Congiungere pittura e scultura. Ha Chong-Hyun a Milano

Cardi Gallery, Milano – fino al 20 dicembre 2019. Il linguaggio pittorico di Ha Chong-Hyun va in mostra alla Cardi Gallery di Milano.

La Cardi Gallery, a Milano, presenta l’ultima mostra personale di Ha Chong-Hyun (Sancheong, 1935), uno degli artisti più interessanti della scena mainstream della Corea del Sud.
La serie Conjunction comprende tele realizzate tra il 1992 e il 2019, tutte caratterizzate dall’applicazione di carta da giornale, rottami di legno e filo spinato. Interprete di un’estetica riduzionista tipica del movimento artistico coreano Dansaekhwa (letteralmente, pittura monocromatica), Ha Chong-Hyun ridisegna il linguaggio della pittura lavorando su superfici di tela e canapa; la classica palette di colori neutri e blu per la prima volta si arricchisce del nero e del rosso vermiglio, mutuati dall’esplorazione dei motivi decorativi noti come dancheong degli interni coreani. L’artista spinge il colore a olio dal recto della tela grezza fino a farlo filtrare ed emergere attraverso la superficie, poi stende la vernice sul fronte con il pennello o la spatola. Il processo creativo confonde i confini tra bidimensionalità e tridimensionalità, tra pittura astratta e performance, tra materia dell’opera e corpo dell’artista.

Giusi Affronti

Evento correlato
Nome eventoHa Chong-Hyun
Vernissage17/09/2019 ore 19
Duratadal 17/09/2019 al 20/12/2019
AutoreHa Chong-Hyun
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoCARDI GALLERY MILANO
IndirizzoCorso di Porta Nuova, 38 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giusi Affronti
Giusi Affronti (Palermo, 1985) è storico dell’arte e curatore; vive a Milano e Palermo e lavora nella ricerca su linguaggi e fenomenologie della cultura visiva contemporanea. Si laurea a Palermo e, poi, trascorre due anni tra Milano e Roma per un master in Museologia, Museografia e Gestione dei Beni Culturali, dove impara a sperimentare pratiche di project management e strategie di comunicazione, marketing e fundraising applicate alla cultura. Dal 2011 si occupa di progettazione e curatela di arte contemporanea presso musei, fondazioni, gallerie e spazi indipendenti; ha collaborato con RISO. Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia (Palermo), Farm Cultural Park (Favara), Fondazione VOLUME! (Roma), Nuvole, Galleria X3, neu [nòi] - spazio al lavoro (Palermo). Ha pubblicato saggi e testi in cataloghi e pubblicazioni indipendenti. Oggi è redattore per le testate Artribune e Q Code Magazine, dove è autore di un blog di critica d’arte narrativa, “So Contemporary!”. Di un’isola (panama sulla testa e sandali ai piedi) ha sempre necessità, ché - come scrive Gesualdo Bufalino – “l’insularità, voglio dire, non è una segregazione solo geografica, ma se ne porta dietro altre: della provincia, della famiglia, della stanza, del proprio cuore”.