Arte pubblica agghiacciante a Roma. Maiali in porchetta e nasoni

Il Primo Municipio della Capitale organizza una mostra di arte pubblica in alcune piazzette appena pedonalizzate del centro storico. Il risultato è agghiacciante

Le sculture pubbliche del progetto Piazze Romane a Roma
Le sculture pubbliche del progetto Piazze Romane a Roma

Lo abbiamo detto mille volte: a Roma pensi sempre di aver toccato il fondo e poi invece si continua a scavare. Dopo l’iniziativa “Spaccio Arte” che puntava a combattere lo smercio illegale di stupefacenti con raggelanti stornelli romaneschi, l’arte continua ad essere strumentalizzata, questa volta non più in periferia ma nel cuore del centro storico. Il progetto “Piazze Romane” è stato voluto dal Primo Municipio come iniziativa di rigenerazione urbana (sic!) coinvolgendo gli studenti di una accademia di belle arti della città. Il Municipio che gestisce il cuore della Capitale – ovvero il territorio che ha la più alta densità di patrimonio artistico, architettonico e culturale del paese – ha deciso di piazzare in alcune piazze recentemente riqualificate delle sculture che onestamente gridano vendetta. E non basta coprirsi dietro alla scusa che “sono solo degli studenti”. Agli studenti, anzi, bisogna insegnare che nello spazio pubblico ci si arriva dopo un percorso, dopo riflessioni, dopo gavetta e dopo studi. Altrimenti si riempiono le piazze di cose che vengono spacciate (appunto!) come opere d’arte senza esserlo, con un paradossale effetto diseducativo.

Le sculture pubbliche del progetto Piazze Romane a Roma
Le sculture pubbliche del progetto Piazze Romane a Roma

LA SCULTRA-PORCHETTA A ROMA

Diseducativo e anche divisivo. Visto che alcune sculture hanno fatto arrabbiare alcune community. Quella del porcello porchettato in travertino, ad esempio, non solo grida vendetta a livello artistico, ma ha mandato su tutte le furie animalisti e ambientalisti. Collocato in Piazza della Malva, quasi uno rimpiange quando lo slargo era un caotico parcheggio di auto e motorini. Parecchio contrariati anche i residenti nelle prossime settimane, costretti ad avere finestre con affaccio sul suino… Del tutto improbabili anche le sculture piazzate davanti alla statua di Giovanni Gioacchino Belli (già danneggiate e piene di spazzatura), l’omaggio al nasone (ovvero la tipica fontanella romana) posizionato di fronte a Palazzo Borghese, l’inquietante scultura in gabbia sui marciapiedi di Via della Frezza tra i dehors dei bar che ne avrebbero volentieri fatto a meno. Nella deliziosa Piazza Cardelli c’è una vecchia Fiat 600 con i finestrini dipinti e con la didascalia dell’opera al posto della targa posteriore. Wow.

Le sculture pubbliche del progetto Piazze Romane a Roma
Le sculture pubbliche del progetto Piazze Romane a Roma

PIAZZE ROMANE E ROMA SEI MIA

Le intenzioni erano buone. Il Primo Municipio voleva celebrare con questa mostra una iniziativa urbanistica di qualità che si chiama “Roma sei Mia”, un buono strumento che permette ai privati, a proprie spese, di riqualificare pezzi di territorio. Un veicolo burocratico che ha consentito tante micro-rigenerazioni. Il punto è che, se le vuoi celebrare con l’arte pubblica, devi lavorare in maniera seria e non cialtronesca, superficiale e vernacolare. Ma la sensazione è che questa prospettiva la politica romana non la digerirà mai…

– Massimiliano Tonelli

Eventi d'arte in corso a Roma

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimiliano Tonelli
È laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Siena. Dal 1999 al 2011 è stato direttore della piattaforma editoriale cartacea e web Exibart. Direttore editoriale del Gambero Rosso dal 2012 al 2021. Ha moderato e preso parte come relatore a numerosi convegni e seminari; ha tenuto docenze presso centri di formazione superiore tra i quali l’Istituto Europeo di Design, l'Università di Tor Vergata, l'Università Luiss, l’Università La Sapienza di Roma ed è professore a contratto allo IULM di Milano. Ha collaborato con numerose testate tra cui Radio24-Il Sole24 Ore, Time Out, Formiche. Suoi testi sono apparsi in diversi cataloghi d’arte contemporanea e saggi di urbanistica e territorio. È stato giurato in svariati concorsi di arte, architettura, design. Attualmente dirige i contenuti di Artribune.