Tra “mollezza” ed “eclisse”. Nicola Samorì in mostra a Roma da Monitor

Senza lo scheletro del fantasma museale, la forma diventa molle. Così Nicola Samorì gioca sui concetti di mollezza e di eclisse nella sede romana della Galleria Monitor

Un’esposizione in cui Nicola Samorì (Forlì, 1977) si discosta dalla produzione che porta avanti da dieci anni sbalordendo il pubblico, anche quello più restio, con un’abilità tecnica fuori dal comune. L’artista parte da questa traccia: Leonardo Cremonini, artista che stima, parlava dell’oscillazione “fra il duro e il tenero, escludendo quello stato del molle, per sua natura instabile”. Ecco che il lavoro si divide in due segmenti: il Manuale della mollezza e la tecnica dell’eclisse, nel primo caso la scultura La lingua dalle sembianze umane si curva fino al limite della duttilità del marmo, i piedi dalle dita appuntite sono poggiate in bilico su una testa, la forma è disossata, la pelle si apre in alcuni squarci.

Nicola Samorì, Macello, 2021, olio su breccia di Vendome, 100 x 70 cm. Courtesy dell’artista & Monitor
Nicola Samorì, Macello, 2021, olio su breccia di Vendome, 100 x 70 cm. Courtesy dell’artista & Monitor

ALTORILIEVI E OSSIDAZIONI NELLA MOSTRA DI NICOLA SAMORÌ

Due altorilievi gemelli, in marmo bianco e in marmo nero del Belgio, fanno da trait dunion fra le due sale. Su un’unica parete alcuni antichi lavori hanno subìto un’ossidazione forzata dall’artista/alchimista che ha applicato, come pellicola, una foglia di rame e sottoposta la superficie a diversi momenti di lavaggio con zolfo. Resta in tal modo solo il fantasma – dal termine greco che si traduce “apparire” –, un fioco riverbero dell’originaria rappresentazione. Si apprezza soprattutto Macello, la coppia di nature morte dipinte su Breccia di Vendôme: Samorì ha sfruttato le macchie variopinte, tipiche di questo marmo, per ricavare un doppio disegno, in positivo e negativo, seguendo ma non assecondando, anzi manipolando le forme affioranti. Ha enfatizzato i contorni e “piegato” la materia creando un’illusione pittorica.

– Giorgia Basili

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoNicola Samorì - Roma (manuale della mollezza e la tecnica dell’eclisse)
Vernissage01/10/2021 ore 18
Duratadal 01/10/2021 al 26/11/2021
AutoreNicola Samorì
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMONITOR
IndirizzoVia Sforza Cesarini 43a-44 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.