Le azioni in-visibili di Zhang Huan a Milano

In mostra nella galleria Giampaolo Abbondio di Milano una serie di opere fotografiche che documentano le performance realizzate da Zhang Huan tra gli Anni Novanta e il primo decennio degli Anni Duemila Il corpo dell’artista è pratica significante: produce e agisce possibili processi di significazione. Mettendo in gioco questioni culturali, etiche e politiche.

Farsi scrivere ideogrammi sul volto fino a essere ricoperto da un’illeggibile macchia nera; aumentare il livello dell’acqua di uno stagno immergendovi il suo corpo e quello di una quarantina di operai. Abbracciare e scontrarsi con la cultura occidentale attraverso il Marforio, cozzare con la diversità della natura di un asino. Riappropriarsi della propria identità, mangiando fotografie dei propri famigliari nel tentativo di vincere la guerra contro la dissoluzione. Nel lavoro di Zhang Huan (Anyang, 1965) la coscienza del corpo opera in modi diversi: è il legame tra lo spirito interiore e il mondo esterno, è il dolore che fa collassare le distinzioni, è l’impossibilità di abbracciare la diversità, l’identità, ma è anche il mezzo attraverso il quale ci connettiamo con gli altri e la natura.
Voglio lavorare in modo che le persone possano essere commosse dal senso del possibile”, dichiara l’artista in un’intervista di RoseLee Goldberg. Zhang Huan, in effetti, sollecita interrogativi, incide sul pensiero politico reale, scuote il senso comune, senza produrre risultati tangibili ma sicuramente lasciando immaginare nuove relazioni della significazione. Non ci dà le risposte, ma questo, del resto, non è compito dell’arte.

Francesca Mattozzi

ACQUISTA QUI la monografia Phaidon su Zhang Huan

Evento correlato
Nome eventoZhang Huan - The body as language
Vernissage19/11/2020 no, solo evento online dalle ore 18.30
Duratadal 19/11/2020 al 16/01/2021
AutoreZhang Huan
CuratoreFlavio Arensi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA GIAMPAOLO ABBONDIO
IndirizzoPiazza Giuseppe Garibaldi, 7 - Todi - Umbria
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Mattozzi
Francesca Mattozzi ha un background da danzatrice che l’ha vista lavorare sia in TV che a teatro con coreografi di fama internazionale, quali Luca Tommassini e Martino Müller. È laureata in storia dell’arte e dell’arte ama soprattuto gli eventi perché, grandi o piccoli che siano, le permettono di esplorare e raccontare il panorama artistico e culturale contemporaneo. È curioso, ma quando non vedete Francesca a una vernice, una performance o un finissage, la trovate chissà dove a pianificare le prossime avventure.