Raffaello in Francia. Grande mostra al Domaine di Chantilly, museo secondo solo al Louvre

A mezz’ora da Parigi, il museo con sede nel castello medievale di Chantilly ospita tre quadri originali del maestro rinascimentale, tra cui Le Tre Grazie, e una vasta produzione grafica. Sua e dei suoi allievi.

Raffaello Sanzio, Les Trois Grâces, Chantilly, musée Condé©RMN Grand Palais Domaine de Chantilly Frank Raux
Raffaello Sanzio, Les Trois Grâces, Chantilly, musée Condé©RMN Grand Palais Domaine de Chantilly Frank Raux

È tra le pochissime istituzioni francesi a proporre una mostra-omaggio dedicata a Raffaello Sanzio (1483, Urbino 1520, Roma) – su di lui sta partendo una grande retrospettiva a Roma – in occasione del cinquecentesimo anniversario della sua morte. Stiamo parlando del Museo Condé del Domaine di Chantilly, uno dei più importanti per lo studio del maestro urbinate e secondo solo al Louvre in quanto a collezione di quadri antichi, che ha fatto da pochissimo tempo il suo ingresso nella grande famiglia dei musei di Francia. A mezz’ora da Parigi, il museo, che ha sede nel castello medievale di Chantilly, ospita tre quadri originali di Raffaello (Le Tre Grazie, La Madonna d’Orléans e La Madonna di Loreto) e una vasta produzione grafica del maestro rinascimentale e della sua cerchia. Oltre che su questi pregevoli dipinti, la mostra si concentra, infatti, su una serie di disegni preparatori che coprono l’intera carriera del pittore, a partire dai suoi primi schizzi che risentono dell’influenza di Perugino e di Pinturicchio, fino allo studio delle grandi composizioni religiose del periodo fiorentino e sui capolavori legati ai grandi cicli degli affreschi romani. Il percorso si conclude con una ricchissima produzione degli allievi di Raffaello. Ecco le immagini…

-Claudia Giraud

Raphaël à Chantilly. Le maître et ses élèves
Dal 7 marzo al 5 luglio 2020
Château de Chantilly Cabinet d’arts graphiques e Galerie de Psyché,
7 rue du Connétable, Chantilly
https://www.domainedechantilly.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).