Apre a Bruxelles il Museo dei manoscritti dei Duchi di Borgogna

Apre al pubblico dal 18 settembre a Bruxelles il nuovo KBR Museum, ricavato all’interno della Biblioteca Reale del Belgio. Esporrà al pubblico la collezione dei manoscritti dei Duchi di Borgogna, considerata un vero e proprio tesoro nazionale belga.

L’ingresso della Biblioteca Reale. Courtesy KBR
L’ingresso della Biblioteca Reale. Courtesy KBR

Il Belgio vanta un’antica e prestigiosa tradizione libraria sin dal tardo Trecento, dai manoscritti medievali alle preziose edizioni a stampa realizzate quelle che furono vere e proprie “dinastie”, come i Moretus ad Anversa, di stampatori e che molto contribuirono alla diffusione della cultura in Europa, soprattutto nel periodo della Controriforma. Fra i maggiori mecenati nella produzione di libri, i Duchi di Borgogna, che regnarono sulle Fiandre dal 1348 al 1482. Nel tempo, la loro biblioteca arrivò a contare comprende più di 900 manoscritti, di cui un terzo è oggi conservato presso la Biblioteca Reale.

Una pagina delle Croniques et Conquestes de Charlemagne. Courtesy KBR
Una pagina delle Croniques et Conquestes de Charlemagne. Courtesy KBR

IL KBR MUSEUM: LA COLLEZIONE

La collezione spazia fra i vari campi del pensiero medievale: letteratura, storia antica, scienze, morale, religione, filosofia, ma anche diritto, poesia e romanzi cavallereschi. Le opere più antiche risalgono al XIII secolo, le più recenti alla fine dell’età feudale, e molte furono realizzate su richiesta dei Duchi da famosi copisti come Jean Miélot, Jean Wauquelin e David Aubert. Gli studiosi concordano sul fatto che alcuni dei manoscritti in collezione, come il Peterborough Psalter, l’ Histoires de Charles Martel, il Roman de Girart de Nevers o il Croniques et Conquestes de Charlemagne, sono annoverati fai i 50 manoscritti più importanti al mondo.

Una sala del KBR Museum, in allestimento. © Create
Una sala del KBR Museum, in allestimento. © Create

IL KBR MUSEUM: LA MOSTRA INAUGURALE

Il KBR Museum è ospitato all’interno della Biblioteca Reale, e precisamente nella cappella di Saint Georges, meglio conosciuta come Cappella di Nassau, l’unica testimonianza architettonica ancora esistente dell’antico palazzo della famiglia omonima, costruito in stile tardo-gotico brabantesco all’inizio del XVI secolo. La visita al Museo è un’occasione per conoscere questo importante patrimonio librario, illustrato da valenti miniaturisti poco conosciuti, ma che in realtà non si dimostrano inferiori per talento ai più noti pittori fiamminghi, ad esempio Van Eyck. Il percorso è però arricchito da sezioni esplicative, ad esempio sulla descrizione del processo di realizzazione dei volumi: la rilegatura, i materiali utilizzati per la creazione delle pagine e il meticoloso lavoro di copiatura e miniatura. Un lavoro certosino che non mancherà di affascinare anche il pubblico contemporaneo. Intanto, in attesa dell’apertura del museo,  una selezione di 213 manoscritti della collezione può già essere scoperta virtualmente sul sito belgica.kbr.be/belgica.

Niccolò Lucarelli

kbr.be/en/museum/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.