Apocalypse now. Alessandro Giannì a Roma

AlbumArte, Roma – fino al 19 luglio 2019. AlbumArte si conferma hub di notevole vitalità, in grado di valorizzare proposte di qualità spesso a chilometro zero. Ora è il turno di un promettente artista romano, autore di intriganti dipinti allucinatori.

La pittura continua a dare segni di vitalità. Di più: sembra diventata, anche in Italia, la pratica più urgente e cool. Lo dicono molti artisti ventenni e trentenni di oggi, sui quali – evidentemente – l’equazione “medium vecchio uguale esiti vecchi” non ha più alcuna presa, anzi è solo formalismo. Alessandro Giannì (Roma, 1989) è tra questi. Ha una sua cifra, un suo specifico immaginario. Dipinge il figurale processandolo in riverberi e rispecchiamenti allucinatori, arrivando a pattern caleidoscopici che restituiscono la velocità comunicativa e introspettiva del nostro tempo.
La mostra, accompagnata da un ottimo testo del curatore Lorenzo Gigotti, ha il solo limite di un’eccessiva eterogeneità – non solo mediale – un po’ annacquante. Spiccano i pezzi che più si avvicinano alla bidimensionalità del design e delle vetrate medievali. Splendido un misterioso dittico intitolato Simultaneità, avente accenti horror e un taglio quasi optical.

Pericle Guaglianone

Evento correlato
Nome eventoAlessandro Giannì - L’apocalisse dell’ora
Vernissage18/06/2019
Duratadal 18/06/2019 al 19/07/2019
AutoreAlessandro Giannì
CuratoreLorenzo Gigotti
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoALBUMARTE
IndirizzoVia Flaminia 122, 00196 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.