Damien Hirst torna all’attacco con i pois. 10mila opere uniche fisiche e digitali

I diecimila pezzi su carta sono accompagnati da un’opera d’arte digitale allegata a un NFT. Ma attenzione: se ne può scegliere solo uno

Damien Hirst, dots
Damien Hirst, dots

Diecimila opere uniche, anche se a vederle non si direbbe: i cartoncini a pois sono tutti della stessa dimensione, realizzati con lo stesso materiale e progettati per essere visivamente simili. Questo rende certo difficile scegliere cosa acquistare, come anche dedurne il valore intrinseco: proprio lo scopo dell’autore, l’eclettico artista Damien Hirst, per il suo ultimo pezzo The Currency – “La Valuta”. Hirst ha concepito un lotto di opere d’arte che potrebbero teoricamente funzionare come una moneta a sé stante, in forma fisica o in digitale con un cartellino di autenticità NFT, o Non Fungible Token. “Si dice spesso che il denaro corrompe l’arte“, sottolinea Joe Hage, il fondatore del gruppo artistico Heni che rappresenta l’artista, “ma questo è un tentativo dell’arte di corrompere il denaro“. Tutto è iniziato nel 2016, quando Hirst ha deciso di fare un enorme pezzo concettuale: ha iniziato a lavorare in forma fisica per due anni, poi è venuto a conoscenza dell’esistenza degli NFT, “contratti intelligenti” digitali basati sulla tecnologia blockchain, e l’opera è cambiata. 

Damien Hirst, dots
Damien Hirst, dots

DAMIEN HIRST: L’OPERA NFT

Conoscere gli NFT, nati nel 2012, ha completamente alterato il progetto, facendolo diventare un’opera a doppio binario. Le 10 mila opere d’arte, firmate, datate, titolate e lanciate il 14 luglio al prezzo di duemila dollari l’una, possono essere ora acquistate in forma digitale con Ether, Bitcoin o dollari, e successivamente riscattate in forma fisica. Questo il processo d’acquisto: si compra in forma digitale sul sito di Hage entro la prima settimana dal lancio, poi, verso la fine di luglio, si riceve l’NFT dell’opera e si apre la compravendita su questo sito e su Niftys, il primo mercato online per questi token. “Il punto“, ricorda Hage, “era creare arte che fosse scambiata abbastanza liberamente, in un ambiente relativamente privo di attriti, che avesse un valore noto a tutti“. Ma come si ottiene l’opera fisica? Trascorsi due mesi, il proprietario del codice può scegliere di riscattare l’NFT come opera d’arte fisica o tenersi l’arte digitale e il relativo codice: solo una versione delle due può essere tenuta, l’altra sarà distrutta. Dopo un anno, Hirst esporrà le opere d’arte non reclamate e infine le distruggerà.

DAMIEN HIRST: L’ASTA SOTHEBY’S 2008

Per Hirst il possesso, l’acquisto e il commercio fanno parte dell’opera d’arte, e chi vi partecipa, è anche partecipe dell’opera. Questa non è la prima volta che l’artista e imprenditore inglese sperimenta nuovi modi di interagire con il mondo dei collezionisti e il mercato dell’arte in generale (celebre la mega-vendita da Sotheby’s nello stesso giorno del fallimento della Lehmann Brothers). Adesso il tema è quello di bypassare i costi delle case d’asta, ampliando il bacino dei collezionisti. Se i dipinti Spot di Hirst – sempre a pois, suo leitmotiv storico – sono generalmente molto costosi da acquistare e relativamente difficili e costosi da vendere tramite case e rivenditori, i proprietari delle opere di The Currency saranno in grado di acquistare e vendere iterazioni digitali e fisiche pagando una royalty del 5%. Chi segue l’art market potrebbe a questo punto chiedersi: ma gli NFT non erano in sofferenza? “A Damien non interessa“, ha chiosato Hage.

Giulia Giaume

Dati correlati
AutoreDamien Hirst
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Giaume
Amante della cultura in ogni sua forma, è divoratrice di libri, spettacoli, mostre e balletti. Laureata in Lettere Moderne, con una tesi sul Furioso, e in Scienze Storiche, indirizzo di Storia Contemporanea, ha frequentato l'VIII edizione del master di giornalismo Walter Tobagi. Collabora con diverse riviste su temi culturali, diritti civili e tutto ciò che è manifestazione della cultura umana, semplicemente perché non può farne a meno.