Strenne editoriali #4. I consigli per i più piccoli

Ogni domenica, fino a Natale, vi consigliamo una manciata di libri. Per risolvere la questione dei regali in maniera intelligente. Questa quarta serie è pensata per i più piccoli. Magari anche un po’ cresciuti.

1. 1 – 10 – 100 LUNE

Tsukyoka Yoshitoshi – Le cento lune (Electa, Milano 2018)

Che fastidio questa proliferazione paternalista di “X per bambini”: il menù per bambini, il museo per bambini, lo spettacolo teatrale per bambini. Sono piccoli, che diamine, mica deficienti. E allora andiamo controcorrente, mettiamo loro in mano anche libri delicati e costosi. In gran parte dei casi, vi stupirete di quanto possano essere cauti e rispettosi. Badate però, dovete saperli affascinare. Ad esempio con questo prezioso cofanetto edito da Electa, che contiene due libri: il primo è un volume rilegato che riproduce in facsimile Le cento lune (1885-92) di Tsukyoka Yoshitoshi; il secondo, con rilegatura giapponese, è invece un lungo e colto saggio critico di John Stevenson. Direte voi: e che se ne fanno i bambini del secondo? Lo mettono accanto al primo e, quando scovano la tavola che li interessa, scartabellano il secondo per sapere qualcosa di più su quella luna. Una volta innescato il meccanismo, non la smetteranno più.

Tsukyoka Yoshitoshi – Le cento lune
Electa, Milano 2018
2 voll., pagg. 376, € 150
ISBN 9788891818829
www.electa.it

2. NEW YORK UNDERGROUND

Emiliano Ponzi – La grande mappa della metropolitana di New York (Fatatrac, Casalecchio di Reno 2018). Pagine interne

Che storia, che bella storia è quella della mappa della metropolitana di New York. Il sistema è complesso: 24 linee, 472 stazioni (per non parlare di quelle defunte: una è magnificamente raccontata da Jonathan Lethem nel primo scritto di Memorie di un artista della delusione), 6 milioni di passeggeri quotidiani. Capirete che ci vuole un apparato di wayfinding che sia il più chiaro possibile. E chi ti incarica nel 1972 la Metropolitan Transportation Authority? Un italiano di stanza nella Grande Mela, un grande designer che risponde al nome di Massimo Vignelli. E lui disegna innanzitutto una mappa, che ora sta giustamente al MoMA. Questa storia è raccontata in maniera magistrale da un altro pezzo da novanta dell’illustrazione mondiale: Emiliano Ponzi.

Emiliano Ponzi – La grande mappa della metropolitana di New York
Fatatrac, Casalecchio di Reno 2018
Pagg. 36, € 19,90
ISBN 9788882225636
fatatrac.wordpress.com

3. CON LA LENTE SUL MONITOR

Agathe Demois & Vincent Godeau – Borgo nascondino (L’ippocampo, Milano 2018)

Il fenomeno ottico è semplice e celeberrimo ma non per questo meno divertente. Funziona così: se sfogli il libro di Agathe Demois e Vincent Godeau, magari distrattamente, vedi soltanto disegni di case e treni e hangar, tutti rossi monocromi. Poi torni indietro, prendi la lente di ingrandimento, che però non ingrandisce ma ti fa vedere chi c’è e cosa fa dentro le case e i treni e gli hangar. E sembra di sfogliare un libro diverso, nuovo. Quando il gioco finisce, si può scaricare la app, che fra l’altro ha vinto il Ragazzi Digital Award alla Bologna Children’s Book Fair. Tutto così passa in modalità monitor e touchscreen? Eh no, perché la lente di cartone si deve continuare a usare, pena la fine della magia.

Agathe Demois & Vincent Godeau – Borgo nascondino
L’ippocampo, Milano 2018
Pagg. 32, € 15,90
ISBN 9788867223558
www.ippocampoedizioni.it

4. UNA SCENEGGIATURA, DAVVERO?

Jean Gabriel Nordmann – Il lungo viaggio del pinguino verso la giungla (Vague Edizioni, Torino 2018)

Chissà se anche in Italia si produrrà questo piccolo grande miracolo, ovvero che la storia di un pinguino, surreale e valoriale, per di più scritta come se fosse una sceneggiatura teatrale, diventi un best e long seller. In Francia è successo, perché dal 2001 a oggi Il lungo viaggio del pinguino verso la giungla di Jean-Gabriel Nordmann ha venduto qualcosa come 130mila copie, finendo nei programmi di tantissime scuole d’oltralpe. La briga di tradurlo in italiano se l’è presa Gabriella Montanari, animatrice della neonata casa editrice torinese Vague Edizioni. Cosa cosa, se ci sono illustrazioni? Certo, firmate da Lorenzo Balocco. In bianco e nero, con l’esplicito invito a colorarle – “così ogni libro sarà diverso”, dice lui. Uguali e diversi: sta qui il segreto più facile e difficile del mondo.

Jean-Gabriel Nordmann – Il lungo viaggio del pinguino verso la giungla
Vague Edizioni, Torino 2018
Pagg. 120, € 15
ISBN 9788832056006
www.vaguedizioni.com

5. GATTINI E GATTONI

Galia Bernstein – Uno di voi (Nomos, Busto Arsizio 2018)

Uguali e diversi: sta qui il segreto più facile e difficile del mondo. Lo abbiamo appena detto a proposito del pinguino di Jean-Gabriel Nordmann. Ora, senza voler fare della psicologia da bar, questa è la questione capitale nella crescita di un bambino: capire come gestire la propria individualità all’interno della comunità. Evitando di diventare una pecora ma pure un sociopatico. Pressappoco è quel che capita al gattino protagonista di Uno di voi (a firma di Galia Bernstein), che ha un bel daffare a spiegare ai grandi felini che lo attorniano che lui è come loro, anche se è diverso – anzi, che la loro comunità è tale proprio grazie al fatto che è costituita e costruita dalle diversità.

Galia Bernstein – Uno di voi
Nomos, Busto Arsizio 2018
Pagg. 32, € 14,90
ISBN 9788894811162
www.nomosedizioni.it

6. GATTI A PROFUSIONE

Desmond Morris – I gatti nell’arte (Johan & Levi, Monza 2018)

Curioso personaggio, questo Desmond Morris. La scimmia nuda (1967) fu una bomba, un fenomeno che non succedeva nel campo della zoologia e dell’etologia dai tempi di Konrad Lorenz e del suo Anello del Re Salomone (1949). Morris però è anche un artista, un artista-surrealista – e proprio ai suoi compagni di strada ha dedicato un altro libro. Qui però parliamo di un altro volume, che mette insieme arte e zoologia nella famigerata configurazione del gattino. Di tutte le epoche, di tutte la fogge – una carrellata competente e divertente che parte dai graffiti preistorici e arriva a quelli street. Fatelo sfogliare ai vostri figli, così da crescere – mal che vada – dei dotti creatori di memi. (La splendida illustrazione in copertina è di Saul Steinberg.)

Desmond Morris – I gatti nell’arte
Johan & Levi, Monza 2018
Pagg. 224, € 28
ISBN 9788860102164
www.johanandlevi.com

7. CLASSICI RIVISITATI

Fabrizio Silei & Andrea Rivola – Il piccolo Principe (Fatatrac, Casalecchio di Reno 2018)

Per avvicinare i più piccoli all’ascolto, un buon metodo è quello di trasformare i libri in giochi. Ed è quello che invita a fare l’editore Fatatrac con la collana delle Carte in tavola. Ad esempio, si prende il classico Petit Prince di Antoine de Saint-Exupéry, lo si affida a Fabrizio Sileo affinché lo adatti e ad Andrea Rivola per creare venti illustrazioni. Così da trasformare il racconto in altrettante “carte” che poi si possono comporre per formare un grande puzzle, una mega illustrazione.

Fabrizio Silei & Andrea Rivola – Il piccolo Principe
Fatatrac, Casalecchio di Reno 2018
Pagg. 20, € 19,90
ISBN 9788882225193
fatatrac.wordpress.com

8. GLOBAL WARMING

Rosie Eve – Domani farà bello (L’ippocampo, Milano 2018)

Ma che belli che sono gli orsacchiotti, soprattutto quelli polari, bianchi e candidi, e ancora di più quando giocano con la loro mamma, e quando la mamma fa loro le coccole. State andando in coma glicemico? D’accordo, è comprensibile. E infatti questo libro di Rosie Eve è ben più duro, perché dovremo pur spiegare anche ai nostri cuccioli cosa stiamo facendo del pianeta Terra. Così la coppia madre-figlio si confronta, suo malgrado, con lo scioglimento delle banchise polari. Nulla di eccessivamente drammatico, quanto basta per insegnare qualcosa alle generazioni che avranno il super-eroico compito di salvare il futuro.

Rosie Eve – Domani farà bello
L’ippocampo, Milano 2018
Pagg. 15, € 15
ISBN 9788867223855
www.ippocampoedizioni.it

9. CHE BABBO NATALE SIA

Annamaria Soldera & Yvonne Campedel – La vera storia dei 25 Babbi Natale (Nomos, Busto Arsizio 2018)

Questi sono consigli per il Natale e almeno una concessione a Babbo Natale va fatta. Però con ironia. Ad esempio: non vorrete mica rispondere alle domande sull’aspetto di Santa Claus con una tirata di dubbia storicità (e sicura noia) sulla Coca-Cola e l’imperialismo culturale americano? Meglio prenderla sul ridere insieme ad Annamaria Soldera e Yvonne Campedel e ricostruire il processo di selezione che portò alla scelta attuale a partire da ben venticinque candidati…

Annamaria Soldera & Yvonne Campedel – La vera storia dei 25 Babbi Natale
Nomos, Busto Arsizio 2018
Pagg. 32, € 14,90
ISBN 9788894811148
www.nomosedizioni.it

Marco Enrico Giacomelli

Dati correlati
editoriELECTA, JOHAN & LEVI
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.