Nuovi direttori a Londra. Balshaw alla Tate, Hunt al Victoria&Albert

La Tate sarà guidata da Maria Balshaw, attuale direttrice della Whitworth Art Gallery delle Manchester City Galleries. Al V&A arriva lo storico, politico e scrittore Tristram Hunt

Maria Balshaw
Maria Balshaw

Lo scorso 7 settembre vi davamo notizia delle dimissioni – giunte come il classico fulmine a ciel sereno – di Martin Roth, dal 2011 apprezzatissimo direttore del Victoria and Albert Museum di Londra. Il giorno successivo, 8 settembre, sempre da Londra arrivava la notizia di un addio ancor più clamoroso, quello di Sir Nicholas Serota dalla direzione della Tate Gallery, che manteneva da quasi 30 anni. Quasi che le due prestigiose istituzioni si fossero messe d’accordo, nel volgere di 24 ore cambiava molto nel panorama museale londinese.

NOMINE IN CONTEMPORANEA

Ora – e la coincidenza diventa ancor più notevole – la scena si ripete, ma stavolta al “positivo”: con entrambi i musei che comunicano in contemporanea, il 13 gennaio, i nuovi direttori. Alla guida del V&A, storica istituzione di Kensington orientata alle arti applicate, arriva Tristram Hunt, storico, politico e scrittore esperto dei secoli XVIII e XIX, con particolare attenzione alla storia urbana vittoriana. Membro della Royal Historical Society, è stato anche docente di storia moderna inglese alla Queen Mary University di Londra. Manca l’ufficialità, ma è ormai certo che sulla poltrona di Serota siederà invece Maria Balshaw, attuale direttrice della Whitworth Art Gallery e – dal 2011 – anche delle Manchester City Galleries. Nel 2015 la Balshaw – che sarà la prima direttrice donna della Tate – è stata insignita dalla Regina dell’Order of the British Empire per i servizi alle arti.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.