Rayyane Tabet e Dara Friedman. A Torino

Galleria Franco Noero, Torino ‒ fino al 26 febbraio 2018. La sede della galleria torinese in via Mottalciata ospita due rassegne dallo stampo fortemente contemporaneo.

Rayyan Tabet, What Goes Around Comes Around, What Goes Up Must Come Down. Installation view at Galleria Franco Noero, Torino 2018. Photo Sebastiano Pellion di Persano
Rayyan Tabet, What Goes Around Comes Around, What Goes Up Must Come Down. Installation view at Galleria Franco Noero, Torino 2018. Photo Sebastiano Pellion di Persano

La galleria Franco Noero, presso la sede di via Mottalciata, si fa contenitore di idee e costruzioni, nella prima personale di Rayyan Tabet (Achkout, 1983), Hidden in plain sight. Tabet, giovane artista libanese, mostra, attraverso un discorso di cose e luoghi, storie comuni che, prese singolarmente, potrebbero non avere voce, ma assemblate, come i tasselli di un puzzle più vasto, contribuiscono alla scrittura della storia umana. Materialmente questo progetto si concretizza in cinque installazioni, Still life with neon, Fridge and beer, Arabic for all ‒ Road Trip, A Short History of Lebanon ‒ What Goes Around Comes Around, What Goes Up Must Come Down, atte a sviluppare il nesso tra ciò che apparentemente è irrilevante e la storia stessa di un luogo, di un tempo dove il dettaglio quotidiano non è la sterile rappresentazione di un avvenimento, ma la sillaba che costruisce la parola finalizzata al racconto.

Dara Friedman. L☿over. Installation view at Galleria Franco Noero, Torino 2018. Photo Sebastiano Pellion di Persano
Dara Friedman. L☿over. Installation view at Galleria Franco Noero, Torino 2018. Photo Sebastiano Pellion di Persano

DARA FRIEDMAN

Lo spazio “In Residence” fa da cornice all’intensa profondità filmica di Dara Friedman (Bad Kreunznach, 1968) con Lover, sua prima personale a Torino. Allieva del noto regista austriaco Peter Kubelka, l’artista mette in scena le tendenze del cinema sperimentale del XX secolo, dove il medium si riduce alle sue caratteristiche più essenziali. Le opere di Friedman generano tensioni e sono rappresentazione di concetti semplici che si snodano liberamente, spostandosi dalla forma alla struttura per terminare nella composizione. Siamo di fronte a momenti intimi e veri, dinanzi ai quali non possiamo sottrarci alla voce dell’inconscio, favorendo un’esperienza conscia. È il dialogo puro e genuino con noi stessi, con le nostre ancestrali paure, con i nostri più reconditi desideri, oltre il vuoto di dettami preconfezionati.
Lover crea un’esperienza che introduce alla potente visione di un Ur-mensch: una donna fallica. Sulle note della partitura di flauto del Preludio al pomeriggio d’un fauno di Claude Debussy, Friedman presenta un poema empirico; avvalendosi di uno spettro non oggettivo di campi di colore, intende dissolvere la materialità delle immagini, per arrivare all’intimo sensoriale.

Grazia Nuzzi

Evento correlato
Nome eventoRayyane Tabet / Dara Friedman
Vernissage30/10/2018 ore 18.30
Duratadal 30/10/2018 al 26/02/2019
AutoriRayyane Tabet, Dara Friedman
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA FRANCO NOERO - NEW SPACE
IndirizzoVia Mottalciata 10b - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Grazia Nuzzi
Nasce a Formia (LT) il 17 novembre 1977, si laurea alla facoltà di Lettere e Filosofia in Conservazione dei Beni Culturali, con indirizzo storico artistico presso la II Università degli Studi di Napoli, nel 2005. Nel 2006 è socio fondatore della cooperativa di servizi culturali “Lilladis” a.r.l, dove ha inizio il suo percorso lavorativo come storico, curatore e critico d’arte. Dal 2008 al 2010 è educatore museale presso il Museo Civico Archeologico “Biagio Greco” di Mondragone (CE). È docente di Letteratura italiana e Storia, critico d’arte e autore (dal 2006 ad oggi), si muove verso il pensiero contemporaneo, nella ricerca e individuazione dei nuovi linguaggi dell’arte, sempre con occhio attento a tutto il panorama artistico storico. Dal 2014 è presidente dell’associazione culturale LIBERALART, con la quale è impegnata nella diffusione di messaggi sociali attraverso progetti didattico-artistici rivolti alle scuole di ogni ordine e grado e ai giovani artisti che intendono portare agli occhi del panorama creativo il loro “disegno” espressivo e comunicativo. Accresce la sua formazione come docente attraverso percorsi di studi specialistici. Attualmente vive a Torino.