Frammenti di istanti. Jessica Warboys a Firenze

Galleria Gentili, Firenze ‒ fino al 25 maggio 2019. Racchiusa in una romantica cornice letteraria, la mostra dalla forte impronta emotiva è sospesa fra presente e passato. Nel segno dell’identità, della memoria, della riappropriazione.

Architettura, tempo, memoria, trasposizione storica e il suo conseguente inganno sono trasposti da Jessica Warboys (Newport, 1977) in un percorso che si snoda sulla reminiscenza dei taccuini di viaggio di Henry James e sul rapporto fra individuo e dimensione storica.
Una mostra di pensiero, dove il tempo non si vede ma è suggerito, legato all’idea della sensazione, dell’attimo vissuto e subito scomparso, della bellezza che sosta davanti allo sguardo e si imprime nell’animo.
Figure geometriche che ricordano le piante di basiliche rinascimentali, grandi tele che sembrano mappe geografiche cinquecentesche, scorci di paesaggi rocciosi, oppure parti di antichi affreschi dove i pigmenti sembrano tracciare un itinerario visivo, tattile e olfattivo, sulla china dei secoli. L’immobilità del paesaggio e dell’architettura, spettatrice del fugace passaggio di milioni di esseri umani che vi associano personali ricordi e sensazioni, nell’illusione di un vano possesso, ma anche nella certezza di futuri sviluppi artistici e sociali.

Niccolò Lucarelli

Dati correlati
AutoreJessica Warboys
Spazio espositivoGALLERIA GENTILI
IndirizzoBorgo Pinti 80/R - 82/R - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.