Arte tra neuroscienze e natura. Il progetto di Cosimo Veneziano

Tenuta Cucco-Chiesa di San Sebastiano in Borgo, Serralunga d’Alba – fino al 15 settembre 2019. La Fondazione La Raia esce dai confini dell’azienda agricola di Novi Ligure, dove oggi si trovano sei opere site specific, per ospitare nel podere delle Langhe il secondo capitolo del progetto multidisciplinare “Biomega”.

Cosimo Veneziano, Biomega, Piralide, scultura in marmo e oro. Photo © Matilde Martino
Cosimo Veneziano, Biomega, Piralide, scultura in marmo e oro. Photo © Matilde Martino

La chiesetta medievale di San Sebastiano in Borgo, presso la Tenuta Cucco della Fondazione La Raia al centro di Serralunga d’Alba, è uno spazio di fascino e ancora poco conosciuto, che da tempo attendeva di essere rivelato. L’occasione è arrivata con la mostra Biomega Multiverso, il nuovo capitolo del progetto multidisciplinare Biomega, nato dall’incontro tra un artista, Cosimo Veneziano (Moncalieri, 1983), e un agricoltore, Filippo Racciatti, per esplorare il tema della biodiversità vegetale, con il coinvolgimento della collettività.

IL PROGETTO DELLA FONDAZIONE LA RAIA

Insieme a Irene Crocco, che ha creato con me Fondazione La Raia, avevo già avuto modo di apprezzare il lavoro di Cosimo, in particolare in occasione del progetto LocalArt 2015 della CRC, in cui aveva presentato ad Alba un intervento permanente in dialogo con Pinot Gallizio e la sua storia, oltre alla bella mostra vista nella galleria di Alberto Peola a Torino”, ha spiegato ad Artribune Giorgio Rossi Cairo, presidente di Fondazione La Raia. “Con grande piacere abbiamo sostenuto la mostra, ‘Biomega Multiverso’, attraverso la Fondazione La Raia, che in questo modo prosegue nella sua missione di suggerire riflessioni critiche sul paesaggio, sulla sua trasformazione, sulla capacità che hanno le arti, le più diverse, di farcene cogliere le peculiarità, inducendoci, anche come consumatori, a compiere scelte sempre a favore delle generazioni future”.

Cosimo Veneziano, Biomega Multiverso. Chiesa di San Sebastiano in Borgo, Tenuta Cucco, Serralunga d’Alba 2019, installation view. Photo Matilde Martino
Cosimo Veneziano, Biomega Multiverso. Chiesa di San Sebastiano in Borgo, Tenuta Cucco, Serralunga d’Alba 2019, installation view. Photo Matilde Martino

GLI ORTAGGI E I CONSUMATORI

Per un anno, in collaborazione con il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università IULM di Milano, Veneziano ha realizzato studi sull’uso delle biotecnologie in ambito agroalimentare, riflettendo sui procedimenti di acquisto dei consumatori in relazione alle attuali tendenze di neuromarketing. Ne è nata un’installazione composta da serigrafie e ricami su tessuto, a partire dalle grafiche prodotte grazie a un dispositivo eye tracker, utilizzato dai laboratori di neuroscienze come strumento di registrazione dei movimenti oculari continui.
Si sono potuti così individuare i tracciati ricavati dalla visione di fotografie pubblicitarie di una selezione di prodotti alimentari che ritraggono piante e ortaggi, nelle quali emerge l’idea un po’ irreale di estrema perfezione del prodotto. “L’obiettivo è interrogarsi su quanto l’estetica possa influire sulle scelte del consumatore”, ha dichiarato l’artista, “e riportare l’attenzione della collettività su tematiche legate all’aumento del potere di mercato che porta il pubblico a non essere totalmente consapevole di quanto e di come possa essere influenzato dal mondo mediatico delle immagini pubblicitarie”.

– Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoBiomega Multiverso - Cosimo Veneziano
Vernissage18/07/2019 ore 18,30
Duratadal 18/07/2019 al 15/09/2019
AutoreCosimo Veneziano
CuratoreIlaria Bonacossa
Generearte contemporanea
Spazio espositivoTENUTA CUCCO
IndirizzoPiazza Umberto I - Serralunga d’Alba - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).