Lo spreco secondo Phillip Lai. A Torino

Galleria Franco Noero, Torino – fino al 15 febbraio 2020. L’attualissima questione dell’utilizzo delle risorse ambientali è al centro della mostra torinese di Phillip Lai.

A un primo sguardo, tutto nella terza personale di Phillip Lai (Kuala Lumpur, 1969) da Noero sembra essere prodotto a livello industriale ma, entrando nel mondo dell’artista, si scopre una incredibile manualità e un maniacale controllo delle misure, dei colori e dell’allestimento, per un lavoro che nel complesso rimanda in senso contrario alla massificazione degli oggetti e alla sovrapproduzione nella cultura Occidentale.
Dalle bacinelle prodotte con cast di resina, ognuna diversa e unica se pur apparentemente identiche, ai sostegni di acciaio che ospitano bottiglie di plastica sabbiate per ottenere un effetto vetro, le sue opere riflettono sul concetto di consumo, di spreco, di abbondanza e sull’irrazionale bisogno di continuare a produrre a costo di distruggere la produzione stessa.
È il caso del grano bruciato che si presenta al visitatore in un grande contenitore blu: come non pensare ai tanti casi internazionali di produzioni distrutte appositamente per ricavarne una convenienza economica? L’opera che tuttavia sembra svelare a pieno la ricerca di Lai è Facts are Presented Only as they Arise, una lunga fila di contenitori dipinti di giallo, che ricorda il sacrificio degli africani in coda per l’acqua e soprattutto la sovrapproduzione occidentale, i cui rifiuti finiscono per essere riutilizzati nei Paesi più bisognosi. Dal reale al sublime, questa sorta di illusione ottica creata da Lai si svela solo dopo averne ricercato l’origine, compreso il pensiero.

Angela Pastore

Evento correlato
Nome eventoPhillip Lai
Vernissage29/10/2019 ore 18
Duratadal 29/10/2019 al 15/02/2020
AutorePhillip Lai
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA FRANCO NOERO - NEW SPACE
IndirizzoVia Mottalciata 10b - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Pastore
Pubblicista freelance e web editor, è nata in Basilicata nel 1985. Da sempre residente a Torino, si è laureata alla facoltà di Lettere e Filosofia prima in Comunicazione Interculturale e poi in Culture Moderne Comparate. Nel frattempo, ha scoperto il giornalismo e, negli anni, ha scritto principalmente di amministrativa, ambiente, eventi culturali, musica e politiche giovanili. Collabora con diverse testate e con un'associazione no-profit di Torino che organizza mostre d'arte contemporanea in Italia e all'estero.