Lockdown in Giappone. Il Museo dello Studio Ghibli apre su YouTube un canale con tour virtuali

Il museo di Tokyo dedicato al celebre studio di film d’animazione ha aperto un canale ufficiale su YouTube per permettere agli utenti di visitare il museo nonostante la chiusura imposta dal lockdown. E intanto sul web spopola un video-tutorial su come disegnare l’iconico Totoro…

Il mio vicino Totoro
Il mio vicino Totoro

Tra i musei di tutto il mondo che in questo periodo storico sono costretti alla chiusura a causa della pandemia da Coronavirus, trovando così nel web uno strumento utile per portare avanti la propria programmazione e tenere sempre viva l’attenzione del pubblico, è anche il Museo Ghibli, aperto a Tokyo nel 2001 e nato dalla volontà del regista Hayao Miyazaki, tra i più noti fondatori dello Studio Ghibli. Il museo dedicato allo studio cinematografico di film d’animazione giapponese – che ha prodotto, tra gli altri, titoli come La città incantata, Principessa Mononoke, Arrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento, Kiki – Consegne a domicilio, Il mio vicino Totoro, La storia della Principessa Splendente – di recente ha aperto un proprio canale su YouTube, in cui una volta a settimana vene pubblicato un breve video-tour virtuale che porta i visitatori alla scoperta del museo.

I TOUR VIRTUALI DELLO STUDIO GHIBLI

I video offrono agli utenti la possibilità di “visitare” il Museo Ghibli, al cui interno è allestista una mostra su come viene realizzato un film dello studio, oltre a un cinema in cui vengono proiettate pellicole prodotte dallo Studio Ghibli visibili solo all’interno del museo. Non possono mancare poi una riproduzione del Gattobus de Il mio vicino Totoro e una statua in bronzo che riproduce un robot soldato del film Laputa – Castello nel Cielo.

COME DISEGNARE TOTORO: IL TUTORIAL DI TOSHIO SUZUKI

A proposito di Totoro, negli ultimi giorni spopola sul web un video che lo vede protagonista: Toshio Suzuki, produttore ed ex presidente dello Studio Ghibli, ha realizzato un tutorial in cui spiega ai bambini (e non solo) come disegnare l’iconico personaggio che dai tratti somiglia a un gatto e a un procione. “Buongiorno! Vi mostrerò come disegnare Totoro, pronti?”, esordisce Suzuki del video. “Ho appena disegnato il contorno. Ecco questa è la parte più importante. Dovete disegnargli gli occhi distanti. Questo è il punto decisivo. Ok, ora è fatto! Lo potete fare tutti a casa. Per favore, disegnate!”. In un primo momento il video era rivolto ai bambini di Nagoya, città di origine di Suzuki, per poi diventare virale in tutto il mondo. E voi avete provato a realizzare il vostro Totoro?

– Desirée Maida

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.