La pittura, irriducibile presenza. A Venezia la grande retrospettiva dedicata ad Alberto Burri

Sull’Isola di San Giorgio Maggiore, la Fondazione Giorgio Cini inaugurerà una mostra antologica dedicata a uno dei maggiori interpreti dell’Informale italiano, indagandone la poetica e l’uso espressivo della materia

Alberto Burri: Rosso Plastica M3, 1961, Plastica, combustione su tela, cm 121,5x182,5 (127,5x188,5x5,5). Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri
Alberto Burri: Rosso Plastica M3, 1961, Plastica, combustione su tela, cm 121,5x182,5 (127,5x188,5x5,5). Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri

Inaugurerà il prossimo 10 maggio, in concomitanza con la 58. Mostra Internazionale d’Arte di Venezia, BURRI la pittura, irriducibile presenza, mostra che la Fondazione Giorgio Cini dedica ad Alberto Burri (Città di Castello, 1915-1995) presso la propria sede sull’Isola di San Giorgio Maggiore. L’esposizione, curata da Bruno Corà e promossa da Fondazione Cini insieme a Fondazione Burri e in collaborazione con Tornabuoni Art, è un progetto concepito appositamente per Venezia, un’antologica che attraverso 50 opere provenienti da musei italiani e stranieri indagherà il percorso artistico di uno dei maggiori interpreti dell’Informale italiano: dai primi Catrami e le Muffe (entrambi del 1948), presentati in stretto confronto con gli iconici Sacchi (1949-50), ai Gobbi (1950), per arrivare poi alle Combustioni (1953), i Legni (1955), i Ferri (1958) e Cellotex (realizzati fino alla metà degli anni Novanta). In queste ultime serie, Burri continua a sperimentare e a mixare materie naturali e artificiali, osservandone i fenomeni di degradazione e combustione. Il clou della mostra è rappresentato dai Cretti (1970), tra le opere e i temi più iconici della poetica di Burri, in cui una superficie monocroma viene lasciata al sole a essiccare. Tra i più celebri e vasti Cretti è quello di Gibellina, con cui Burri nel 1981 ha ricoperto le macerie della cittadina siciliana colpita dal terremoto: una sorta di grande sudario di cemento dal fortissimo impatto emotivo. “Lo shock prodotto da Burri negli anni dell’immediato dopoguerra”, spiega Corà, “si può misurare solo con l’effetto ottenuto in tutto l’arco di esperienze artistiche da lui influenzate: dal New Dada di Rauschenberg, Jonhs e Dine, al Nouveau Réalisme di Klein, César, Arman e Rotella, dall’Arte Povera di Pistoletto, Kounellis, Pascali e Calzolari all’arte processuale e fino al neominimalismo a base monocroma”.

– Desirée Maida

Evento correlato
Nome eventoBurri la pittura irriducibile presenza
Vernissage09/05/2019 ore 11 anteprima stampa su invito
Duratadal 09/05/2019 al 28/06/2019
AutoreAlberto Burri
CuratoreBruno Corà
Generearte moderna
Spazio espositivoFONDAZIONE GIORGIO CINI ISOLA DI SAN GIORGIO MAGGIORE
IndirizzoIsola di San Giorgio Maggiore - Venezia - Veneto
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.