Fantasmi di carne e disillusioni politiche. Avish Khebrehzadeh a Milano

M77, Milano ‒ fino al 2 febbraio 2019. La galleria di via Mecenate ospita una personale dell’artista Avish Khebrehzadeh, che, emigrata negli Stati Uniti in seguito alla rivoluzione iraniana del ’79, mette in scena i traumi e i moti della memoria tramite una pratica pittorica multiforme.

La mostra si apre con una grande opera murale: incastonate in una ragnatela di rami bluastri e rischiarate da luci ultraviolette, le pitture di Avish Khebrehzadeh (Teheran, 1969), denunciano l’ipocrisia di una libertà romantica attraverso la resa ispida e granulosa delle figure umane. Nella stanza limitrofa una successione di “gong” scandisce una corsa di cavalli sbrigliati, che, proiettata sull’intera superficie del muro e riprodotta incessantemente, trasforma l’ideale selvaggio di libertà in conformismo.
Al piano superiore disegni, pitture e installazioni raccontano la violenza fine a se stessa della rivoluzione guidata dall’Ayatollah Khomeyni che, approfittando dell’odio di classe verso la monarchia di Scià Mohammad Reza Pahlavi, instaura una Repubblica altrettanto repressiva finanziata dagli Stati Uniti in cambio della prelazione sulle materie prime del territorio. Carri armati disegnati su carta si interfacciano a dipinti rosso sangue in cui i tratti dei volti coincidono con le lacerazioni della tela stessa, mentre sul pavimento è proiettato un mandala di immagini cosmiche che narra la fuga di Avish dal regime sciita.

Arianna Cavigioli

Evento correlato
Nome eventoAvish Khebrehzadeh - I Sing with My Tongue Silent
Vernissage19/11/2018 ore 19
Duratadal 19/11/2018 al 09/02/2019
AutoreAvish Khebrehzadeh
CuratoreDanilo Eccher
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoM77 GALLERY
Indirizzovia Mecenate 77 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Cavigioli
Arianna Cavigioli (Milano, 1995) è un’artista laureata in Pittura e Arti Visive presso NABA, con una tesi che analizza i casi-studio inerenti alla museologia e propone un modello di exhibition display che tenta di sfuggire alla logica museale del white cube. Le sue opere sono state esposte presso La Fabbrica del Vapore, Fondazione Pini e Current. Attualmente studia presso NABA e collabora con Forme Uniche.