosessuale in Italia

50 candeline dalla nascita del movimento di liberazione omosessuale in Italia: le rarissime pagine della rivista FUORI!, storico organo di stampa del Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano, vengono raccolte e ristampate nel volume omonimo da NERO. Sarà presentato il 16 ottobre al Salone del Libro di Torino

FUORI!!!

Il 16 ottobre si festeggeranno i 50 anni dalla nascita del Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano. Contestualmente uscirà il volume, edito da Nero, FUORI!!! a cura di Carlo Antonelli e del duo Francesco Urbano Ragazzi con la collaborazione scientifica della Fondazione Sandro Penna/Fuori! e al sostegno di Levi’s. 

Fuori! n.1 quarta di copertina Giugno 1972
Fuori! n.1 quarta di copertina Giugno 1972

LA RIVISTA FUORI!: LA STORIA 

FUORI! è stato il primo mensile di rivoluzione sessuale del Paese. Grazie a questa operazione editoriale saranno ristampati i primi tredici numeri della rivista omonima andando così a rievocare e mettere in risalto un’importante stagione della lotta per i diritti civili, incentivatasi nel periodo 1971-1974. Le pagine riprodotte in maniera fotostatica andranno quindi dal numero 0, fanzine che ha girato nei luoghi di incontro clandestino, fino al FUORI! Donna, il tredicesimo numero, in assoluto il primo ad essere messo in piedi da sole donne. Gli articoli, le illustrazioni, le fotografie entreranno tutte a far parte di un singolo almanacco. Ad accompagnare queste testimonianze storiche è stata coordinata un’introduzione critica scritta a sei mani da Carlo Antonelli e Francesco Urbano Ragazzi, insieme ad una minuziosa intervista ad Angelo Pezzana, fondatore del FUORI!. Questo libro, spiegano Francesco Urbano Ragazzi, è un monumento al FUORI! o una plateale dichiarazione d’amore. Nel 2012 avevamo in parte celebrato questo amore esponendo tutti i numeri della rivista in una mostra che si intitolava Io Tu Lui Lei e che per la prima volta rifletteva sull’eredità artistica dei movimenti LGBTQ+ in Italia. L’incontro con Carlo Antonelli ha aggiunto amore ad amore, ma anche il desiderio di ripartire dalle basi e di diffondere una conoscenza. Quella del Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano non è solo una sigla di cui appropriarsi, ma è un pezzo di storia di cui tutti dovremmo essere prima coscienti e poi orgogliosi. FUORI! ci racconta di un gruppo di cittadini che ormai 50 anni fa si sono uniti e hanno cominciato a lottare per il diritto alla felicità. Un diritto di cui oggi, grazie a loro, certamente godiamo in maniera più diffusa, ma che resta ancora tutto da esercitare”! 

Fuori! n.13 Fuori! Donna Copertina
Fuori! n.13 Fuori! Donna Copertina

FUORI!!! UN LIBRO READY MADE 

FUORI!!! può essere considerato una sorta di ready-made duchampiano ma in un senso differente: i 13 numeri vengono effettivamente riportati così come erano, nella loro versione originale e integrale, eppure “ripescati” dalla storia assumono nuovo valore, ri-considerati, ponderati sotto una nuova luce, più cosciente delle battaglie trascorse, molte ancora aperte.
Così affermano lucidamente i curatori: La storia del FUORI! è una storia di libertà non dei corpi ma del linguaggio. Se è vero che in ogni secolo tutti hanno trovato il modo di fare l’amore con chi gli pareva, non è altrettanto vero che quell’amore tutti l’hanno potuto esprimere o definire a piacimento”.
Per differenziare la pubblicazione dal nome della rivista e del movimento sono stato aggiunti due punti esclamativi al titolo: FUORI!!!, effettivamente anche a livello linguistico rende il bisogno attuale di rimarcare, evidenziare, aggiungere enfasi in un mondo proiettato sul digitale e sui social. Il punto esclamativo ci fa immaginare l’intonazione e ci stringe in maniera empatica alla causa, più spostata sulle piattaforme che sulle piazze. Se prima era urgente porre sotto il bersaglio “la violenza, l’ottusità e il conformismo dell’intera società italiana” ora la complessità del problema si sposta: “Se FUORI! ieri significava trovare i propri simili in un mondo che ti voleva solo, diverso e infelice, oggi potrebbe voler dire uscire dalla bolla dei simili per contribuire alla nascita di una comunità non solo più fluidificata ma anche più mobile”. Il libro sarà presentato il 16 Ottobre alle 17 al Salone del Libro di Torino, Arena Piemonte (Stand dei diritti LGBT), mentre il 18 ottobre è previsto un evento di presentazione (solo su invito) presso il Museo Archeologico di Milano.  

-Giorgia Basili  

https://www.ffur.eu 

Eventi d'arte in corso a Milano

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.