Psicoanalisi e poesia. Carol Rama Firenze

Galleria Il Ponte, Firenze ‒ fino all’8 febbraio 2019. Una retrospettiva celebra l’artista torinese a cento anni dalla nascita. Mezzo secolo di carriera ripercorso in trentanove opere dal 1942 al 1997. Fra disegni, acqueforti, dipinti e assemblaggi.

Vita e poesia si fondono nel percorso artistico fra Surrealismo, Espressionismo Astratto e Informale di Carol Rama (Torino, 1918-2015), della quale molto è stato detto, ma che la lettura curatoriale di Bruno Corà pone sotto una luce inconsueta. Al suo rapporto con la poesia analizzato da Corà rimandano sia i disegni degli Anni Settanta e Novanta sia le composizioni geometriche degli Anni Cinquanta e Sessanta, vicine al “criptico geometrismo” di Sanguineti e Manganelli. La poesia, per Rama, diviene strumento di interrogazione sull’esistenza, per tramite dell’arte.
La curatela di Bernardi, invece, accosta il lato psicanalitico della sua produzione, incentrato principalmente sulle composizioni a materiali di riuso, fra cui le camere d’aria. Di queste, come delle pitture a sfondo erotico, emerge quel loro essere simbolo di assenza, sorta di feticci freudiani che spiegano complessi e pulsioni sessuali, in bilico tra rifiuto e desiderio.

Niccolò Lucarelli

Evento correlato
Nome eventoCarol Rama - 1942-1997
Vernissage23/11/2018 ore 18
Duratadal 23/11/2018 al 08/02/2019
AutoreCarol Rama
CuratoreBruno Corà
Generipersonale, arte moderna
Spazio espositivoGALLERIA IL PONTE
IndirizzoVia Di Mezzo 42/B - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.