Buon compleanno Escher. Paesi Bassi e Stati Uniti celebrano l’artista con due grandi mostre

A 120 anni dalla sua nascita, Escher viene ricordato nella nativa Leeuwarden e a Brooklyn con due mostre che svelano la vita e le opere dell’artista delle “geometrie impossibili”

Un'opera di Escher
Un'opera di Escher

Amante dell’Italia, progettista instancabile, architetto di geometrie impossibili e prospettive incredibili. Di chi stiamo parlando? Di Maurits Cornelis Escher (Leeuwarden, 1898 – Laren, 1972), incisore olandese di cui quest’anno decorre il 120esimo anniversario dalla nascita e protagonista di due mostre organizzate proprio in occasione del suo compleanno: la prima nella sua città natale e la seconda a Brooklyn.

Maurits Cornelis Escher, Relatività
Maurits Cornelis Escher, Relatività

LA GRANDE MOSTRA “SOGNATA” DA LEEUWARDEN

Come “un grande sogno, pensato e progettato da anni” viene descritta la nuova mostra organizzata dal Museum of Friesland a Leeuwarden che desidera celebrare il suo cittadino più importante: Maurits Cornelis Escher, che proprio in quella zona nacque e trascorse parte della sua infanzia. Un 2018 intenso quindi per la città, che oltre a trasformarsi in “un paese delle meraviglie” per le numerose iniziative legate al suo artista prediletto, è stata anche nominata Capitale Europea della Cultura assieme a La Valletta. Leeuwarden si è vestita a festa già a partire dallo scorso gennaio con Phantom Limb: Art beyond Escher, mostradi artisti contemporanei che reinterpretano la poetica illusionistica ed enigmatica di Escher grazie ad installazioni che ingannano gli spettatori portandoli in un mondo dove nulla è come sembra.  Di recente invece è stata inaugurata – come raccontato da Claudia Giraud quiEscher’s journey, grande retrospettiva che esplora, attraverso ottanta stampe originali, quanto i viaggi abbiano influenzato il lavoro dell’artista. Questo progetto è stato possibile grazie alla collaborazione con il M.C. Escher Stichting Baarn, il Gemeentemuseum de L’Aia, il Rijksmuseum di Amsterdam e il regista olandese Robin Lutz.

Maurits Cornelis Escher, Concavo-Convesso
Maurits Cornelis Escher, Concavo-Convesso

L’ILLUSIONE DI ESCHER A BROOKLYN

C’è un po’ di Italia nella mostra dedicata a Escher che presto inaugurerà a Brooklyn: a organizzare l’esposizione e a fare il suo debutto nella scena americana sarà infatti Arthemisia – azienda specializzata nell’organizzazione e produzione di mostre –, in collaborazione con M.C. Fondazione Escher. La mostra, promossa da Industry City e curata da Mark Veldhuysen – curatore della collezione della Fondazione M.C Escher da oltre trent’anni – e Federico Giudiceandrea- collezionista e grande esperto dell’arte di M.C Escher, inaugurerà il prossimo 8 giugno proprio negli spazi di Industry City (forse il quartiere creativo più in crescita di New York), e oltre 200 saranno le opere esposte per la più grande mostra mai organizzata negli Stati Uniti sull’artista. Il progetto segue l’ondata di un successo internazionale già registrato nelle città di Roma, Bologna, Milano, Singapore, Madrid e Lisbona, con oltre un 1 milione di visitatori. “Escher era un artista visionario, le sue opere tutt’ora ammaliano e incuriosiscono le persone di tutto il mondo”, commentano Mark Veldhuysen e Federico Giudiceandrea. “Siamo entusiasti di portare questa mostra a New York e di far conoscere Escher ad un nuovo pubblico. È stato un artista la cui influenza può essere riscontrata nelle generazioni future e nella cultura contemporanea”.

–    Valentina Poli
 
Leeuwarden // fino al 28 ottobre2018
Escher’s journey
Museum of Friesland
Wilhelminaplein 92, 8911 BS Leeuwarden, Paesi Bassi
https://www.friesmuseum.nl/en/

New York // dall’8giugno 2018 al 3 febbraio 2019
Escher. The Exhibition & Experience
Brooklyn’s Industry City
34 – 34 Street, Building 6 Brooklyn NY 11232
https://www.eschernyc.com

Dati correlati
AutoreMaurits Cornelis Escher
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.