Emancipazione e dissonanza. La mostra all’Instituto Cervantes di Roma

Instituto Cervantes, Roma – fino al 17 ottobre 2019. Musica e video si incontrano nella mostra allestita presso la sede romana. Dando voce ad artisti perlopiù di lingua spagnola, chiamati a misurarsi con i temi del presente.

Joaquín Segura, Untitled (Feelings), 2007. Courtesy Istituto Cervantes, Roma
Joaquín Segura, Untitled (Feelings), 2007. Courtesy Istituto Cervantes, Roma

Riprende l’attività il Centro Cervantes, il bello spazio dell’IILA, con Ambasciata spagnola e Accademia di Spagna, dedicato alle nazioni di lingua spagnola e non solo, nel centro di Roma, in Piazza Navona. Il titolo – La emancipacion de la disonancia – è il contenuto della mostra, cioè un’investigazione sull’uso della musica rispetto all’immagine attraverso il video. Il progetto di Adonay Bermúdez verte sulla struttura del rapporto musica-immagine, tematica inesauribile nell’uso del video in arte fin dagli inizi (ricordiamo fra i tanti Charlemagne Palestine o più tardi Robert Cahen). La “dissonanza” è la rottura dei canoni e la sua liberazione dalle forme tradizionali della musica. Nel video la musica incontra naturalmente il suo mutamento attraverso il dialogo con l’immagine elettronica, usata in modo non narrativo e non consequenziale nel ricorrere di linguaggi aperti e di ricerca. Ma sono le tematiche dei video a far saltare i canoni prima di tutto. Dittature, guerre, tutto il materiale bruciante del periodo che viviamo si allinea nei lavori legati a diversi Paesi e diverse culture. Disegni animati (di Federico Solmi) da graphic story underground raccontano la sfilata vittoriosa di soldati in una metropoli, guidata da un dittatore che ricorda molte persone di nostra conoscenza in A song of Tiranny. Una bandiera nera che sventola/striscia tristemente nel deserto di Atacama, il più desolato deserto del pianeta, mentre una voce (quella di Francis Naranjo) ripete “concha de tu madre”, rabbioso commento sulle condizioni del pianeta.

Federico Solmi, A song of tyranny, 2012, still da video. Courtesy ADN Galería, Barcellona & Luis de Jesús, Los Angeles & Ronald Feldman, New York. Courtesy Istituto Cervantes, Roma
Federico Solmi, A song of tyranny, 2012, still da video. Courtesy ADN Galería, Barcellona & Luis de Jesús, Los Angeles & Ronald Feldman, New York. Courtesy Istituto Cervantes, Roma

GLI ARTISTI

Una donna (l’artista Saskia Calderón) dipinta come gli indios dell’Amazzonia (macchie rosso/nero sul viso, comunità Huaorani)) racconta la distruzione di quel popolo, Requiem Huao, immagine fedele della nuova ondata di distruzione che si abbatte su natura e popoli indios in America Latina. Il peruviano Diego Lama in The Act fa piovere polvere bianca nella Camera del Congresso fino a formare una montagna, quella montagna di droga che sta deformando le strutture economiche, politiche e morali dello Stato. Il messicano Joaquin Segura fabbrica un carillon dove un ex leader dell’ETA balla una malinconica danza che rinvia alla dissoluzione del gruppo politico, ma soprattutto indica il fallimento delle politiche radicali nel mondo. Ironica la spagnola María Cañas nel bizzarro video dove un suonatore stonato suona in un prato davanti a una marea di tori richiamati dal suono, suggerendo polemiche antimaschiliste e critiche al falso “richiamo all’azione” a cui continuano a rispondere le masse.  La guatemalteca Regina José Galindo (già nota in Italia) organizza un concerto in piazza con gli “Ensamble Coral” contro l’ex dittatore Efraín Ríos Montt, accusato di genocidio dopo la sua caduta, condannato all’ergastolo e libero per sentenza annullata dopo pochi giorni. Il gruppo corale intona in tutte le modalità dissonanti possibili la parola “CULPABLE!” come in una cantata di Bach riprodotta al contrario, in una traduzione scomposta e vibrante delle tragedie e dei massacri ormai divenuti “tollerabile quotidiano”.

Lorenzo Taiuti

Dati correlati
Spazio espositivoINSTITUTO CERVANTES
IndirizzoPiazza Navona 91 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Lorenzo Taiuti
Lorenzo Taiuti ha insegnato corsi su Mass media e Arte e Media presso Academie e Università (Accademia di Belle Arti di Torino e Milano, e Facoltà di Architettura Roma). È esperto delle problematiche estetiche dei nuovi media. È autore di video, installazioni e website, collabora con musicisti sperimentali in produzioni audiovisive. Ha collaborato sui temi di arte e media con vari periodici, tra cui "Giornale dell’Arte", "Virus", "Alias"", "Terzocchio", "Linea d'Ombra", "Repubblica", “Juliet”, “Exibart”, “Artribune”, “Arte e Critica”, “Digimag”, “Noema”, “D’Ars”. Ha pubblicato i seguenti testi sulle tematiche dell’arte e i nuovi media: Arte e media. Avanguardia e comunicazione di massa (Costa & Nolan 1996), Corpi Sognanti. L’Arte nell’epoca delle tecnologie digitali (Feltrinelli 2001), Multimedia. L’Incrocio dei linguaggi comunicativi (Meltemi 2005), I linguaggi digitali (per la serie XXI secolo - Enciclopedia Treccani 2010).