Inaugura a Londra The Postal Museum. Su progetto dell’Haley Sharpe Design specializzato in mostre

Progetto di allestimento a firma dello studio specializzato in mostre e musei per un percorso sotterraneo, la Mail Road, che porta i visitatori nel cuore della storia delle poste britanniche.

Car depot & workshop
Car depot & workshop

Apre parzialmente al pubblico a Londra The Postal Museum. Il nuovo museo, realizzato grazie ai fondi della lotteria inglese, è diviso in due parti. Una, prettamente espositiva, è divisa a sua volta in cinque sezioni ed è ospitata in una ex tipografia che racconta la storia della posta lunga cinque secoli, fatta di eventi storici e curiosità, e costruita a misura di bambino con installazioni interattive ovunque. Dirimpetto alla nuova sede del museo si trova la parte più interessante, che aprirà al pubblico il prossimo 4 settembre, e che consente di visitare i vecchi tunnel sotterranei costruiti per trasportare la posta tra la sede centrale di Mount Pleasant e le altre sedi di smistamento. Per accedere ai tunnel, che arrivano fin sotto la stazione di Liverpool St, sono stati realizzati due trenini elettrici per consentire ai visitatori questa esperienza unica.

IL PERCORSO

I trenini partono ed arrivano – il circuito è un loop – dal vecchio deposito di riparazione dei trenini postali e durante il percorso sotterraneo si ha l’occasione di sostare nelle stazioni intermedie (poste sotto ai vari centri di smistamento), dove vengono proiettate foto e video con la storia di questa ferrovia nascosta. I tunnel sono stati utilizzati fino al 2003 ed hanno un secolo di storia che parte addirittura dal primo sistema di funzionamento pneumatico per poi evolversi con trenini pilotati da personale delle poste. La sensazione è proprio quella di trovarsi in una metropolitana in miniatura, con questi piccoli vagoni che si muovono in piccole gallerie a doppio binario e che hanno ospitato anche la famosa Stele di Rosetta messa al sicuro proprio in questo circuito sotterraneo durante la seconda guerra mondiale.

Post Office underground railway - man operating a shunting vehicle, 1935
Post Office underground railway – man operating a shunting vehicle, 1935

IL PROGETTO DI ALLESTIMENTO

Finito il tour i visitatori hanno modo di visitare un’altra sezione espositiva prettamente dedicata alla storia della ferrovia postale, dal primo vagone pneumatico agli ultimi trenini usati prima di dismettere i tunnel. Si tratta, quindi, di un museo con una parte dedicata prettamente allo svago dei piccoli visitatori e con l’altra atta a soddisfare le curiosità degli adulti. Lo studio di architettura che ha costruito questo percorso inedito, andando a recuperare una affascinante storia inglese, è Haley Sharpe Design ldt, tra i più gettonati della Gran Bretagna, in fatto di musei e specializzato nella realizzazione di mostre: tra i recenti progetti c’è infatti il centro visitatori di Stonehenge e la mostra dedicata, dalla cattedrale di Salisbury alla Magna Charta o il Museum of Liverpool e il Kurdistan Museum.

– Mario Bucolo

The Postal Museum
5-20 Phoenix, Londra
postalmuseum.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mario Bucolo
Mario Bucolo è fotografo professionista (awards winners come si dice di chi ha ricevuto premi e riconoscimenti internazionali), pur amando definirsi ‘artigiano dell’immagine’, specializzato in architettura, landscape, viaggi. Catanese, vive e lavora a Londra da alcuni anni. Ma Mario Bucolo è anche un esperto in marketing, comunicazione, visibilità e social media prevalentemente per i musei e per il settore cultura, lavorando e presentando studi nel settore sin dal 1991, anche nel ruolo di co-fondatore dell'iniziativa Europea 'Medici Framework' e di editore del portale mondiale sui musei. Nel 2008 ha contribuito, come guest author, all'ultimo libro di Philip e Neil Kotler sul marketing per i musei con un capitolo su "Musei ed E-communication". Nel 2010 è stato candidato alla presidenza di ICOM Italia. Prima ancora, dal 1984, è stato tra i pionieri europei delle applicazioni multimediali interattive (kiosk, Laser disc, Cd-Rom etc).