Le opere surreali di Paolo Grassino. A Firenze

Eduardo Secci Contemporary, Firenze ‒ fino al 13 ottobre 2018. Il tema della crudeltà dell’esistenza anima i tre interventi di Paolo Grassino, con la curatela di Lóránd Hegyi.

Animali, insetti e uomini in bilico tra il naturale e l’artificiale: sono i soggetti che porta in scena Paolo Grassino (Torino, 1967), che con le sue opere propone una riflessione sulla condizione umana, combinando in modo dinamico la dimensione drammatica e la sensazione di inquietudine. Atmosfere post-apocalittiche narrano di mondi instabili e paure radicate. Per sedurre gli insetti è l’installazione in cui cavi elettrici si annodano in modo disordinato creando dei bozzoli abitati da insetti. La condanna a morte imminente è dovuta alla luce, noto simbolo vitale, come un contrappasso della società odierna. Serie Zero ci annulla. Uomini senza volto hanno perso d’identità. Tumulto è istintiva, monumentale e primitiva. Composta da opere separate, per la prima volta assemblata in una scultura unica. Impetuosa ed energica, ma è l’ineffabilità a vincere su tutto.
In contemporanea, nella Project Room, c’è Beneath the Surface, mostra bipersonale di Petro Matos e Konrad Wyrebek, a cura di Daniele Capra. Il focus è il tema dell’immagine come traccia: dalle incisioni sui muri agli errori di trasmissione nel digitale.

Federica Gerini

Evento correlato
Nome eventoPaolo Grassino
Vernissage07/09/2018 ore 18
Duratadal 07/09/2018 al 13/10/2018
AutorePaolo Grassino
CuratoreLorand Hegyi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoEDUARDO SECCI CONTEMPORARY
IndirizzoPiazza Goldoni, 2 - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Gerini
Classe 1991, Architetto. Fabrianese di nascita ma fiorentina di adozione, con la passione per i viaggi, la fotografia e l’architettura. Un film di Wes Anderson, un libro di Calvino e una canzone degli Arctic Monkeys sono ciò che la descrivono al meglio. Dal 2015 collabora in uno studio di Architettura e Design a Firenze. Nel 2017 ha aperto il blog di architettura e viaggi Tornopercena. Da quel momento è contributor per magazine come Viaggio nel Mondo, FUL – Firenze Urban Lifestyle e The Italian Eye Magazine.