Book delivery creativo per Coronavirus. Libri a domicilio da librerie indipendenti e grandi marchi

Dai consigli personalizzati di lettura alla consegna a domicilio di pacchi con proposte ludico-didattiche. Una guida ragionata sul servizio delle librerie a domicilio in tutta Italia, divisa per zone. Dalle piccole librerie alla grande editoria

Dai consigli personalizzati di lettura alla consegna a domicilio di pacchi con proposte ludico-didattiche, ecco una panoramica su chi offre servizi di questo genere in Italia. Dalle piccole librerie alla grande editoria. In tempo di restrizioni per il contenimento del contagio da Covid-19, c’è chi si attrezza, come le librerie, con le consegne a domicilio. Dal punto di vista pratico, qualcosa non dissimile da Amazon, ma tutta un’altra cosa a livello emozionale: qui c’è empatia con i clienti, un ripensamento dei servizi offerti e una prova di resilienza rispetto all’emergenza sanitaria in corso e in generale alla crisi dell’editoria. C’è chi, infatti, accompagna al semplice recapito, delle soluzioni creative, come i consigli personalizzati di lettura al telefono o via mail. Ecco un’agile guida, città per città, dove posso ordinare libri…

-Claudia Giraud

1. QUI TORINO

Libreria del Golem, Torino, fonte FB

La Libreria del Golem è una giovane libreria indipendente di proprietà di Mattia Garavaglia situata in zona Vanchiglia, sotto i Giardini Reali. Si tratta dell’unica libreria di Psicologia di Torino che propone però anche un’ampia scelta di narrativa, saggistica e testi universitari, con un occhio attento alle realtà più piccole. In questi giorni di serrata forzata, ha deciso di proporre la “consegna di libri a domicilio”: i libri del cuore, le nuove letture che fanno bene all’anima, le ultime uscite letterarie e tutto quello che serve per trascorrere il tempo in casa viaggiando con la mente. La libreria effettua spedizioni in tutta Italia, gratuite se vengono ordinati più di due volumi.

https://www.facebook.com/lalibreriadelgolem/
[email protected]

2. QUI MILANO

Glovo Feltrinelli

Non solo food. Anche Glovo – il servizio di consegna a domicilio più importante d’Italia assieme a Deliveroo – recapita libri a casa prenotandoli sulla sua app: lo fa grazie a una recente partnership stretta con Feltrinelli (relativamente ai negozi milanesi di Duomo e piazza Piemonte), e prima con Mondadori, che prevede una selezione di un migliaio di titoli tra i quali scegliere, ordinati per categoria: dalle novità ai fumetti, dal professionale al self help, passando per narrativa classica, guide di viaggio e libri per bambini e ragazzi. Sempre nell’ambito della grande editoria, c’è un’iniziativa che esula dal book delivery, ma è altrettanto efficace per cercare di contrastare il Coronavirus almeno sul terreno della solidarietà: sulla scia di quanto già fatto da Vanity Fair – in edicola da mercoledì 11 marzo, con un numero speciale dedicato a Milano e all’Italia, distribuito gratuitamente nelle edicole della Lombardia, ma anche in tutto il territorio nazionale, grazie alla sua copia digitale – Condé Nast Italia ha scelto di non rimanere a guardare. Dal 13 marzo, la casa editrice, diretta da Fedele Usai, mette a disposizione dei lettori per tre mesi copie digitali gratuite delle testate del gruppo, ovvero Vogue, GQ, Wired, AD, La Cucina Italiana e Traveller. Mentre, La Scuola de La Cucina Italiana offrirà un free pass di tre mesi per i suoi corsi digitali.

3. QUI BOLOGNA

Modo infoshop Bologna

Modo infoshop ha aperto nel febbraio 2003 in uno spazio di circa 90 mq, in via Mascarella a Bologna. Dando spazio a piccola e media editoria – autoproduzioni – fumetto – multimedia: il campo d’interesse è, in pratica, quello della cultura e delle arti contemporanee, dei nuovi media, dei movimenti sociali e delle controculture. Ora la libreria è chiusa, ma continuerà “a fare le spedizioni la mattina e a leggere la posta”.

[email protected]
www.modoinfoshop.com

 

4. QUI FIRENZE

Todo Modo, Firenze, fonte FB

Todo Modo è una libreria indipendente con una selezione di oltre 20mila titoli. All’interno Uqbar, Enoteca/Bistrò aperto tutti i giorni a pranzo, colazione e prima di cena. Il piccolo teatro per presentazioni e proiezioni serali. Ora è tutto fermo perché è chiusa ma non è ferma la sua attività legata ai libri. Ha, infatti, deciso di avviare il servizio Todo Domo. Todo Modo a casa tua: i libri verranno consegnati con qualche vino in abbinamento insieme a due regali, ovvero quadernini Todo Modo e la nuova sportina con il logo dell’iniziativa. E varie sorprese che cambiano ogni giorno. L’ultima in ordine di tempo è l’invio di pane fresco e croccante insieme ai libri, grazie alla collaborazione del panificio Sforno che effettua spese a domicilio, e alla nuova rubrica #concupiscenzalibraria che sta già impazzando sul web.

https://todomodo.org/

5. QUI VENETO

QuiVirgola

In questo momento delicato per il nostro Paese abbiamo deciso di rallentare e trovare soluzioni alternative per continuare a far incontrare i lettori e i libri”, raccontano ad Artribune le sorelle Eleonora e Valentina Zanrosso, titolari della libreria indipendente QuiVirgola di Schio, in provincia di Vicenza, che è anche uno studio di comunicazione, “ci occupiamo di comunicazione visiva, grafica, video, fotografia… I progetti per lo studio continuano, le riunioni o gli incontri con i clienti avvengono online, li stiamo sentendo  su Skype, Facetime ecc.”. Sul fronte libri è appena partita la nuova iniziativa delle due giovani sorelle: “il pacco da Qui, un kit di sopravvivenza per stare a casa e stare bene. Un pacco al giorno fino al 3 aprile. Il primo pacco è dedicato a chi vuole scoprire con meraviglia e creatività che il tempo perso è un tempo ritrovato. Al suo interno troverai: Viva il mondo! di Guido Scarabottolo / Fermati! il Saggiatore / Scrollino coloring/ quaderno A5 ‘dove sei?’. Servizi di book delivery li offre anche la Marco Polo, libreria indipendente di Venezia con due sedi, una in Campo Santa Margherita e una alla Giudecca che aggiunge a questo il lato Social, come scrive lei stessa in un post su Facebook: “nel periodo dell’emergenza sanitaria è attiva LA LINEA ROSSA, un servizio fatto di consigli di lettura anche per chi non vuole o non può muoversi da casa: ogni giorno i nostri consigli di lettura sui Social della libreria, con la possibilità di ordinare i libri e con la consegna a casa”. In entrambe le librerie, però, i servizi di consegna a domicilio sono attualmente sospesi. A Padova, sono invece attivi alla Limerick, libreria indipendente di quartiere, gestita da due ragazze, Grazia e Marta, e da anni attiva con iniziative a favore della cultura e della comunità: con #nonèunapizza si spediscono in tutta Italia libri all’interno di cartoni da pizza!

https://quivirgola.com/
https://www.libreriamarcopolo.com/

https://www.facebook.com/limericklibri

6. QUI ROMA

Altroquando, Roma, foto FB

Altroquando di Roma è una libreria artigianale con birre indipendenti e cinema, fotografia, tandem, architettura, magneti, graphic novel, locandine, live music che ha creato un agile questionario per cercare di dare a ognuno il libro ritenuto più adatto. “I libri partiranno, un po’ più lentamente del previsto per permetterci di osservare indicazioni e norme”, assicurano dalla libreria che invita a continuare a inviare i questionari.

https://www.altroquando.com
[email protected]

7. QUI BARI

Spine Bookstore, Bari

Anche a Sud c’è, poi, chi come Spine bookstore di Bari ha deciso di puntare tutto sui suoi canali social, pubblicando ogni giorno dieci titoli, dai quali gli utenti possono scegliere e farsi consegnare dagli stessi proprietari: Sara Mastrodomenico, che insieme a Elisabetta Maurogiovanni, Francesco Picciotti e Silvia Rossini ha dato vita nel 2014 all’esperienza di questa libreria indipendente che ora ha chiuso i battenti come tutti ma non si ferma dal punto di vista delle consegne a domicilio, effettuate però da corrieri. “Il servizio funziona e continueremo a farlo fino a quando le disposizioni governative ce lo consentiranno”, ci assicurano dalla libreria.

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).