Libri d’arte appena pubblicati. 6 uscite tra Coco Chanel, Keith Haring, Astor Piazzolla

Nuovo appuntamento con lo spazio settimanale dedicato alla segnalazione di nuovissime uscite delle case editrici. Tra e-book e libri tradizionali, il comune denominatore è l’arte a 360°

Prosegue la serie di segnalazioni di nuovissime uscite delle case editrici, ovviamente a tema artistico-culturale, che i lettori potranno trovare in libreria o sulle piattaforme web. Dal libro dedicato a Coco Chanel nell’anno del cinquantesimo anniversario dalla morte e del centenario dell’invenzione del profumo Chanel N°5 al volume che ripercorre i 20 anni dell’evoluzione del design al Superstudio Più di Milano, fino al nuovo tributo per ricordare i 31 anni della prematura scomparsa di Keith Haring che a Pisa ha realizzato il suo ultimo murale Tuttomondo e a quello per i 100 anni dalla nascita di Astor Piazzolla, ecco le sei pubblicazioni più interessanti di questa settimana…

– Claudia Giraud

1. 50 ANNI SENZA COCO CHANEL, ICONA DI STILE

Chiara Pasqualetti Johnson  Coco Chanel. La rivoluzione dello stile

È uscita nelle librerie la ristampa del volume che, presentato con la prima edizione a dicembre 2020, è stato un successo tanto da andare sold-out in poche settimane. Si tratta del libro dedicato a Coco Chanel nell’anno del cinquantesimo anniversario dalla morte, avvenuta il 10 gennaio 1971, e del centenario della sua creazione più celebre: il profumo Chanel N° 5. Il suo mito rivive in questa nuova biografia illustrata che riunisce 150 splendide immagini realizzate da grandi maestri come Man Ray, Cecil Beaton, Henri Cartier-Bresson e Robert Doisneau, accanto a rare istantanee che raccontano Chanel nella sua quotidianità: i primi piani giovanili di Coco con il celebre taglio di capelli à la garçonne, le foto scattate in vacanza in Costa Azzurra dove sfoggia “scandalosi” pantaloni abbinati a magliette alla marinara e cascate di perle. Il tutto recuperato dalla giornalista Chiara Pasqualetti Johnson con un’accurata ricerca tra archivi storici e collezioni private. Il 25 marzo 2021 uscirà inoltre l’edizione in lingua inglese, Coco Chanel. Revolutionary woman, mentre da dicembre è disponibile anche in tedesco, Coco Chanel. Eine Ikone der Mode.

Chiara Pasqualetti Johnson – Coco Chanel. La rivoluzione dello stile
White Star, Milano, 2021
Pagg. 224, prezzo: € 29,90
ISBN 9788854046955
https://www.whitestar.it/

2. 20 ANNI DI SUPERSTUDIO PIÙ, PRIMO HUB MULTICULTURALE DI MILANO

Gisella Borioli,  2000-2020 Design Super Show. Evoluzione e mise en scène del design al Superstudio di Milano

SuperstudioPiù di via Tortona è stato precursore e simbolo della metamorfosi del design contemporaneo e della sua rappresentazione, dalla proposta di una formula espositiva totalmente diversa (“meno fiera, più museo”), al cambiamento stesso del quartiere attraverso un Fuorisalone diffuso poi a tutta la città, aperto al pubblico come fatto emozionale, culturale, formativo, interattivo e a volte anche ludico. Ora tutto questo è raccontato nel libro di Gisella Borioli, con il concept grafico di Flavio Lucchini, che ripercorre i vent’anni di innovative esposizione di design del primo hub multiculturale di Milano, dove sono passati proprio tutti: dai grandi brand dell’arredo e della tecnologia applicata, agli archistar e i giovani talenti, fino alle start up e i paesi emergenti.

Gisella Borioli – 2000/2020 Design Super Show. Evoluzione e mise-en scène del design al Superstudio di Milano
Super Studio Group, Milano, 2021
Edizione illustrata
EAN: 9788894595604
http://www.superstudiogroup.com/

3. I CAVALLI DI PIACENZA DI FRANCESCO MOCHI, TRA LE STATUE PIÙ IMPORTANTI DEL BAROCCO ITALIANO

Tomaso Montanari,  Capolavori fuori centro. I cavalli di Piacenza di Francesco Mochi

Il libro ruota attorno ai due monumenti equestri collocati in piazza Cavalli a Piacenza, realizzati dallo scultore toscano Francesco Mochi da Montevarchi (1580-1654), considerati dal curatore Tomaso Montanari tra le statue più importanti del barocco italiano. I bronzi equestri farnesiani del Mochi sono uno straordinario esempio di “patrimonializzazione”, cioè di ingresso di capolavori d’arte dell’antico regime nel patrimonio storico e artistico dell’Italia costituzionale e democratica. Il volume, promosso dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano, in collaborazione con il Comune di Piacenza, presenta una folta documentazione che permette di ricostruire in dettaglio la genesi delle opere, sia da un punto di vista delle dinamiche della committenza dinastica e di quella civica, sia da quello del lavoro artistico e delle vicende legate alla fusione dei bronzi.

Tomaso Montanari – Capolavori fuori centro. I cavalli di Piacenza di Francesco Mochi
Skira, Milano, 2021
Pagg. 200, prezzo: € 26,00
EAN:9788857244884
https://www.skira.net/

4. TUTTOMONDO DI KEITH HARING: NUOVO TRIBUTO PER I 31 ANNI DALLA SUA PREMATURA SCOMPARSA

Roberto Pasqualetti, Gian Guido Maria Grassi  Tuttomondo di Keith Haring. La nascita della street art a Pisa. 1989 2020

Un nuovo libro ricorda quei giorni del giugno 1989, quando Keith Haring donò alla città di Pisa Tuttomondo, una delle più grandi opere di arte contemporanea. Haring, infatti, morì a New York a soli 31 anni il 16 febbraio 1990 per complicanze legate all’AIDS, pochi mesi dopo essere stato a Pisa. Tuttomondo è stata la sua ultima opera realizzata, il suo ultimo omaggio alla vita. “In questo murale ho disegnato tutto quello che riguarda l’umanità… è fatto di simboli delle differenti attività umane, è una sintesi delle problematiche della vita di oggi. Non mi sono dedicato unicamente alla vita degli uomini ma anche alla vita degli animali, ecco perché vedete delfini, scimmie e altro. È un affresco della Vita in generale”. Così Haring descriveva Tuttomondo, il suo testamento spirituale, una celebrazione della vita umanamente gioiosa e un messaggio etico globale rivolto a tutti, nessuno escluso. Gian Guido Maria Grassi e Roberto Pasqualetti ci guidano alla scoperta di uno dei più grandi capolavori del ’900, un inno alla gioia donato dall’artista alla città di Pisa perché fosse ammirato da tutto il mondo, con testimonianze inedite e interventi autorevoli capaci di far rivivere quello che è accaduto in quella settimana nel giugno del 1989 e comprendere le sorti successive del murale.

Roberto Pasqualetti, Gian Guido Maria Grassi – Tuttomondo di Keith Haring. La nascita della street art a Pisa. 1989-2020
Edizioni ETS, Pisa, 2020
Pagg. 72
ISBN: 9788846757388
http://www.edizioniets.com

5. LA LUCE NELL’ARTE: UN’INDAGINE SULLA LIGHT ART ITALIANA

Jacqueline Ceresoli  Light art paradigma della modernità. Luce come Operazione Relazionale

La luce nell’arte è metafora, simbolo, concetto visibile dell’invisibile, è carica di diversi significati che si materializzano attraverso le possibilità combinatorie tra forma e colore dei supporti luminosi: dal neon a sofisticati sistemi digitali per ambienti immersivi e multimediali dall’appeal scenografico, in cui la partecipazione dello spettatore è parte strutturale dell’opera che si fa relazione. Il libro analizza l’attitudine “umanistica” della Light Art italiana, evidenziando come e perché si differenzia da quella americana o anglosassone, più pragmatica nel linguaggio.

Jacqueline Ceresoli – Light art paradigma della modernità. Luce come Operazione Relazionale
Meltemi, Sesto San Giovanni (MI), 2021
Pagg. 296, prezzo: € 20,90
http://www.meltemieditore.it

6. 100 ANNI DI ASTOR PIAZZOLLA, GENIALE MUSICISTA ITALO ARGENTINO

María Susanna Azzi, Astor Piazzolla. Una vita per la musica

In occasione del Centenario della nascita di Astor Piazzolla (11 marzo 1921 – 11 marzo 2021), esce un libro tributo a questo straordinario musicista italo argentino che usava la musica popolare del suo Paese come materia prima per creare un nuovo genere musicale. L’autrice, María Susana Azzi, ripercorre le origini di Piazzolla, dalla sua nascita in Argentina nel 1921 e dalla sua infanzia nel Lower East Side di Manhattan al suo ritorno in Argentina all’età di 16 anni, seguendo tutte le avvincenti tappe della sua formidabile carriera. Il libro è il frutto di oltre 250 interviste tra parenti, musicisti, amici, personaggi dell’arte, dello spettacolo e della cultura: Daniel Barenboim, Kronos Quartet, Al Di Meola, Tonino Guerra, Milva (María Ilva Biolcati), Lalo Schifrin, Georges Moustaki, Plácido Domingo, Carter Brey, Leandro “Gato” Barbieri, Gary Burton, Jorge Calandrelli, Oscar Castro-Neves, Franca Mulligan, Paquito D’Rivera, Sergio e Odair Assad, Christine Walevska, Raúl Barboza. Con testi di Yo-Yo Ma, Gidon Kremer, Daniel Piazzolla, Pino Presti, Salvatore Accardo, Milva, Richard Galliano.

María Susanna Azzi – Astor Piazzolla. Una vita per la musica
Sillabe, Livorno, 2021
Pagg. 492
EAN: 9788833402260
https://www.sillabe.it/it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).