Ventiquattr’ore di luce. Salvo a Torino

Galleria Norma Mangione, Torino – fino al 16 novembre 2019. Nomen omen della mostra di Salvo presso la galleria torinese. Infatti i dipinti, realizzati tra il 1982 e il 2014, sono stati esposti in senso orario in base allo studio della luce, rappresentando tutte le ore di una giornata – dai primi albori fino al buio della notte fonda.

Se l’occhio non fosse solare / non potrebbe mai percepire il sole”; così Goethe tradusse un motto di Platone. E di filosofia si può parlare ammirando le opere di Salvo (Leonforte, 1947 – Torino, 2015): i colori tenui e acerbi dell’aurora; la luce pomeridiana nitida e netta; il sole aranciato al tramonto che colora il firmamento all’orizzonte; il paesaggio mutato dal riverbero violaceo e le figure enigmatiche dell’illuminazione lunare o artificiale notturna costituiscono un’eclettica meditazione coloristica, unica nel suo genere. Lo studio di Salvo ripercorre tutte le possibilità della luce: come un Newton contemporaneo e raffinatissimo, ricorda all’osservatore che la radiazione luminosa non è monocromatica, bensì composta da un’infinità di luci colorate – e che in pittura si traduce il mondo in tinte e toni, semplicemente facendo coincidere contemplazione e comprensione. Un insegnamento mai scontato, dalle sempre amabili dimostrazioni.

Federica Maria Giallombardo

Evento correlato
Nome eventoSalvo - Ventiquattr'ore di luce
Vernissage19/09/2019 ore 18
Duratadal 19/09/2019 al 16/11/2019
Autore Salvo
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoNORMA MANGIONE GALLERY
IndirizzoVia Matteo Pescatore 17 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Maria Giallombardo
Federica Maria Giallombardo nasce nel 1993. Consegue il diploma presso il Liceo Scientifico Tradizionale “A. Avogadro” (2012) e partecipa agli stage presso l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Biella (2009-2012). Frequenta la Facoltà di Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Torino, laureandosi nel 2016 con una tesi di ricerca di Filologia Italiana sull’epistolario di Vittorio Alfieri. Partecipa come relatrice alla X edizione della Scuola di Alta Formazione “Cattedra Vittorio Alfieri” nel settembre 2016. Collabora con la Fondazione Centro Studi Alfieriani e con Palazzo Alfieri. È associata alla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze. Scrive recensioni per la webzine «OUTsiders». In occasione di Artissima 2016, partecipa al progetto “Ekphrasis 21”. Collabora con diversi artisti, tra cui Giuseppe Palmisano, Massimo Brunello e Stefania Fersini, dei quali cura il portfolio e i comunicati stampa.