In arrivo a Dusseldorf una grande mostra sulla moda degli anni ’90 curata da Claudia Schiffer

Elgort, Ritts, Teller, Lagerfeld: al Kunstpalast verranno riuniti assieme i più grandi fotografi della moda del decennio e curati da colei che fu la top model più pretesa in quegli anni a livello globale.

Claudia Schiffer, 2020, Foto Lucie McCullin Querformat
Claudia Schiffer, 2020, Foto Lucie McCullin Querformat

Era la fine degli anni Ottanta quando una giovane Claudia Schiffer (Rheinberg, Germania, 1970) fu notata da un agente di moda presso il Checker, un nightclub di Dusseldorf. Da lì, la sua scalata alle passerelle più prestigiose del mondo fu rapida; affermatasi come una delle top model più richieste di tutti i tempi, ha ottenuto circa un migliaio di copertine e ha percorso una carriera di oltre 30 anni (ritirandosi nel 2009 dalle passerelle). Chi meglio di lei, icona della moda conosciuta a livello globale, poteva offrire la propria consulenza per una mostra incentrata sulla moda degli anni Novanta?

Ellen von Unwerth, Claudia Schiffer, Guess Kampagme 1990, Copyright Ellen von Unwerth,
Ellen von Unwerth, Claudia Schiffer, Guess Kampagme 1990, Copyright Ellen von Unwerth,

LA MODA IN MOSTRA AL KUNSTPALAST DI DUSSELDORF

Del resto, non è la prima volta che vediamo un volto noto dello spettacolo nel ruolo di curatore: come era accaduto per Orlando, la mostra allestita alla Aperture Gallery Foundation e curata dall’attrice Tilda Swinton, incentrata sulla fluidità di genere. FASHION PHOTOGRAPHY FROM THE 1990s sarà in mostra al Kunstpalast Düsseldorf dal 4 marzo al 13 giugno 2021 con 120 fotografie incentrate sui luoghi, i personaggi e gli aspetti più rilevanti del mondo della moda e della sfera culturale di quel decennio. In mostra ci saranno i lavori di Arthur Elgort con il suo stile stravagante, di Corinne Day con la sua immediatezza, l’esuberanza di Ellen von Unwerth in contrapposizione alla compostezza delle immagini di Herb Ritts. Ci saranno gli scatti provocatori di Juergen Teller e quelli senza tempo del compianto Karl Lagerfeld, oltre ad altri autori di spicco della fotografia di moda di quel periodo, il cui lavoro continua tutt’oggi a influenzare artisti e designer. Nel percorso, ci saranno anche materiali inediti, presi a prestito per l’occasione direttamente dall’archivio della curatrice d’eccezione: video, musica, oggetti e cimeli faranno immergere i visitatori nel dietro le quinte di leggendarie sfilate e afterparty.

Claudia Schiffer via Wikipedia
Claudia Schiffer via Wikipedia

IL COMMENTO DI CLAUDIA SCHIFFER

Negli anni ’80 mi sono innamorata della moda, ma negli anni ’90 ho imparato cosa fosse davvero”, racconta Claudia Schiffer. “È stato un momento intenso e sorprendente a cui non avevamo mai assistito prima, quando gli shooting duravano giorni e la moda rimaneva in prima pagina per settimane. Io e le altre top model l’abbiamo vissuta e respirata e per la prima volta ci siamo rese conto che insieme avevamo il potere di cambiare le cose. Sono entusiasta di curare questa mostra al Kunstpalast di Düsseldorf, con l’intento di condividere il mio viaggio personale e il lavoro di alcuni dei più grandi artisti del settore”.

– Giulia Ronchi

FASHION PHOTOGRAPHY FROM THE 1990s
A cura di Claudia Schiffer
Dal 4 marzo al 13 giugno 2021
Kunstpalast Düsseldorf
www.kunstpalast.de 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.