La pittura concreta e sospesa di Sinéad Breslin in mostra a Roma

Quattordici nuovi dipinti realizzati dall’artista irlandese tra Villa Gaeta, nella campagna toscana, e Roma, nel quartiere ebraico. In mostra nello spazio di Andrea Festa Fine Art

In pochi tratti Sinéad Breslin (Limerick, 1989) riesce a conciliare una visione coerente, polarizzata tra una realtà estremamente concreta ‒ fatta di materia mnemonica, ricordi, volti di persone care, affetti ‒ e un’atmosfera quasi metafisica, sospesa. Le figure, nonostante desunte da contesti familiari, varcano il confine del vissuto immaginario, richiamando un onirismo tipico della corrente del Realismo Magico.

Sinéad Breslin, Greyhound Baby, 2021. Courtesy Andrea Festa Fine Art. Photo credits Sveva Angeletti
Sinéad Breslin, Greyhound Baby, 2021. Courtesy Andrea Festa Fine Art. Photo credits Sveva Angeletti

LA PITTURA DI SINEAD BRESLIN A ROMA

Il vigore e il trasalimento di Cagnaccio di San Pietro è lontano, anche la vibrazione trascendente di Casorati non appartiene al suo stesso mondo, eppure alcuni dipinti dell’esposizione Still Life colpiscono: la prospettiva piatta, la plasticità sintetica dei soggetti, alcune soluzioni grafiche corsive, come il tratto ondulato che contraddistingue lo specchio d’acqua della piscina nell’opera Jump e torna sulla superficie bianca del tavolo rotondo di The wait o le linee trasversali che segnano il paesaggio in Close by Siena. È magnetico il volto, dall’espressione asettica, della bambina in Greyhound Baby, caratterizzata da una capigliatura rossa (rasata quasi a zero) tipicamente irlandese.

Giorgia Basili

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoSinéad Breslin - Still Life
Vernissage21/11/2021
Duratadal 21/11/2021 al 15/01/2022
AutoreSinéad Breslin
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoANDREA FESTA FINE ART
IndirizzoLungotevere degli Altoviti, 1, 00186 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.