A Torino la resilienza delle gallerie con l’Ouverture #9. Parte TAG, la seconda Turin Art Week

Da giovedì 10 a sabato 12 dicembre dalle ore 11 alle 20 si terrà la nuova edizione dell’Ouverture #9 delle gallerie TAG – Torino Art Galleries: tredici gallerie, tre giorni di riaperture coordinate.

Torino
Torino

In seguito al rinvio dovuto alle disposizioni restrittive istituzionali per l’emergenza Covid-19 dell’evento di Novembre, TAG che avrebbe dovuto svolgersi in corrispondenza di una settimana dell’arte torinese intorno ad Artissima, sfiancata dalle molte aperture e chiusure (con rimandi e progetti alternativi per The Others, Flashback), le tredici gallerie – Riccardo Costantini, Raffaella De Chirico, Febo & Dafne, Gagliardi & Domke, Galleria In Arco, Luce Gallery, Norma Mangione, Franco Noero, Peola Sismondi, Giorgio Persano, Photo & Contemporary, Tucci Russo e Weber & Weber– della storica associazione TAG – Torino Art Galleries, ripartono con l’iniziativaOuverture #9. Il progetto è supportato anche in questa edizione dalla Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT e dalla Camera di Commercio di Torino. “È l’ennesimo impegno di TAG quest’anno, per mostrare quanto sia importante la coesione ed il mutuo sostegno tra di noi, in un momento di forte difficoltà per tutti.”afferma la vicepresidente dell’associazione nonché gallerista dell’omonima galleria Raffaella De Chirico, “Abbiamo deciso di recuperare l’opening collettivo che era stato stabilito per la settimana dell’arte a novembre, convinti che sia corretto ed onesto per tutti coloro che credono nel sistema dell’arte, fornendo così la possibilità di un’offerta compatta. Dal giugno scorso TAG ha cercato di far fronte agli inevitabili ostacoli che si sono susseguiti durante l’anno aumentando la qualità espositiva, investendo in pubblicità anche a livello internazionale, con un ufficio stampa ancora più capillare, potenziando la presenza virtuale tout court e sui social network, Instagram in particolare, attraverso il profilo Torino Art Galleries. Ma soprattutto abbiamo migliorato il confronto tra gli associati, convinti che la natura individualistica di questa professione debba sforzarsi di dare maggiore spazio ad una unità di intenti, fondamentale per superare questo momento che è molto difficoltoso ma che può rivelarsi di scoperta e nutrimento reciproci”.

LA STORIA DI TAG

Fondata nel 2000, l’associazione TAG riunisce diverse gallerie torinesi avendo come finalità la promozione e la diffusione dell’arte contemporanea sia a livello territoriale che di comunità cittadina.
Negli anni è sempre stata un punto di riferimento per gli Enti locali, ad esempio in azioni congiunte quali ManifesTO, in collaborazione con la GAM e l’Assessorato alla Cultura della Città di Torino, Outlook, in tandem con la Fondazione Palazzo Bricherasio, e le recenti Torino Photo Seasone #Raccontopluraleinsieme alla Fondazione CRT. Tra le recenti partecipazioni troviamo la prima edizione di exhibiTO, un evento di aperture coordinate di 34 gallerie torinesi ideato da Alessio Moitreche ha dato come esito un’ottima sinergia con la città. “Essere all’interno di un’associazione come TAG”, spiega Pietro Gagliardi, gallerista della Gagliardi & Domke, “aiuta a trasmettere agli appassionati e ai collezionisti digiuni di arte da molto tempo l’idea che, si, c’è nuovamente un’offerta di arte da fruire a Torino che ‘vale il viaggio’, piccolo o grande che sia, nel rispetto delle regole anti Covid”. 

TAG A NATALE

In vista del periodo natalizio ci saranno tre giorni di apertura al pubblico, dal 10 al 12 dicembre 2020 dalle ore 11 alle 20, come messaggio di resilienza del settore artistico torinese. “Il nuovo evento TAG” racconta il Presidente di TAG Valerio Tazzetti, “rilancia il ruolo delle gallerie d’arte di Torino in qualità di attori principali di un settore importante che sta soffrendo, soprattutto in questo momento di interruzione delle fiere e di chiusura di musei e luoghi espositivi istituzionali”.Alcune gallerie riapriranno al pubblico con mostre già in attivo, altre esponendone di nuove, tutte rispettando le norme e i protocolli di sicurezza anti-Covid 19 per evitare gli assembramenti.“Siamo felici di riprendere il nostro lavoro”, conclude il gallerista Riccardo Costantinidi Galleria Riccardo Costantini Contemporary. “Credo che il segnale che TAG voglia dare con Ouverture #9 sia quello che la cultura, in tutte le sue forme, non possa vivere di chiusure. Penso al privilegio di cui godiamo noi, che abbiamo attività commerciali legate alle arti visive, rispetto a cinema, musica dal vivo e teatro costretti a non poter svolgere la propria attività”. 

Giulia De Sanctis

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia De Sanctis
Dopo aver conseguito il diploma presso il Liceo Linguistico Santorre di Santarosa, l’amore per l’arte ha portato Giulia De Sanctis (Torino, 1998) a frequentare l’Accademia di Belle Arti di Torino, in cui attualmente è laureanda in Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Ha collaborato con due gallerie torinesi come assistente, occupandosi della catalogazione delle opere, di allestimento delle mostre e dell’ufficio stampa. In occasione di Artissima 2019 ha partecipato come assistente al meeting point e al bookcorner, in cui ha potuto apprendere i meccanismi del lavoro di squadra e del rapporto con il pubblico di una fiera internazionale di arte contemporanea. Ha seguito il processo di ideazione e creazione di prodotti destinati alla promozione delle attività della Fondazione Circolo dei Lettori di Torino, in particolar modo quelli digitali, acquisendo competenze come graphic designer. Collabora attivamente con diverse riviste e testate web del settore artistico ed è inoltre appassionata di fotografia nel 2018 ha creato un progetto fotografico di ritrattistica tuttora attivo.