A Catania la mostra di Michael Christopher Brown, il fotoreporter con l’iPhone

Le Ciminiere di Catania ospitano la prima retrospettiva europea di Michael Christopher Brown, fotografo dell’agenzia Magnum diventato celebre grazie a reportage di guerra realizzati con uno smartphone

Nella più celebre agenzia fotogiornalistica del mondo hai solo due possibilità per presentare il tuo portfolio. Michael Christopher Brown (Skagit Valley, 1978) ci prova una prima volta nel 2013 e viene bocciato da tutti i componenti della commissione esaminatrice. Tutti tranne uno. Ma quell’uno alla Magnum Photos basta a darti la seconda chance e Brown ci riprova nel 2015.
Entra così nel novero dei super professionisti del reportage internazionale, ma non è questo quello che più conta: perché è il modo in cui lavora a provocare un importante cambiamento nel comparto del fotogiornalismo mondiale. Era accaduto che durante la rivoluzione in Libia la sua macchina fotografica si fosse rotta, ma lui avesse deciso di continuare a scattare utilizzando l’iPhone, strumento che nessun fotoreporter professionista avrebbe mai pensato di impiegare per immortalare un conflitto.

Michael Christopher Brown. I Reporter. Palestina. Exhibition view at Le Ciminiere, Catania 2021
Michael Christopher Brown. I Reporter. Palestina. Exhibition view at Le Ciminiere, Catania 2021

LE FOTOGRAFIE DI BROWN

Armato del solo iPhone, Brown entra in luoghi a cui altri non riescono ad accedere, fotografa persino il viso di Gheddafi pestato a morte. I suoi scatti diverranno uno dei primi reportage pubblicati su testate internazionali realizzato interamente con smartphone. L’iPhone lo usa anche quando su una barella viene trasportato d’urgenza, lui “fortunato” rispetto a due suoi compagni di avventura ammazzati dai tanti armigeri in conflitto.
Da quel momento la fotocamera del telefonino diviene il suo strumento d’elezione. Anche per i reportage eseguiti a Cuba durante i funerali di Fidel Castro, in Congo, in Afghanistan, in Messico, nelle metropolitane di Pechino o nella remota isola russa di Sakhalin: queste foto hanno poi raggiunto le copertine del New York Times Review, di National Geographic, Fortune.

Michael Christopher Brown. I Reporter. Cuba e Congo. Exhibition view at Le Ciminiere, Catania 2021
Michael Christopher Brown. I Reporter. Cuba e Congo. Exhibition view at Le Ciminiere, Catania 2021

LA MOSTRA DI BROWN A CATANIA

Tutto questo è documentato nella prima retrospettiva europea prodotta da Fondazione OELLE a Le Ciminiere di Catania. Oltre duecento fotografie e un filmato ripercorrono i racconti visivi di Brown e gli aspetti tecnici legati al mezzo di ripresa.
Nelle note introduttive alla mostra il curatore Ezio Costanzo specifica: “Scatti espliciti, brutali, inclementi… Brown racconta l’attualità di un mondo cruento, ma anche la speranza che la narrazione di un mondo migliore possa ancora essere scritta”. Impossibile dargli torto. Impossibile pure non soffermarsi sulla poesia di alcune delle immagini presenti sugli ampi pannelli soprannominati con i luoghi in cui queste immagini sono state scattate.
Quello dedicato alla Palestina in eterna guerra, o all’America dei diseredati, o appunto alla Libia, dove sul telo di una barella vuota è “dipinta” con il sangue la sagoma di un combattente: una scioccante sindone contemporanea.

Michael Christopher Brown. I Reporter. Cuba e Congo. Exhibition view at Le Ciminiere, Catania 2021
Michael Christopher Brown. I Reporter. Cuba e Congo. Exhibition view at Le Ciminiere, Catania 2021

DON MCCULLIN E BROWN A CONFRONTO

Mi permetto un ricordo. Ho avuto l’immeritata fortuna di incontrare a metà degli Anni Novanta Don McCullin, unanimemente considerato nel secolo scorso l’erede di Robert Capa. Le immagini da lui scattate in Vietnam durante la battaglia di Hue o in Biafra nel 1968 restano un indelebile documento storico. McCullin era nato in un quartiere periferico di Londra e nella sua autobiografia sintomaticamente intitolata Un comportamento irragionevole confessava di essere stato da sempre un predestinato: a diventare un delinquente comune (il fratello si arruolò nella legione straniera dove rimase per 23 anni). Un potenziale delinquente per puro caso arrivato al fotoreportage di guerra che lo renderà celebre.
Quando l’ho incontrato io, McCullin aveva già “deposto le armi”. Con mia sorpresa mi mostrò dei magnifici stili life stampati in bianco e nero in grande formato: erano composti da elementi raccolti casualmente nei boschi, e formavano sempre e comunque degli altari: era forse un modo per esorcizzare la morte che aveva tanto frequentato.
Brown è figlio di un fisico, non proviene da una famiglia disagiata, ha l’aria del giovanotto ben educato, ma pure a lui l’istinto del “cane da guerra” certo non manca: evidentemente l’attrazione per il campo di battaglia e la vena poetica possono convivere in un unico individuo senza alcuna frizione.

Aldo Premoli

https://michaelchristopherbrown.com/

Eventi d'arte in corso a Catania

Evento correlato
Nome eventoMichael Christopher Brown - I-Reporter
Vernissage08/10/2021 ore 17
Duratadal 08/10/2021 al 08/11/2021
AutoreMichael Christopher Brown
CuratoreEzio Costanzo
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA D'ARTE MODERNA ALLE CIMINIERE
IndirizzoViale Africa - Catania - Sicilia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Aldo Premoli
Milanese di nascita, vive a Noto e Cernobbio. E poi New York, dove lavorano i suoi figli. Tra il 1989 e il 2000 dirige “L’Uomo Vogue”. Nel 2001 fonda Apstudio e fornisce consulenze ad aziende e associazioni industriali italiane e straniere. Ha tenuto conferenze in tre continenti per Ice, Anci e Aimpes e curato esposizioni che fanno da ponte tra arte e moda. Tra il 2013 e 2014 dirige “Tar magazine”, rivista di arte, scienza ed etica. Attualmente è blogger di “Huffington Post”, columnist de “Linkiesta” e direttore della piattaforma hyper local "SudStyle". Curatore indipendente di mostre che fanno da ponte tra arte e scienza. In Sicilia ha fondato “Mediterraneo Sicilia Europa onlus”, in Lombardia “La Cernobbina Art Studio”. Svolge attività di visiting professor per accademie del nord come del sud della Penisola.