Non solo arte. Apre a Zurigo il quartier generale e il bookstore della Hauser & Wirth Publishers

La mega galleria d’arte svizzera, che ha sedi in tutto il mondo, apre un nuovo spazio nella sua città natale. Questa volta però non si tratta di uno spazio espositivo, ma del quartier generale e del bookstore della omonima casa editrice

Hauser&Wirth
Hauser&Wirth

Se il 2018 per la galleria Hauser & Wirth è stato un anno pieno di iniziative che travalicano i confini delle attività usualmente svolte da una galleria d’arte, il 2019 pare proprio che non sarà da meno. Del resto ormai le gallerie si dividono in due insiemi: quelle medio piccole in difficoltà e in crisi di identità, e le megas che si comportano praticamente come musei se non di più…
Nel settembre 2018 Ursula Hauser e Iwan Wirth avevano svelato l’apertura di un nuovo spazio espositivo a St. Moritz (dopo quelli a Zurigo, Londra, New York, Somerset, Los Angeles, Hong Kong e Gstaad), e lanciato Ursula, rivista d’arte contemporanea trimestrale che accoglie saggi, interviste e fotografie di scrittori e artisti internazionali, di cui è uscito il primo numero lo scorso dicembre. Pochi mesi fa inoltre la galleria ha annunciato la nascita di un istituto non profit che finanzierà borse di studi per ricercatori e si adopererà per la conservazione e la fruizione degli archivi d’artista, anche attraverso un accesso gratuito online. Adesso invece la galleria svizzera è alle prese con un nuovo progetto che nascerà a Zurigo il prossimo 8 giugno, in occasione della Zurich Art Week e a pochi giorni dall’inizio di Art Basel. Si tratta del quartier generale della Hauser & Wirth Publishers, l’attività editoriale della galleria che troverà una sua sede ufficiale in Rämistrasse 5, nel cuore del distretto culturale di Zurigo, all’interno dell’edificio che un tempo ha ospitato la libreria Oprecht & Helbling, inaugurata nel 1925, e la storica Europa Verlag di Emil e Emmie Oprecht, fondata nel 1933.

Hauser & Wirth, rendering della galleria a St. Moritz
Hauser & Wirth, rendering della galleria a St. Moritz

LA HAUSER & WIRTH PUBLISHERS

Dalla sua fondazione nel 1992, la Hauser & Wirth Publishers è diventata col tempo una realtà dinamica che produce più di venti titoli l’anno, con un’attenzione particolare agli archivi e agli scritti di artisti. La sede di Hauser & Wirth Publishers sarà uno spazio multiforme, che funzionerà principalmente come un bookshop in cui i visitatori potranno trovare una vasta gamma di titoli. Il quartier generale fungerà inoltre da centro per la ricerca e borse di studio, e qui avrà base il team editoriale della Hauser & Wirth Publishers guidato da Michaela Unterdörfer, che dirige la casa editrice dal 2005. “Fondamentalmente, il nostro lavoro è un atto creativo che promuove nuove idee e dialoghi sull’arte, e immaginiamo questo nuovo spazio come un veicolo essenziale che faccia avanzare quel dialogo”, ha dichiarato Unterdörfer.

LA NUOVA SEDE DELLA HAUSER & WIRTH PUBLISHERS A ZURIGO

Le vicende editoriali che si sono susseguite all’interno dell’edificio in Rämistrasse 5 rendono questo spazio la sede ideale per il quartier generale della Hauser & Wirth Publishers. Per la ristrutturazione della sede e del bookshop della propria casa editrice, la galleria ha chiesto la collaborazione della società di design svizzera Dioma. Fondata da Marco Dionisio, Dioma ha ideato progetti di retail innovativi in ​​tutta Europa e recentemente ha vinto il German Design Award 2019 nella categoria Retail Design International. Il nuovo spazio di 55 metri quadrati conserverà alcuni dei dettagli architettonici originali dell’edificio, tra cui una scala in legno e un ascensore per libri su un sistema a carrucola manuale, installato negli anni Trenta e che continua a funzionare ancora oggi. La nuova sede e il bookstore della Hauser & Wirth Publishers aprirà come già detto il prossimo 8 giugno con un party e il lancio della nuova pubblicazione Louise Bourgeois & Pablo Picasso.

– Desirée Maida

www.hauserwirth.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.

LEAVE A REPLY