Il paesaggio, tra particolare e universale. Marco Strappato a Roma

The Gallery Apart, Roma ‒ fino al 26 aprile 2019. Quarta personale di Marco Strappato negli spazi della galleria romana, “Au-delà” è una mostra intima e autobiografica. Al centro c’è il tema del paesaggio, indagato con un corpus di opere recenti.

È una mostra quasi interamente monocromatica quella di Marco Strappato (Porto San Giorgio, 1982; vive a Londra) in corso da The Gallery Apart a Roma. Il colore dominante è il bianco, l’atmosfera minimale è interrotta da pochi segni: quasi degli schizzi leggeri sulla tela immacolata dello spazio espositivo. Torna a più riprese un tema ricorrente nella ricerca dell’artista marchigiano, quello del paesaggio, inteso sia come scenografia dell’esistenza che come combinazione di segni. C’è il paesaggio della costa adriatica imbiancato dalla neve e sdoppiato in un video allestito sul pavimento; c’è l’orizzonte che divide il mare e il cielo in un piccolo scatto reso surreale dalla presenza contemporanea di due soli; ci sono due sfere di marmo, a terra, a simboleggiare l’idea stessa di mondo.
Un mondo sdoppiato tra interno ed esterno, tra universale e particolare, tra storia collettiva e biografia personale. Non a caso, sul muro successivo, Strappato regala allo spettatore il suo primo autoritratto, un piccolo dipinto dove la figura è ridotta a silhouette, una presenza suggerita più che esibita.
Al piano di sotto, quattro grandi pannelli di legno riprendono alcune famose fotografie di Luigi Ghirri; l’immagine, ridotta a poche linee essenziali, è stata incisa sul supporto meccanicamente. Tutto intorno, a terra, sculture dall’aspetto biomorfico trasformano in piccoli monumenti dei legni trovati in riva al mare.

Valentina Tanni 

Evento correlato
Nome eventoMarco Strappato – Au-delà
Vernissage07/03/2019 ore 18
Duratadal 07/03/2019 al 26/04/2019
AutoreMarco Strappato
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoTHE GALLERY APART
Indirizzovia Francesco Negri 43 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016, Lubiana 2017). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Attualmente insegna Digital Art al Politecnico di Milano. Dal 2011 collabora con Artribune.