Le emozioni della pittura. Amelie Von Wulffen a Milano

Galleria Giò Marconi, Milano ‒ fino al 19 gennaio 2019. Tra realtà e fantasia, soluzioni cromatiche ardite e ingannevole intimità, l’artista tedesca crea un meraviglioso universo di sensazioni e illusioni. In equilibrio fra il mondo interiore e l’ambiguità della realtà esterna.

Riallacciandosi all’assunto del Cavalier Marino – “è del poeta il fin la meraviglia” ‒, la tedesca Amelie Von Wulffen (Breitenbrunn, 1966) sviluppa una pittura della fantasia che apre sconfinati mondi interiori, dove rifugiarsi inseguendo le proprie sensazioni e assecondando i propri desideri, come la scelta di un gelato.
L’eclettismo dell’artista spazia fra reminiscenze della Neue Sachlichkeit e inquietanti richiami simbolisti, e un’atmosfera dolceamara permea l’intera mostra. L’idea è quella di scene intime, improbabili, ambigue, che l’osservatore, ospite inatteso, coglie dall’esterno come un estraneo qualsiasi, ne resta meravigliato e in parte anche turbato, e in mezzo, fra lui e il quadro, si frappone una percezione di fragilità difficilmente attribuibile, forse alla realtà, forse alla fantasia. Una fragilità che ricorda quella espressa da Tennessee Williams ne Lo zoo di vetro. Da qui la scelta di un titolo claustrofobico, a ricordarci come la fantasia sia sempre stata prigioniera della realtà.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoAmelie von Wulffen - Ragazze dietro le sbarre (Mädchen hinter Gittern)
Vernissage15/11/2018 ore 19
Duratadal 15/11/2018 al 19/01/2019
AutoreAmelie von Wulffen
Generearte contemporanea
Spazio espositivoGIO' MARCONI
Indirizzovia Tadino 20 20124 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.