In una contemporaneità segnata dagli orrori della guerra, l’artista Teresa Margolles mette in mostra al Mattatoio la nostra assuefazione “davanti al dolore degli altri”

Quanto clamore può fare la violenza? A volte a risuonare è soltanto l’assordante indifferenza a essa. Ed è per questo che Periferia dell’agonia di Teresa Margolles (Culiacán, 1963) stigmatizza la tacita connivenza alle “silenti” vessazioni contemporanee nell’esecrabile e omertoso monito “Vedere, ascoltare e tacere. Nella muta disperazione che è l’agonia altrui, il termine periferia diviene quindi il paradigma di una condizione paradossale, incentrata sulle criticità dell’esistenza di confine e sull’intrinseco richiamo di morte.
Nata negli obitori messicani, la ricerca dell’artista, forte della sua formazione come patologo forense, mostra le tracce materiali di efferati crimini di frontiera, trasformatesi nelle reliquie di un mondo che ha allontanato la morte, anestetizzandone il trauma in una quotidiana strumentalizzazione mediatica.
Laddove anche il concetto di verità è al centro di dinamiche di potere e confini geopolitici, la luttuosa realtà del Messico, consolidata da narcotraffico e criminalità organizzata, da femminicidi, desaparecidos e cadaveri ignoti, invita la nostra remissiva indignazione a una collettiva apologia dell’assuefazione e dell’impassibilità della “società dello spettacolo” dinanzi ad atrocità di ogni genere.

Teresa Margolles, Passaggio di via Ettore Rolli, 2022. Photo Teresa Margolles. Courtesy the artist & Azienda Speciale Palaexpo Mattatoio
Teresa Margolles, Passaggio di via Ettore Rolli, 2022. Photo Teresa Margolles. Courtesy the artist & Azienda Speciale Palaexpo Mattatoio

LA MOSTRA DI TERESA MARGOLLES AL MATTATOIO

Uno spaccato sociale rappresentato al Mattatoio di Roma, quale parte del progetto curatoriale Dispositivi Sensibili, e articolato all’interno e all’esterno del luogo espositivo in una serie di azioni e documentazioni sviluppate anche sulla scena urbana. Varcando la soglia museale, nel Padiglione 9 B, la drammatica e sospesa atmosfera scarlatta rende immersiva l’installazione ambientale, alludendo a “un corpo trafitto, ferito, accoltellato, attraversabile” dagli astanti.
Un ideale e labile confine tra vita e morte, tra l’essere dentro e fuori la Periferia dell’agonia, qui concettualmente connaturato all’assunto di Davanti al dolore degli altri di Susan Sontag: “Non si dovrebbe mai dare un noi per scontato quando si tratta di guardare il dolore degli altri.
La “realtà partecipata” di questo percorso rivela un serrato e impietoso dialogo con l’orrore, palesando la degenerazione della cronaca nera in freddo voyeurismo. Ed è proprio per questo che Teresa Margolles sottrae al nostro sguardo ogni macabro particolare di morte, schermandone il crudo realismo e contemplandola, in maniera più strisciante e spiazzante, attraverso il suo potere evocativo.

MARGOLLES FACCIA A FACCIA CON IL PRESENTE

Nell’enfasi cognitiva e sensoriale di questa mostra si innesca una giusta inquietudine, un senso di fragilità e impotenza, anche alla luce di quanto sta accadendo in Ucraina. Periferia dell’agonia scuote le nostre intorpidite coscienze, esortandole a non essere mere spettatrici dei drammi del nostro tempo ma a darne testimonianza anche ai posteri: perché, come scritto da Susan Sontag, “ricordare è un atto etico.

Rossella Della Vecchia

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoTeresa Margolles - Periferia dell'agonia
Vernissage24/02/2022 ore 18
Duratadal 24/02/2022 al 19/06/2022
AutoreTeresa Margolles
CuratoreAngel Moya Garcia
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMATTATOIO
IndirizzoPiazza Orazio Giustiniani 4 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Rossella Della Vecchia
Rossella Della Vecchia, classe 1986, è specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea (cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza) con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelance per vocazione, attualmente fa parte dell’ambito gestionale di Zon.it. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).