Senigallia, Pesaro e Marina di Ragusa: tutta la street art di questa estate 2017

Senigallia, Pesaro e Marina di Ragusa sono i centri italiani protagonisti, in questi giorni d’estate, di fenomeni di interventi di street art che indagano sul rapporto dell’uomo con il mare e i luoghi in cui vive, con una riflessione sul drammatico fenomeno della migrazione che sta toccando le coste de. Mediterraneo

FestiWall, preview Dulk, Lost&found, ph credits Marcello Bocchieri
FestiWall, preview Dulk, Lost&found, ph credits Marcello Bocchieri

La Urban Art porta un tocco di realismo magico sull’Adriatico e comincia a scaldare i muri della Sicilia barocca. Senigallia, Pesaro, Marina di Ragusa: tre nuovi murales aggiornano il panorama italiano del wallpainting lungo le coste del Paese. Scopriamone i protagonisti.

L’”ESPLOSIONE GEOMETRICA” ALLA STAZIONE FERROVIARIA DI SENIGALLIA

Il wallpainting più recente è stato inaugurato lo scorso 14 agosto, dopo una decina di giorni di preparazione: si tratta di Universe dello street-artist Geometric Bang (Lodi, 1984), molto attivo in Italia e presente con i suoi lavori in varie città europee, in Cina e Sudafrica, che stavolta ha fissato il suo multiverso spray sulla facciata della stazione ferroviaria di Senigallia e nel sottopassaggio adiacente. Per uno degli spazi più attraversati del centro balneare e culturale marchigiano, l’”esplosione geometrica” ha scelto di rappresentare sui muri un gioco modulare di rimandi geomorfici usando gradazioni su colori primari, interrotto da grandi occhi e mani che emergono da sfondi stellati, quasi l’illustrazione murale di una genesi da cui di irradia leggerezza e divertimento. Non male per caratterizzare una stazione che, in quanto tale, è una struttura che rischia costantemente la deriva del non-luogo, ma è anche tra le più toccate dal buonumore della gente in vacanza.

UN MURALES CHE IMMORTALA IL RAPPORTO TRA L’UOMO E IL MARE

Sulla stessa costa, un luogo invece fortemente caratterizzato da una identità marinara peculiare è stato toccato dalla visionarietà dell’arte murale: è il molo di Levante del porto di Pesaro su cui, lungo l’intera lunghezza di 260 metri della struttura, si stende Ciclico, il lavoro inaugurato lo scorso 3 agosto, realizzato da Tellas con il contributo degli studenti del cittadino Liceo Artistico Mengaroni, accompagnati in un workshop precedente dallo stesso Tellas e dall’artista Gabriele Arruzzo. Ciclico è una connessione tra terra e mare, cultura e natura: il molo oggetto proprio e insieme simbolo dell’uomo lavoratore che salda il patto ancestrale con il mare, il suo inserirsi nella indeterminatezza delle correnti e nella ricorrenza delle maree, è il desiderio dell’uomo esteta di voler aggiungere bellezza gratuita alla realtà. La produzione è diretta dall’associazione Re/Ur Reperti Urbani all’interno del progetto “Portobello”, che dal 2014 si occupa della valorizzazione dell’area del porto.

IL MARTIN PESCATORE DI MARINA DI RAGUSA SIMBOLO DEI FENOMENI MIGRATORI

Altra spiaggia, altro mare, un altro interessante mural che prende forma su una spiaggia mediterranea: a Marina di Ragusa si anticipa la terza edizione di FestiWall, il festival di arte pubblica di Ragusa a cura dell’Associazione Culturale Pandora che vedrà protagonisti i muri del capoluogo siculo dal 24 al 30 settembre con la pittura di Dulk, raffinato street-artista valenciano che ha scelto spesso di rappresentare animali in contenti surreali con grande potenza illustrativa. Per Marina di Ragusa il soggetto è un martin pescatore, uccello di fiume portato, a causa dei cambiamenti climatici, ad adattarsi ad un nuovo e per lui insolito habitat marino. Una rappresentazione che ha valore anche metaforico, su una spiaggia affacciata su quel canale di Sicilia in cui l’esigenza di migrare ha prodotto uno dei fenomeni umani più imponenti e drammatici del nostro presente.

– Valeria Carnevali

Geometric Bang, Universe
Progetto ideato e coordinato dall’agenzia di comunicazione Bookrepublic per Bausch+LombProgetto
direzione artistica PopUp Studio
dal 14/08/2017
Stazione Ferroviaria di Senigallia
[email protected]

Tellas, Ciclico
Progetto organizzato e diretto dall’Associazione Re/Ur Reperti Urbani
con il contributo degli studenti del Liceo Artistico Mengaroni di Pesaro e la collaborazione di Gabriele Arruzzo
dal 03/08/2017
Molo di Levante del Porto di Pesaro
[email protected]

Dulk, Lost & Found
Preview 3° edizione di FestiWall
Progetto ideato e coordinato da Vincenzo Cascone e Antonio Sortino, Associazione Culturale Pandora
dal 05/08/2017

Piazza Torre, Marina di Ragusa
www.festiwall.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valeria Carnevali
Marchigiana, dopo la laurea in Lettere Moderne conseguita a Urbino nel 1999 con una tesi in Storia dell’Arte Contemporanea, si stabilisce a Milano lavorando per diversi anni nel settore dell’editoria d’arte e collaborando con gallerie e spazi espositivi. Tornata a Fabriano nel 2007, si laurea in Scienze della Formazione Primaria, continuando a occuparsi di arte e cultura del presente, con particolare interesse per la didattica e l’educazione all’arte (e attraverso l’arte) contemporanea. È attualmente insegnante nella scuola primaria e curatore artistico. Nel 2016 fonda l’associazione Art comes to Town. Scrive per Artribune dal 2012.