Lo street artist Tellas a Torino: Paratissima diventa campo da basket fiorito di 550mq. Le foto

Lo street artist sardo realizza Blooming Playground, un’enorme opera di arte urbana nella corte interna dell’ex Accademia Militare, ora ARTiglieria, sede della prossima edizione della fiera d’arte emergente

Blooming Playground ®Simone Di Gioia
Blooming Playground ®Simone Di Gioia

Considerato tra i 100 migliori artisti emergenti nel mondo, Tellas (Cagliari, 1985)si esprime in diversi modi: disegno, pittura, installazioni, stampa, produzioni video che confermano l’intento di sperimentare in diverse parti del globo. Ora lo street artist sardo è arrivato a Torino per dare vita a un’opera unica nel suo genere: un campo da basket di 550 metri quadrati interpretato come un rigoglioso giardino fiorito che ospita in permanenza due alberi di acero, gli unici residenti rimasti nel luogo. Si tratta di Blooming Playground, un’opera di arte urbana nella corte interna dei suggestivi spazi dell’ex Accademia Militare, nel pieno centro urbano di Torino, un progetto di PRS – Paratissima Produzioni & Servizi, curato da Francesca Canforae realizzato in collaborazione con la società di basket PMS Basketball, Elettrogruppo Zerouno e PPG Univer, una delle realtà più all’avanguardia nell’ambito delle pitture per edilizia.

Tellas, Blooming Playground, Torino, work in progress
Tellas, Blooming Playground, Torino, work in progress

L’OPERA DI TELLAS ASPETTANDO PARATISSIMA

L’intervento di Tellas è stato, infatti, creato in occasione della riapertura dell’ARTiglieria – Centro d’Arte Contemporanea, sede della nuova edizione di Paratissima, per riportare, attraverso l’arte, la vegetazione all’interno del complesso seicentesco che ospiterà dal 23 ottobre all’8 dicembre Paratissima Art Station, il nuovo format espositivo dedicato a gallerie d’arte e artisti indipendenti. 

Blooming Playground ®Simone Di Gioia
Blooming Playground ®Simone Di Gioia

L’OPERA DI TELLAS AL SERVIZIO DELLA COMUNITA’

Noi crediamo che l’arte e la creatività non debbano essere fini a se stesse, ma al servizio della comunità e, nel caso specifico, per la salute e il benessere psico-fisico dei giovani”, spiega Lorenzo Germak, Ceo PRS. “La scelta dell’artista, il tema naturalistico del bozzetto e la decisione di salvaguardare gli alberi sono scelte ben definite di indirizzo progettuale dettate dalla volontà di integrare l’arte al contesto urbano dell’ARTiglieria”. Ecco qualche scatto dell’imponente opera d’arte urbana…

– Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).