Ah Giacì! Riflessioni in margine della Biennale di Venezia

Perché questa Biennale del 2013 si farà o sarà da ricordare? Perché parlare di questa Biennale? Perché è piaciuta? Perché Massimiliano Gioni è amico, e questo in Italia ci può stare? Perché è anche amico di amici e conoscenti come Bonami e Cattelan? Perché abbiamo avuto in parte lo stesso maestro-amico Giancarlo Politi? Che pizza!

Una banconota da 5.000 Simec

Ah Giacì: ma che stai a dì?”, direbbe Erminia (Rossana Di Lorenzo) al marito Giacinto Colonna (Alberto Sordi) nel film Le Coppie (1970), scambiato per il principe Colonna nel prenotare un albergo in Costa Smeralda, ma non appena scoprono che è un metalmeccanico (la Fiom, ieri come oggi, sempre a creare problemi) lo mandano via. Per forza, Colonna cognome nobile senza neppure aver bisogno del ‘di’ minuscolo, quel ‘di’ che ho pure io, ma maiuscolo: ‘Di’. Ma, come per Giacinto Colonna, chi lo sa? Tanto che la maggior parte delle persone continua a pensarmi con qualche quarto di nobiltà.
Ah Giacì: ma che stai a dì? Nobiltà, ignobiltà, la Biennale?”. Ah sì, la Biennale in cui Sordi non è più Giacinto Colonna ma Remo Proietti, fruttarolo de Roma, con la moglie Augusta (Anna Longhi), nell’episodio de Le vacanze intelligenti (1978), figurativamente molto simile a Erminia, alla Biennale dello stesso anno si assenta per prendere qualcosa da bere e da magnà alla moglie, che nel mentre si siede ignara sulla sedia parte dell’installazione di Maurizio Nannucci, Imagine du ciel, e viene scambiata per una scultura vivente, “un’opera originale” che una coppia di collezionisti in visita acquisterebbe per 18 milioni.
Ah Giacì, ma che stai a dì, non è quella del ‘78 la Biennale di cui bisogna parlare, ma quella del 2013”. Mah, sì, la Biennale del ’78, Arte e Natura, ha delle relazioni con quella di oggi, e poi ora c’è anche il remake di When attitudes become form,  mostra storica del 1969 curata da Harald Szeemann che Celant ricostruisce quasi paro-paro alla Fondazione Prada di Venezia, in una sorta di ready made curatoriale. Una mostra, quella di Szeemann, a cui molti riferiscono anche la curatela di Gioni per quest’edizione. Mah.

Alberto Sordi nel film Le Coppie (1970)
Alberto Sordi nel film Le Coppie (1970)

Il Palazzo Enciclopedico è proprio una bella Biennale con belle opere e belle idee, con opere e idee interessanti, si sarebbe detto ancora sul finire degli Anni Settanta, un fine decennio che apriva all’affermazione di valore del bello al posto dell’interessante, passando dalla Trinità dialettica hegeliana di tesi, antitesi e sintesi al senso binario del mi piace / non mi piace dell’opposizione 0101010… del computer dell’epoca dell’elettronica.
La Biennale di Gioni ha il merito di mettere in discussione l’esclusività del sistema dell’arte senza estrometterlo, anzi, e di reintrodurre l’aggettivo ‘interessante’, mettendo in relazione l’arte del sistema dell’arte con il mondo più ampio della creatività, conscio che nessuna Biennale oggi può arrivare, se non in minima parte, a presentare le ultimissime novità. Insomma, chi pensa che si possa andare in una qualsiasi Biennale per scoprire i nuovi artisti non è che un illuso. Meglio cercare di utilizzare questo palcoscenico come luogo per riflettere sull’arte, anche trasformando l’esposizione in qualcosa di tipo museografico.
Sono in molti a dire che la trasformazione in mostra museografica non rispetta la missione della Biennale, dimentichi del fatto che per molti anni è stata una manifestazione con mostre di tipo museografico, tanto che nel 1980 si rese necessaria l’apertura – per volontà di Szeemann, sempre lui, e Bonito Oliva, pure lui – della sezione Aperto ai Magazzini del Sale, in cui presentare le ultime novità, passata negli anni successivi all’Arsenale e finita, dati i tempi, anch’essa per essere “musealizzata”.
La Biennale di Gioni è casomai imparentata con il Museo delle Ossessioni e con la mostra Monte Verità di Szeemann e in parte con Open Mind di Jan Hoet e fors’anche con l’apertura a 360 gradi della Biennale del 1993 diretta da Achille Bonito Oliva.

Ma a parte padri e madri, è interessante vedere quali spunti questa Biennale può dare e, vista l’ampiezza, per non tediarvi ne dirò uno solo: Marino Auriti. Con il Palazzo Enciclopedico, Auriti – emigrato da Guardiagrele negli Usa – ripropone la questione delle grandi narrazioni utopiche, questioni universali lasciate cadere dalla postmodernità. Va sottolineato che già formalmente il Palazzo Enciclopedico ricorda molto le architetture visionarie di illuministi come Boullée e Ledoux, e per ciò è anche interessante notare che Auriti muore nel 1980, anno in cui il postmoderno afferma il suo status di decennio.
Ma l’utopia di Marino Auriti non si è esaurita in sé, non è stata una semina vana: un suo parente, Giacinto Auriti – sempre di Guardiagrele, professore alla Sapienza di Roma e preside dell’Università di Teramo, giurista, saggista e uomo politico morto nel 2006 -, ha dato vita anch’egli a un’utopia sociale. Ispirandosi alle teorie economiche di Ezra Pound sul conflitto tra economia e finanza, che il poeta tratta nel XLV dei suoi Cantos e nei due libri Abc dell’Economia e Lavoro e Usura, e avendo nelle vene il sangue dell’utopia, nel 2000 Giacinto Auriti dà vita a Guardiagrele all’esperimento della moneta del popolo emettendo il Simec, sostenuto dall’allora sindaco Mario Palmerio. Una moneta parallela alla Lira e per la quale venne creato anche un Assessorato per il Reddito di Cittadinanza. Moneta poi confiscata dalla Guardia di Finanza su ordine della Procura di Chieti e in seguito revocata. Inoltre, dal 2005 le teorie di Giacinto Auriti contro il “signoraggio bancario” vennero sostenute per tre legislature alla Camera dei Deputati da Antonio Serena e poi riprese nel 2011 da Antonio Di Pietro.
Per dire quanto possono andare lontano le visioni enciclopediche.

Giacinto Di Pietrantonio

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #16

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giacinto Di Pietrantonio
Nato a Lettomanoppello (Pescara) 08-08- 1954. Vive a Milano Dal 2000 è Direttore della GAMeC - Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo. È Docente di 2 insegnamenti presso l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano: Sistemi Editoriali per l’Arte e di Teoria e Storia dei Metodi di Rappresentazione. È stato tra i fondatori, nel 2003, dell'AMACI (Associazione Musei d'Arte Contemporanea Italiani), per cui ha diretto anche la rivista I Love Museums Ha ricoperto il ruolo di Redattore Capo prima e Vicedirettore poi per Flash Art Italia dal 1986 al 1992, rivista con cui continua a collaborare. Dal 2011 tiene la rubrica “Per diritto di cronaca” sulla rivista Artribune e con Luca Rossi la rubrica online “Oltre il giardino” sul sito Whitehouse. Suoi testi sono apparsi e appaiono anche su riviste come Parkett e Domus. Dal 1994 al 1996 è stato consulente per le arti visive della Regione Abruzzo. Con Michelangelo Pistoletto, il gruppo Calc e Corinne Diserens, cura l’edizione di BIG (Biennale Italiana Arte Giovane) di Torino, 200. Ha curato mostre personali di Jan Fabre come eventi collaterali della Biennale di Venezia, nel 2007-2009-2011. Tre le molte e importanti mostre personali e collettive, si ricordano Over the Edges con Jan Hoet, a Gent (Belgio) e Alighiero Boetti. Quasi tutto, alla GAMeC e alla Fondazione Proa di Buenos Aires (Primo premio come migliore mostra dell’anno). Ha fondato e diretto la rivista di discussioni sulle arti Perché/? Ha redatto e curato monografie di Enzo Cucchi, Jan Fabre, Ettore Spalletti. É stato curatore del Corso Superiore di Arti Visive alla Fondazione Antonio Ratti di Como dal 1995 al 2004. É stato membro del comitato della Quadriennale di Roma nel 2005, ed stato membro del comitato scientifico per l’arte dell’Assessorato alla Cultura – Spazio Oberdan della Provincia di Milano e della Fondazione Kogart di Budapest. È stato consulente Artistico di MiArt (Fiera Internazionale d’Arte Contemporanea): www.miart.it per le edizioni 2008, 2009, 2010. È consulente del Premio Furla – Querini Stampalia per l’Arte. È membro del Comitato Scientifico del Museo d’Arte Moderna e Contemporanea Luigi Pecci di Prato e del CIAC, Centro Italiano Arte Contemporanea di Foligno. Nel 2008 è stato insignito dal Magnifico Rettore dell'Università di Bologna Pier Ugo Calzolari del Riconoscimento alla Carriera promosso dall'AMA (Associazione Almae Matris Alumni) dell'ateneo bolognese.