Incubo pandemia. Tornano i lockdown in Cina e Hong Kong: chiusi di nuovo i musei

Molte aree della Cina e Hong Kong in queste settimane sono alle prese con un’impennata di contagi, la più grave dall’inizio del Covid-19. Nuovamente lockdown durissimi che chiudono anche istituzioni culturali e musei

Hong Kong
Hong Kong

Nelle ultime settimane, l’attenzione dell’intero pianeta è concentrata sugli sviluppi della guerra in Ucraina, sebbene un’altra piaga, quella della pandemia, non abbia ancora cessato di allarmare i governi di molti paesi. A trovarsi a fronteggiare un’ondata del virus particolarmente dura sono, in queste settimane, la Cina e Hong Kong, alle prese con lockdown e restrizioni molto severe per tentare di fronteggiare il virus. In questo scenario, a risentirne è anche il mondo dell’arte, con molti musei e istituzioni culturali che, proprio a Hong Kong e in diverse aree della Cina, sono stati costretti a chiudere al pubblico.

LOCKDOWN IN CINA. CHIUDONO DI NUOVO I MUSEI

Risale a pochi giorni fa il ritorno del lockdown in Cina: le aree interessate a questo nuovo blocco – causato da un’impennata dei contagi che supererebbe per gravità e numeri quella del 2020, quando la pandemia è iniziata – sono le città di Shenzhen (con 17 milioni di residenti), Jilin (centro dell’epidemia nel nord-est), Yanji (al confine con la Corea del Nord). Lockdown anche per la città di Changchun, che conta 9 milioni di abitanti, e Shanghai, dove sono state chiuse anche le scuole. Stessa situazione anche per il mondo dei musei: A Shanghai chiudono, tra gli altri, il Long Museum, il West Bund Museum, lo Yuz Museum, il Museum of Art Pudong, il Powerlong Museum, la Power Station of Art e l’OCAT. L’UCCA Edge, sempre a Shanghai, avrebbe dovuto inaugurare il prossimo 2 aprile la mostra di Thomas Demand, ma al momento è incerto se l’impegno potrà essere mantenuto o meno. A Shenzhen chiudono l’OCAT, il Sea World Culture and Arts Center della Design Society e il Pingshan Art Museum sono tra le istituzioni che hanno annunciato la chiusura.

PANDEMIA. CHIUDONO I MUSEI A HONG KONG

La stessa emergenza in queste settimane sta interessando anche Hong Kong, alle prese con un’ondata particolarmente dura di variante Omicron: qui tutte le istituzioni e gli spazi pubblici della città resteranno chiusi fino al 20 aprile.

– Desirée Maida

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.