Nuovo decreto: quarantena fino al 4 maggio. Ma c’è l’assurda riapertura delle librerie

La diminuzione della curva dei contagi è lentissima. Ciononostante il governo decide di allentare un po’ le misure. Ma se è comprensibile la riapertura di qualche fabbrica, il via libera alle librerie appare poco più che simbolico quando in realtà ci vorrebbe solo concretezza e realismo.

Libreria Todo Modo, Firenze via Facebook
Libreria Todo Modo, Firenze via Facebook

L’ennesimo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri prolunga le misure di quarantena fino almeno al 4 maggio. Dopo un mese di confinamento, i dati sulla grande infezione da Covid 19 sono in miglioramento anche grazie alle recenti scelte del Governo, ma in maniera purtroppo decisamente lenta. E allora non c’è alternativa (o meglio ci sarebbe ma per ora il Governo si rifiuta di usare tecnologie di tracciamento, di diagnostica a domicilio e altri semplici ritrovati che hanno permesso ad alcuni paesi asiatici di affrontare settimane meno segregati di noi) e ci si avvia ad un altro mese di gattabuia specie in vista dei ponti del 25 Aprile o del 1 Maggio durante i quali, tassativamente, gli italiani devono convincersi che occorre stare ancora a casa. Già è chiaro, tuttavia, che bisognerà reggere quanto meno fino a metà maggio, salvo repentini miglioramenti auspicabili ma improbabili.

Libreria Todo Modo, Firenze via Facebook
Libreria Todo Modo, Firenze via Facebook

IL NUOVO DECRETO: NIENTE QUARANTENA PER LE LIBRERIE

In contraddizione a questi requisiti sanitari, tuttavia, il nuovo Dpcm offre il fianco a chi vuole concedersi un’uscita in più del dovuto inserendo nel dispositivo alcuni allentamenti e concessioni che ci paiono inopportuni. Se può avere un senso la riapertura di qualche fabbrica, con la garanzia di una scrupolosa attenzione alle indicazioni sanitarie di sicurezza, si fa grande fatica a spiegare la riapertura delle librerie. Comprendiamo che ci sia bisogno di qualche titolo di giornale in chiave positiva, ma davvero non può essere questo il modo per dimostrare vicinanza rispetto al mondo della cultura. Se il Governo vuole sostenere un settore che sta andando totalmente a gambe all’aria ha in mano gli strumenti e le leve per agire, mandare allo sbaraglio i librai offrendo loro di riaprire però è solo una trappola. Una trappola per tutti e in primis per i librai stessi come spiegheremo tra poco.

Libreria del Golem, Torino, fonte FB
Libreria del Golem, Torino, fonte FB

MA PERCHÉ RIAPRIRE LE LIBRERIE?

Dice: la gente è murata viva in casa da settimane e ha bisogno di leggere per passare il tempo. Verissimo. Ma questo che relazione ha con la riapertura delle librerie con – almeno – un mese di anticipo rispetto a tutto il resto del commercio? Chi vuole leggere, un sistema lo ha già trovato proprio perché il confinamento non è di certo una novità e dura da parecchio. O si sono letti e riletti i libri che tutti hanno già in casa, o si sono chiesti prestiti ad amici e vicini di casa, o si è fatto ricorso agli ebook leggendoseli sul tablet o sullo smartphone oppure si sono comprati libri online facendoseli recapitare in piena sicurezza a casa senza violare le norme. Eh ma così vince tutto Amazon, obietterà qualcuno. Falsissimo: tantissime librerie indipendenti (che sono indipendenti ma non sono fesse) hanno imbastito in poche settimane dei brillanti servizi di libreria d’asporto e di book delivery che erano in fase di messa a punto e che stavano andando a regime e che ora vengono perturbati da questa novità. In totale sicurezza si potevano ricevere a casa i libri direttamente dal proprio libraio di fiducia, senza passare dalle grandi piattaforme multinazionali. E la cosa aveva un senso sia perché alleggeriva la pressione su Amazon, sia perché i tempi di consegna di quest’ultima non sono allettanti in queste settimane e dunque la ‘concorrenza’ dei piccolini è assai efficace e fa presa su molti lettori. In tal senso si guardino le iniziative di Book Delivery e di Libridaasporto così come il lavoro geniale fatto dalla libreria Todo Modo di Firenze, diventata in questi giorni Todo Domo…

Glovo Feltrinelli
Glovo Feltrinelli

APERTURA DELLE LIBRERIE. CONSEGUENZE

Questa bizzarra scelta potrà aprire due diversi scenari: uno negativo per le conseguenze sul potenziale contagio; uno negativo per le conseguenze sui bilanci economici già disastrati dei librai. Nel primo caso figuriamoci quali utenti potranno fruire dell’apertura: i ‘veri’ lettori forse? No di certo, quelli si erano già organizzati come abbiamo detto. E allora restano i finti lettori profittatori che, con la scusa di dover raggiungere quella data libreria antiquaria dall’altra parte della città si autocertificheranno questa necessità e via finalmente di passeggiata. Cosa fai, gli contesti l’obbligo di andare alla libreria vicino casa? Non tutti ce l’hanno la libreria sotto casa, non tutti i comuni dispongono di una libreria dunque il provvedimento non può far altro che incentivare gli spostamenti da comune a comune, e oltretutto non tutte le librerie sono uguali quindi magari la libreria in prossimità del domicilio c’è, ma non è quella che ha le cose che voglio leggere oggi. Chi abita nelle periferie e negli sconfinati hinterland delle grandi città ha la prima libreria ‘utile’ magari a 5 o a 15 km: uno spostamento che da martedì prossimo sarà concesso. E pensate ai lettori compulsivi che devono leggere un libro al giorno e girano di libreria in libreria (tutte sfornitissime dopo un mese di clausura) finché non lo trovano. Tutte casistiche estreme forse, ma verosimili. Un caos che creerà pasticci inutili nei controlli delle forze dell’ordine e aumenterà i dati di percentuale di movimento dei cittadini che già – anche a causa delle splendide giornate primaverili – si erano innalzati negli ultimi giorni. Per tacere degli eventuali rischi sanitari relativi al personale delle librerie stesse, costretto a stare in luoghi chiusi (spesso piccoli e con impianti di areazione non certo adeguati) per ore e ore, con passaggio di persone di ogni tipo proprio nel bel mezzo del picco epidemico. Forse si aspetterà che parta un focolaio tra i dipendenti di qualche libreria per rendersi conto di quanto incoscientemente precipitosa sia questa scelta? Per capire quanto il prodotto-libro (superfici plastificate e toccate da un tot di persone prima di giungere all’acquisto definitivo) è un prodotto che necessiterebbe di super cautele quando si è nel bel mezzo di un contagio virale?

I LIBRAI CI PERDERANNO?

Ma c’è come abbiamo detto un secondo possibile scenario. Quello in cui tutto questo trambusto che abbiamo ipotizzato fin qui non avverrà affatto: le librerie apriranno, sì, ma i cittadini non se le fileranno più di tanto. Qualcuno avrà piacere a tornare giusto una volta dal proprio libraio affezionato ma poco di più. Movimenti bassissimi, accessi alle librerie minimi, fatturati miserabili e quindi un bagno di sangue economico per i librai. Sia per le grandi catene che per i piccoli indipendenti. In entrambi casi infatti la cassa integrazione (l’unico autentico contributo a fondo perduto dello stato a favore dei commercianti) stava dando delle piccole boccate d’ossigeno, ma se si riapre la CIG viene revocata e gli stipendi dei collaboratori devono di nuovo essere pagati dall’imprenditore. Peccato che a fronte dei nuovi costi, non ci saranno incassi sufficienti perché, come abbiamo detto, nessuno o troppo pochi si presenteranno a comprare. Certo qualcuno potrà decidere di non aprire facendosi due conti, ma rischierà che a farlo sia il concorrente pronto a perdere qualche migliaio di euro pur di rosicchiare qualche quota di mercato. Una guerra tra poveri totalmente inutile, anzi utilissima ad accelerare decine e decine di fallimenti in un mercato contraddistinto da micro aziende fragilissime. Di più: c’è la questione degli affitti. Tanti librai erano riusciti a contrattare privatamente coi loro padroni di casa dei canoni di emergenza per queste settimane, ma riaprendo molti subiranno per il mese di aprile una richiesta di affitto pieno a differenza di quanto successo a marzo. E si badi bene che come Artribune quel che affermiamo è contro il nostro interesse: il nostro giornale cartaceo è divulgato in special modo nelle librerie e infatti questo numero l’abbiamo dovuto distribuire selezionando qualche centinaio di ottime gastronomie che ci hanno amichevolmente ospitato. La riapertura insomma, per quanto ci riguarda è un vantaggio, ma ciò non ci impedisce di ragionarci su in maniera critica. Ma del resto anche i librai stessi sembrano concordare: qui un appello uscito il giorno dopo la pubblicazione di questo articolo e seguito da centinaia di firme.

Artribune distribuito nelle gastronomie
Artribune distribuito nelle gastronomie

UNA SCELTA POPULISTA E FORSE IN CATTIVA FEDE

Si tratta di una misura che palesa tutta la cattiva fede del governo rispetto alla questione della cultura e del gigantesco tsunami di crisi che la sta sommergendo e spazzando via. Anche grazie a tante pressioni fatte dai giornali – non ultimo il nostro – l’esecutivo è stato messo negli ultimi giorni di fronte alla verità di un comparto culturale che sta boccheggiando e rischia di svanire nel nulla. Invece di rispondere con misure strutturali capaci di dare prospettive a chi fa cinema, teatro, letteratura, musica, arte, mostre, danza o editoria, Palazzo Chigi si copre con questa foglia di fico assicurandosi l’alibi pronto quando prima o poi gli si addebiterà l’omicidio del settore: “Noi abbiamo ignorato la crisi della cultura? Ma come, abbiamo anche subito aperto le librerie per prime come simbolo quanto ci teniamo noi alla cultura!”. Ma agitare i simboli, quando occorre solo concretezza e real politik, è solo il solito populismo facile facile da smascherare.

– Massimiliano Tonelli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimiliano Tonelli
È laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Siena, dal 1999 al 2011 è stato direttore della piattaforma editoriale cartacea e web Exibart. Ha moderato e preso parte come relatore a numerosi convegni e seminari; ha tenuto docenze presso centri di formazione superiore tra i quali l’Istituto Europeo di Design, l'Università di Tor Vergata, l'Università Luiss, l’Università La Sapienza di Roma ed è professore a contratto allo IULM di Milano. Ha collaborato con numerose testate tra cui Radio24-Il Sole24 Ore, Time Out, Formiche. Suoi testi sono apparsi in diversi cataloghi d’arte contemporanea e saggi di urbanistica e territorio. È stato giurato in svariati concorsi di arte, architettura, design. Attualmente dirige i contenuti di Artribune e del Gambero Rosso.