Alla Fondazione Nicola Del Roscio, a Roma giusto sotto alla Galleria Gagosian, Tacita Dean rende omaggio al suo mentore e amico Cy Twombly

Ha dedicato i suoi ritratti, girati in 16 millimetri, a maestri come Giorgio Morandi, Mario Merz, David Hockney e Merce Cunningham, ma il rapporto di Tacita Dean (Canterbury, 1965) con Cy Twombly (Lexington, 1928 – Roma, 2011) era davvero speciale. Lo testimonia la mostra Sigh, Sigh, Sigh, in corso alla Fondazione Nicola Del Roscio, che documenta in maniera intensa e poetica una sorta di affinità elettiva tra i due artisti, i quali appartengono a generazioni diverse ma si muovono su territori comuni.

Tacita Dean. Sigh, Sigh, Sigh. Exhibition view at Fondazione Nicola Del Roscio, Roma 2021. Photo Daniele Molajoli
Tacita Dean. Sigh, Sigh, Sigh. Exhibition view at Fondazione Nicola Del Roscio, Roma 2021. Photo Daniele Molajoli

TACITA DEAN E CY TWOMBLY A ROMA

Un percorso che intreccia immagini, sensazioni, emozioni e ricordi, spaziando tra serie fotografiche e filmati, attraverso un itinerario espositivo che ha trasformato lo spazio brutalista in un labirinto composto da ambienti di dimensioni e forme diverse, per conferire alla rassegna un taglio sorprendente e inaspettato, che ne accentua il carattere intimo e nascosto. L’opera sulla quale si incardina l’intera mostra è Gaeta (fifty photographs plus one) (2015), una grande installazione a parete composta da 51 fotografie scattate da Tacita nello studio di Twombly a Gaeta, realizzata in collaborazione con Cy per la scelta delle immagini, volutamente evocative e mai celebrative, che ci introducono nel mondo dell’artista, fra parole tracciate su foglietti volanti, frammenti di sculture classiche, libri e momenti di vita quotidiana, tra le quali spicca la cinquantunesima immagine, nascosta in una saletta, che si riferisce invece a un dettaglio di un dipinto di Giorgio Morandi,  protagonista del film Still Life (2009), girato da Tacita Dean nello studio del pittore e proiettato in mostra.

Tacita Dean. Sigh, Sigh, Sigh. Exhibition view at Fondazione Nicola Del Roscio, Roma 2021. Photo Daniele Molajoli
Tacita Dean. Sigh, Sigh, Sigh. Exhibition view at Fondazione Nicola Del Roscio, Roma 2021. Photo Daniele Molajoli

LE OPERE DI TACITA DEAN

Una volta entrati nell’intimità di Twombly, il passaggio successivo è la visione di Edwin Parker (2011), girato nello studio di Lexington, in Virginia, che documenta le giornate di Cy in diretta e senza filtri, quasi a voler raccontare il lato privato di un artista schivo e timido, che ha sempre evitato ogni forma di pubblicità: uno storytelling annunciato fin dal titolo, che fa riferimento al nome di battesimo di Twombly. L’ultimo capitolo del “viaggio intorno a Twombly” è Pan Amicus (2021), un filmato commissionato a Tacita dal Getty Center per celebrare il ventennale della sua fondazione, che la Dean ha dedicato al disegno di Twombly Pan (1975). Un’opera molto significativa per l’artista, che ha visitato Delfi per la prima volta nel 1987 da studentessa, e nello stesso anno ha conosciuto l’opera di Twombly grazie a una mostra alla Whitechapel Art Gallery di Londra. “C’è molto di Pan in Cy Twombly (…) Questo disegno, ‘Pan’ (1975) è il primo che mi ha catturata”, scrive Tacita nel saggio A Panegyric, pubblicato nel catalogo dell’antologica di Twombly alla Tate Modern nel 2008 e ripubblicato in questa occasione, dove l’artista racconta il suo rapporto con Twombly attraverso suggestioni provenienti da James Joyce, Marguerite Yourcenar, Roland Barthes e W.B. Yeats.

TWOMBLY SECONDO DEAN

Twombly è irriverente e profano. Al posto del formalismo e del controllo c’è un eccesso di energia, a volte libidinosa a volte scatologica, dove i segni vengono tracciati con abbandono”, scrive la Dean, la quale presenta in questa mostra un lato interessante e poco noto in Italia della sua ricerca, che utilizza l’introspezione come linguaggio espressivo per tessere segrete trame narrative di illuminante spessore.

Ludovico Pratesi

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoTacita Dean - Sigh, Sigh, Sigh
Vernissage30/10/2021 ore 10
Duratadal 30/10/2021 al 26/02/2022
AutoreTacita Dean
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFONDAZIONE NICOLA DEL ROSCIO - LA FONDAZIONE
IndirizzoVia Francesco Crispi 18 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ludovico Pratesi
Curatore e critico d'arte. Dal 2001 al 2017 è stato Direttore artistico del Centro Arti Visive Pescheria di Pesaro Direttore della Fondazione Guastalla per l'arte contemporanea. Direttore artistico dell’associazione Giovani Collezionisti. Professore di Didattica dell’arte all’Università IULM di Milano Direttore Artistico di Spazio Taverna Dal 2009 al 2011 è stato curatore scientifico di palazzo Fabroni di Pistoia. Dal 2006 al 2010 è stato Presidente dell’AICA. Dal 2012 al 2015 è stato Vice Presidente dell'AMACI (Associazione Musei Arte Contemporanea Italiana). Dal 1995 al 2010 è stato Consigliere di Amministrazione per la Quadriennale d’Arte di Roma. Critico del quotidiano La Repubblica.