Durante la Frieze Week (online) a Londra aprono i nuovi spazi di Lisson Gallery e Phoebe Saatchi

Nonostante la fiera Frieze si stia svolgendo online, a Londra è in corso un’art week che vede numerose gallerie impegnate in eventi e mostre. E non solo: a Cork Street aprono la galleria pop up di Lisson e il nuovo spazio di Phoebe Saatchi Yates, figlia del celebre collezionista e gallerista Charles Saatchi

Dave Fergusson, Cork Street W1, Fonte Wikipedia CC BY SA 2.0
Dave Fergusson, Cork Street W1, Fonte Wikipedia CC BY SA 2.0

Dall’8 all’11 ottobre a Londra avrebbe dovuto tenersi la fiera Frieze, cancellata lo scorso luglio a causa della pandemia. Nonostante l’annullamento dell’evento, nella città è stata comunque confermata il resto dell’art week, con eventi e mostre inaugurate in questi giorni nelle principali gallerie londinesi: è il caso di Waves dell’artista Rashid Jonhson da Hauser & Wirth; In Plain Sightdi Tavares Strachan da Marian Goodman Gallery; Oma di Oliver Beer da Thaddaeus Ropac; Chicxulub di Dahn Vo da White Cube; Nathaniel Mary Quinn da Gagosian; Shadow of a Cloud Moving Slowly di Dana Schutz da Thomas Dane, solo per fare qualche esempio. All’insegna delle norme restrittive e del distanziamento fisico, e nonostante le principali fiere del settore continuino a essere rinviate o cancellate, molte gallerie continuano comunque a farsi promotrici di iniziative e ad attirare pubblico e collezionisti, e addirittura ad aprire nuove sedi. È il caso di Lisson Gallery, che proprio durante la Frieze Week ha inaugurato uno spazio pop up, e di Phoebe Saatchi Yates, figlia del magnate della pubblicità e collezionista Charles Saatchi che il prossimo 15 ottobre aprirà una galleria dedicata agli artisti emergenti. Entrambi gli spazi si trovano a Cork Street, nel quartiere Mayfair.

IL NUOVO SPAZIO DI LISSON GALLERY A CORK STREET

Con sedi dislocate tra Londra, New York e Shanghai, Lisson Gallery apre così il suo terzo spazio nella capitale britannica, per un periodo di sei mesi: la mostra inaugurale è la collettiva Horizon, con opere di Ai Weiwei, John Akomfrah, Allora & Calzadilla, Mary Corse, Ryan Gander, Hugh Hayden, Anish Kapoor, Lee Ufan e Stanley Whitney. Sempre durante la Frieze Week, nelle altre due gallerie londinesi sono state inaugurate le personali di Laure Prouvost (a Lisson Street) e di Mary Corse (a Bell Street). “Come tutti coloro che in questo momento sono impegnati con le arti, siamo affamati di nuove esperienze, per riunire le persone e per riflettere su dove siamo arrivati ​​quest’anno”, dichiara il fondatore della galleria Alex Logsdail.“Questa apertura è un segno di speranza per tutti coloro che sono impegnati nel mantenere il mondo dell’arte forte e vivace”.

A CORK STREET APRE ANCHE LA GALLERIA DI PHOEBE SAATCHI YATES

Cork Street assisterà all’apertura di una nuova galleria d’arte: si tratta del progetto di Phoebe Saatchi Yates, figlia dell’imprenditore, collezionista e gallerista Charles Saatchi. Insieme al marito Arthur Yates, Phoebe Saatchi occuperà uno spazio di oltre 900 metri quadrati in un edificio a due piani vicino alla Goodman Gallery e le case d’asta Sotheby’s e Christie’s. Saatchi senior, nella fase di preparazione di apertura della galleria, ha fatto da consulente alla coppia, ma non sarà coinvolto nelle attività del nuovo spazio. Le opere della sua rinomata collezione, inoltre, non saranno messe in vendita nella galleria della figlia. La galleria sarà dedicata alla promozione degli artisti emergenti, e il primo artista a esibire i propri lavori sarà lo svizzero Pascal Sender.

–  Desirée Maida

www.lissongallery.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.