Inaugurazioni globali. Il mega gallerista David Zwirner collega in streaming le sue gallerie

L’esperimento di un evento in live streaming che porterà gli utenti del web a visitare virtualmente le gallerie di Zwirner a New York, Londra, Parigi e Hong Kong.

Doug Wheeler, 49 Nord 6 Est 68 Ven 12 FL, 2011 12.Installation view at David Zwirner, New York 2020 © Doug Wheeler Courtesy the artist & David Zwirner
Doug Wheeler, 49 Nord 6 Est 68 Ven 12 FL, 2011 12.Installation view at David Zwirner, New York 2020 © Doug Wheeler Courtesy the artist & David Zwirner

In numerosi Paesi in tutto il mondo, nelle ultime settimane, iniziano a farsi strada programmi mirati alla ripartenza economica, anche se all’insegna di restrizioni e norme per evitare la diffusione del contagio, e il sistema dell’arte naturalmente non è da meno. In questi giorni a New York è in corso Frieze, e a Venezia a breve aprirà la Biennale Architettura; inoltre, molti musei e gallerie d’arte stanno inaugurando o riaprendo mostre rimaste in stand-by a causa delle ultime chiusure. In questo scenario di perziale ritorno alla normalità, continuano comunque ad avere (e molto probabilmente sarà così anche quando terminerà l’emergenza sanitaria) spazio le piattaforme digitali, unici strumenti che, durante i lockdown più duri, hanno permesso a musei e gallerie per quanto possibile di portare avanti i propri programmi e il mercato. Ne è la prova l’ultimo progetto lanciato dal celebre gallerista e art dealer tedesco David Zwirner, Program, evento globale in livestreaming che porterà virtualmente il pubblico all’interno delle gallerie di Zwirner a New York, Londra, Parigi e Hong Kong. La prima edizione di Program verrà inaugurata il prossimo 10 giugno, con preview al 9 giugno. 

PROGRAM, IL NUOVO EVENTO IN STREAMING DI DAVID ZWIRNER 

Si tratterà di una sorta di inaugurazione “collettiva” che coinvolgerà le numerose gallerie di Zwirner, con installazioni di opere in ogni spazio e una serie di video e dibattiti interattivi con artisti e curatori, come a voler ricreare l’atmosfera tipica delle mostre dal vivo o delle fiere: durante lo streaming, infatti, il pubblico può intervenire facendo domande o partecipando ai dibattiti. In occasione di Program, saranno presentate opere storiche e anche inedite, e tra gli artisti in mostra saranno Stan Douglas, Yayoi Kusama, Josef Albers, Francis Alÿs e Joan Mitchell a New York, Kerry James Marshall (che esporrà un nuovo dipinto appartenente alla serie Black and part Black Birds in America) e Chris Ofili a Londra, a Parigi Diane Arbus e Oscar Murillo, a Hong Kong Yayoi Kusama, Wolfgang Tillmans e Luc Tuymans. L’identità grafica di Program è stata progettata in stretta collaborazione con l’artista Christopher Williams. 

DAVID ZWIRNER, TRA ONLINE E OFFLINE

“Nell’ultimo anno, ci siamo resi conto dell’interesse e dell’impegno che potevamo generare attraverso il nostro sito web, senza che fosse associato alle notizie di una fiera”, spiega Zwirner. “Ecco perché abbiamo creato ‘Program’, una nuova serie di eventi che chiude la stagione artistica e concentra l’energia e l’eccitazione associate al mese di giugno, ma su scala globale. Grazie a sessioni di streaming dal vivo, riproporrà il dialogo e la scoperta che si sperimentano all’inaugurazione di una mostra o in una fiera. Per la presentazione inaugurale di Program”, conclude il gallerista, “i nostri artisti hanno creato nuove importanti opere che saranno viste per la prima volta, compreso il nuovo dipinto di Kerry James Marshall dalla sua serie Black and part Black Birds in America”. 

– Desirée Maida

www.davidzwirner.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.