Non solo aste. Artcurial sbarca nel mercato immobiliare e acquisisce John Taylor Group

La casa d’aste parigina specializzata in beni di lusso annuncia l’acquisizione del prestigioso network immobiliare fondato a Cannes nel 1864. Estendendo così i suoi confini verso un’importante area di mercato: quella del luxury real estate

Asta Artcurial - Ph. ® Artcurial
Asta Artcurial - Ph. ® Artcurial

Solo un mese fa vi parlavamo di Emilie Volka, il nuovo direttore della sede italiana di Artcurial, la casa d’aste multidisciplinare nata a Parigi nel 2002. E proprio dal quartier generale francese giungono grosse novità: Artcurial ha infatti annunciato l’acquisizione del John Taylor Group, storico network immobiliare fondato a Cannes nel 1864.

DUE GRUPPI STORICI, LA PARTNERSHIP E L’ACQUISIZIONE

Il rapporto tra Artcurial e John Taylor prende avvio nel 2013 con una partnership strategica, volta a fornire servizi sempre più efficienti e complete ai propri clienti. Oggi, con la piena integrazione di John Taylor, il Gruppo Artcurial potrà così ampliare e accelerare tali sinergie dando forma a un’offerta globale e complementare. Artcurial e la John Taylor, infatti, condividono la stessa professionalità che è quella dell’intermediario, e la medesima clientela internazionale. Nata a Parigi 15 anni fa e specializzata in diversi settori di beni di lusso (belle arti, automobili da collezione, gioielleria, vini), oggi Artcurial vanta numerosi uffici rappresentativi a Bruxelles, Milano, Montecarlo, Monaco, Vienna, Pechino e Tel Aviv. Nel 2016 ha totalizzato un volume di vendite pari a 210.1 milioni di euro, raddoppiando così nell’arco di 5 anni il proprio giro d’affari (+ 10% comparato al 2015). Fondato a Cannes nel 1864, il John Taylor Group è uno dei più antichi e prestigiosi network immobiliari al mondo, rappresentato in 14 paesi – oltre che in Francia, è presente in Germania, Spagna, Monaco, Gran Bretagna, Stati Uniti, Qatar, Russia e Arabia Saudita, solo per citarne alcuni. Con più di 6mila unità immobiliari per un valore di 14 miliardi di euro e con clienti internazionali il cui patrimonio supera i 30 milioni di dollari e il reddito annuo i 500mila euro, il John Taylor Group nel 2016 ha gestito transazioni del valore di 5,5 milioni di euro.

John Taylor, Monaco
John Taylor, Monaco

LE NUOVE PROSPETTIVE DI MERCATO

Con questa acquisizione, finanziata interamente con fondi propri, Articurial registra la sua prima operazione di crescita su larga scala, esterna al proprio core business. Questo nuovo aspetto della casa d’aste contribuirà in maniera significativa allo sviluppo dei risultati del gruppo negli anni a venire. “Grazie agli investimenti condotti dalla famiglia Pastor per più di 20 anni, il brand John Taylor ha raggiunto un eccezionale grado di notorietà e una eccellente posizionamento internazionale con un network di agenzie di proprietà e franchising, presenti in più di 29 destinazioni essenziali e globalmente distribuite, lungo 14 paesi”, ha dichiarato il CEO di Artcurial Group Nicolas Orlowski. “Con questa acquisizione, Artcurial ha lanciato una strategia audace e pionieristica, adottando un nuovo settore che sarà gradualmente integrato nel nostro business. La scelta intrapresa con questa crescita esterna ci permetterà di creare nuove opportunità. Ora siamo in grado di sviluppare ulteriormente il nostro mercato organizzato in due attività principali: il mercato dell’arte e delle aste, e il luxury real estate con i relativi servizi”. Nicolas Orlowski diventerà Amministratore Delegato del John Taylor Group, succedendo a Delphine Pastor.

– Desirée Maida

www.artcurial.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.