Frammenti di un discorso sull’architettura. Marina Paris a Roma

Spazio Nuovo, Roma ‒ fino al 16 marzo 2019. “Urban Fragments” è il titolo della mostra personale di Marina Paris nella sede romana. Una riflessione al confine tra arti visive e architettura.

Non è una sorpresa che Marina Paris (Sassoferrato, 1965) abbia scelto di confrontarsi con l’operato di Aldo Rossi, visto che l’interesse per l’architettura ‒ intesa come filtro per la percezione dello spazio circostante e sistema di relazione tra uomo e ambiente ‒ invade quasi la totalità dei suoi lavori. I frammenti scelti come fulcro teorico ed estetico della mostra – sono cartoline degli Anni Cinquanta, scatti suoi e collage – hanno un valore metaforico e spingono a immaginare nuovi orizzonti di paesaggio e di pensiero e ideali riassetti urbanistici e domestici, tra memoria e desiderio.
La pratica dello strappo distrugge e ricostruisce, rendendo possibili accostamenti e nuove identità. Un concetto che riecheggia in quello di memoria collettiva, che Aldo Rossi introduce nel discorso sull’architettura e che sottolinea il carattere complementare dell’immagine della città, raramente coerente, ordinata e immanente, ma semplicemente desiderosa di emanciparsi dal passato, come scrive Emanuela Nobile Mino nel testo critico.

Chiara Ciolfi

Evento correlato
Nome eventoMarina Paris - Urban Fragments
Vernissage14/02/2019 ore 18,30
Duratadal 14/02/2019 al 16/03/2019
AutoreMarina Paris
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoSPAZIO NUOVO
Indirizzovia d'Ascanio 20 | 00186 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Chiara Ciolfi
Chiara Ciolfi (Roma, 1987) è laureanda in Storia dell’Arte presso l’Università di Roma La Sapienza. Si interessa di arte contemporanea in tutte le sue forme, con un accento particolare sull’editoria e le riviste di settore. Ha collaborato con Exibart dal 2008 al 2011 fino all’avvento dell’ “era Artribune”. Attualmente sta costruendo il suo percorso tra stage e collaborazioni con fondazioni orientate alla ricerca (Nomas Foundation) e gallerie collaudate (Gagosian Gallery), con il sogno di farne un lavoro vero.